Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Traduttore

in IT e Media

Il Traduttore è un professionista che si occupa di tradurre (generalmente all’italiano o dall’italiano a un’altra lingua) testi di diverso genere e tipo. Il traduttore deve essere ben attento che il significato di quanto tradotto non vada perso nell’adattamento da lingua a lingua. Deve quindi essere pienamente consapevole delle caratteristiche di entrambi i contesti socio-linguistici e culturali. La  conoscenza perfetta della lingua di partenza e della lingua di approdo è una condizione necessaria ma non sufficiente per intraprendere questa professione. Il traduttore è chiamato innanzi tutto a conoscere le tecniche di traduzione, oltre a conoscere ad esempio quali sono le unità di misura vigenti nei contesti delle due lingue, quali sono le espressioni gergali comunemente in uso e quali le traduzioni linguistiche regionali (se presenti) del contesto.

In genere, il traduttore si specializza nel lavoro su testi provenienti o destinati a una lingua specifica e/o nel lavoro su testi di un settore specifico della letteratura, della saggistica o della scrittura tecnica. Vi sono anche traduttori che lavorano su altri prodotti mediali come per esempio film o programmi televisivi.

Vi sono quattro distinti profili del traduttore:

  • il traduttore editoriale, che si occupa di tradurre testi letterari e/o di saggistica con riferimento all’ambito letterario
  • il traduttore tecnico-scientifico, che si occupa di tradurre testi tecnici e scientifici di diversi ambiti (medico, giuridico, ingegneristico etc.)
  • l’adattatore dialoghista, che si occupa di doppiare prodotti cinematografici o televisivi
  • il traduttore localizzatore, che si occupa di tradurre e adattare testi commerciali soprattutto nell’ambito del web. Si tratta del profilo di traduttore emerso più di recente nel mercato del lavoro italiano

Nella maggioranza dei casi, il traduttore lavora come freelance: propone a chi ne sia interessato la traduzione di particolari opere, oppure riceve specifici incarichi di traduzione da committenti di vario genere. Qui un contratto tipo per il lavoro di traduzione.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Dato che le lingue sono in costante evoluzione, il percorso formativo del traduttore non può dirsi mai concluso definitivamente. Il traduttore deve infatti effettuare aggiornamenti professionali continui poiché le lingue mutano di continuo.

In Italia (a differenza di quanto accade nel resto dell’Unione Europea) la professione non è regolamentata e non esiste un albo dei traduttori.

Dunque per diventare traduttori non è necessario aver conseguito un titolo di studi specifico, anche se vi sono alcune competenze che, oltre alla padronanza della lingua italiana e della lingua di destinazione o di partenza, risultano importanti per svolgere la professione.

Le competenze richieste al traduttore editoriale riguardano essenzialmente la padronanza della lingua di partenza e di quella di destinazione e la conoscenza dell’ambito editoriale e letterario.

Per diventare un traduttore tecnico-scientifico, a queste competenze se ne aggiungono altre che si riferiscono al settore specifico di riferimento (un traduttore di testi in ambito medico dovrà per esempio avere anche competenze nell’ambito).

Il traduttore localizzatore, invece, deve aggiungere alle competenze succitate un’ottima conoscenza del web e una buona padronanza di discipline connesse al marketing.

L’adattatore dialoghista, infine, deve conoscere il linguaggio televisivo e i suoi tempi.

È comunque consigliabile, data l’alta specializzazione che il lavoro di traduzione richiede, aver frequentato un Liceo Classico o Linguistico e un Corso di laurea in Traduzione e Interpretariato o materie equipollenti.

In Italia esiste un’ampia gamma di Master e Corsi di formazione adeguati a chi voglia acquisire le competenze del traduttore.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Nella macrocategoria degli "Specialisti in discipline linguistiche, letterarie e documentali", che comprende i Traduttori e interpreti a livello elevato, si prevede un aumento occupazionale tra il 2014 e il 2018. Si prevede infatti di passare dai 99.033 occupati nel 2014 ai 103.777 occupati nel 2018, con una variazione del 4,8%.

