Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Tornitore

in Industria e trasporti

Chi è e di cosa si occupa il Tornitore?

Il Tornitore è addetto alle macchine di lavorazione del metallo o del legno (torni) in base alla sua specializzazione. Chi svolge questo mestiere predispone gli attrezzi e gli strumenti necessari per eseguire le diverse lavorazioni, effettuarne il controllo e montaggio, impostare le macchine e realizzare campioni di prova.

Il tornitore si occupa di macchine tradizionali o a controllo numerico. In quest’ultimo caso il suo compito è quello di applicare, testare e correggere dove necessario gli appositi programmi disponibili sul torni, oppure all’occorrenza crearne di nuovi.

Tra le attività di sua competenza ci sono:

  • Lavorare il ferro, praticare fori in cilindri di metallo o lavorare i cilindri secondo le forme richieste e necessarie
  • Esame dei disegni meccanici con le dimensioni del prodotto da realizzare
  • La selezione della velocità e del tipo di scalpello da utilizzare
  • La manutenzione e il collaudo dei macchinari
  • Il lavoro del pezzo in movimento in modo da produrre le forme e le superfici desiderate

Il tornitore svolge la professione sia come lavoratore dipendente che autonomo in uno stabilimento meccanico per la produzione di singoli pezzi su commissione di privati o per conto di grandi imprese. Il suo ambiente di lavoro sono fabbriche e officine, in cui può essere esposto a grasso, polvere e inquinamento acustico.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Tornitore?

Per l’esercizio della professione è sufficiente un diploma di scuola media superiore a indirizzo tecnico professionale e/o la frequenza a uno specifico Corso di formazione.

Le scuole consigliate per una preparazione idonea alla figura del tornitore sono gli IPSIA (Istituti Professionali Industria e Artigianato) e gli Istituti tecnici per meccanici, seguiti preferibilmente da un periodo di apprendistato sotto la guida di un esperto per apprendere al meglio i trucchi del mestiere.

Un tornitore ha certamente buona manualità e precisione, complementari all’acquisizione di conoscenze tecnico-scientifiche in materia di macchine utensili utilizzate nel campo industriale. Non è raro che un tornitore si debba occupare di macchine a controllo numerico in cui è previsto l’utilizzo dell’informatica nella loro programmazione. Pertanto è consigliabile raggiungere una preparazione equivalente alla Patente europea. Deve inoltre conoscere e saper applicare le norme in