Previsione occupati 2014-2018

traduttore-1

Fonte: Isfol

Non esiste un range retributivo stabilito entro cui si muove il traduttore. Le tariffe della traduzione variano infatti di molto in base ai seguenti parametri:

  • grado di complessità del testo
  • specializzazione del traduttore
  • tipo di destinatari della traduzione
  • lingua di provenienza e di destinazione

Si può sostenere tuttavia, a titolo esemplificativo, che un traduttore editoriale specializzato che debba portare all’italiano un testo di narrativa può arrivare a guadagnare 20 euro per cartella tradotta (la cartella è una misura standard del mondo editoriale: consiste in un foglio di testo di 1.800/2.000 battute, spazi compresi). 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Traduttore
Descrizione

Il Traduttore è un professionista che si occupa di tradurre (generalmente all’italiano o dall’italiano a un’altra lingua) testi di diverso genere e tipo. Il traduttore deve essere ben attento che il significato di quanto tradotto non vada perso nell’adattamento da lingua a lingua. Deve quindi essere pienamente consapevole delle caratteristiche di entrambi i contesti socio-linguistici e culturali. La  conoscenza perfetta della lingua di partenza e della lingua di approdo è una condizione necessaria ma non sufficiente per intraprendere questa professione. Il traduttore è chiamato innanzi tutto a conoscere le tecniche di traduzione, oltre a conoscere ad esempio quali sono le unità di misura vigenti nei contesti delle due lingue, quali sono le espressioni gergali comunemente in uso e quali le traduzioni linguistiche regionali (se presenti) del contesto.

In genere, il traduttore si specializza nel lavoro su testi provenienti o destinati a una lingua specifica e/o nel lavoro su testi di un settore specifico della letteratura, della saggistica o della scrittura tecnica. Vi sono anche traduttori che lavorano su altri prodotti mediali come per esempio film o programmi televisivi.

Vi sono quattro distinti profili del traduttore:

  • il traduttore editoriale, che si occupa di tradurre testi letterari e/o di saggistica con riferimento all’ambito letterario
  • il traduttore tecnico-scientifico, che si occupa di tradurre testi tecnici e scientifici di diversi ambiti (medico, giuridico, ingegneristico etc.)
  • l’adattatore dialoghista, che si occupa di doppiare prodotti cinematografici o televisivi
  • il traduttore localizzatore, che si occupa di tradurre e adattare testi commerciali soprattutto nell’ambito del web. Si tratta del profilo di traduttore emerso più di recente nel mercato del lavoro italiano

Nella maggioranza dei casi, il traduttore lavora come freelance: propone a chi ne sia interessato la traduzione di particolari opere, oppure riceve specifici incarichi di traduzione da committenti di vario genere. Qui un contratto tipo per il lavoro di traduzione.

Percorso formativo

Dato che le lingue sono in costante evoluzione, il percorso formativo del traduttore non può dirsi mai concluso definitivamente. Il traduttore deve infatti effettuare aggiornamenti professionali continui poiché le lingue mutano di continuo.

In Italia (a differenza di quanto accade nel resto dell’Unione Europea) la professione non è regolamentata e non esiste un albo dei traduttori.

Dunque per diventare traduttori non è necessario aver conseguito un titolo di studi specifico, anche se vi sono alcune competenze che, oltre alla padronanza della lingua italiana e della lingua di destinazione o di partenza, risultano importanti per svolgere la professione.

Le competenze richieste al traduttore editoriale riguardano essenzialmente la padronanza della lingua di partenza e di quella di destinazione e la conoscenza dell’ambito editoriale e letterario.

Per diventare un traduttore tecnico-scientifico, a queste competenze se ne aggiungono altre che si riferiscono al settore specifico di riferimento (un traduttore di testi in ambito medico dovrà per esempio avere anche competenze nell’ambito).

Il traduttore localizzatore, invece, deve aggiungere alle competenze succitate un’ottima conoscenza del web e una buona padronanza di discipline connesse al marketing.

L’adattatore dialoghista, infine, deve conoscere il linguaggio televisivo e i suoi tempi.

È comunque consigliabile, data l’alta specializzazione che il lavoro di traduzione richiede, aver frequentato un Liceo Classico o Linguistico e un Corso di laurea in Traduzione e Interpretariato o materie equipollenti.

In Italia esiste un’ampia gamma di Master e Corsi di formazione adeguati a chi voglia acquisire le competenze del traduttore.

Numeri della professione

Nella macrocategoria degli "Specialisti in discipline linguistiche, letterarie e documentali", che comprende i Traduttori e interpreti a livello elevato, si prevede un aumento occupazionale tra il 2014 e il 2018. Si prevede infatti di passare dai 99.033 occupati nel 2014 ai 103.777 occupati nel 2018, con una variazione del 4,8%.

Previsione occupati 2014-2018

traduttore-1

Fonte: Isfol

Non esiste un range retributivo stabilito entro cui si muove il traduttore. Le tariffe della traduzione variano infatti di molto in base ai seguenti parametri:

  • grado di complessità del testo
  • specializzazione del traduttore
  • tipo di destinatari della traduzione
  • lingua di provenienza e di destinazione

Si può sostenere tuttavia, a titolo esemplificativo, che un traduttore editoriale specializzato che debba portare all’italiano un testo di narrativa può arrivare a guadagnare 20 euro per cartella tradotta (la cartella è una misura standard del mondo editoriale: consiste in un foglio di testo di 1.800/2.000 battute, spazi compresi). 

Traduttore
 
Utility WeCanJob

Il Traduttore è un professionista che si occupa di tradurre (generalmente all’italiano o dall’italiano a un’altra lingua) testi di diverso genere e tipo. Il traduttore deve essere ben attento che il significato di quanto tradotto non vada perso nell’adattamento da lingua a lingua. Deve quindi essere pienamente consapevole delle caratteristiche di entrambi i contesti socio-linguistici e culturali. La  conoscenza perfetta della lingua di partenza e della lingua di approdo è una condizione necessaria ma non sufficiente per intraprendere questa professione. Il traduttore è chiamato innanzi tutto a conoscere le tecniche di traduzione, oltre a conoscere ad esempio quali sono le unità di misura vigenti nei contesti delle due lingue, quali sono le espressioni gergali comunemente in uso e quali le traduzioni linguistiche regionali (se presenti) del contesto.

In genere, il traduttore si specializza nel lavoro su testi provenienti o destinati a una lingua specifica e/o nel lavoro su testi di un settore specifico della letteratura, della saggistica o della scrittura tecnica. Vi sono anche traduttori che lavorano su altri prodotti mediali come per esempio film o programmi televisivi.

Vi sono quattro distinti profili del traduttore:

  • il traduttore editoriale, che si occupa di tradurre testi letterari e/o di saggistica con riferimento all’ambito letterario
  • il traduttore tecnico-scientifico, che si occupa di tradurre testi tecnici e scientifici di diversi ambiti (medico, giuridico, ingegneristico etc.)
  • l’adattatore dialoghista, che si occupa di doppiare prodotti cinematografici o televisivi
  • il traduttore localizzatore, che si occupa di tradurre e adattare testi commerciali soprattutto nell’ambito del web. Si tratta del profilo di traduttore emerso più di recente nel mercato del lavoro italiano

Nella maggioranza dei casi, il traduttore lavora come freelance: propone a chi ne sia interessato la traduzione di particolari opere, oppure riceve specifici incarichi di traduzione da committenti di vario genere. Qui un contratto tipo per il lavoro di traduzione.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Lavorare nell'editoria: i ruoli di una casa editrice
Immaginiamo di entrare in libreria e prendere in mano un romanzo. In realtà, inconsapevolmente stiamo valutando il ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Gli errori più comuni della lingua italiana: verbi dubbi
Gli errori più comuni della lingua italiana: verbi dubbi Esprimersi nel modo corretto in alcuni contesti è ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
28
set
2020
Fondazione Erba: premi per 45.000 euro a laureati in Biologia, Farmacia, CTF, Chimica, Medicina e altre discipline biomediche
La Fondazione Carlo Erba ha bandito l’edizione 2020 dei suoi Premi di laurea, destinati a valorizzare il lavoro di ....
26
set
2020
Università Torino: master di I livello in Progettazione, comunicazione e management del turismo culturale
Sono aperte le iscrizioni alla II edizione del master di I livello in Progettazione, comunicazione e management del turismo ....
26
set
2020
Istituto Neuroscienze CNR: Assegni di ricerca da 19.367 euro a laureati in Biologia, Biotecnologie mediche e Neurobiologia
L’Istituto di Neuroscienze del CNR, sede di Milano, ha pubblicato un bando finalizzato al conferimento di 3 Assegni ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it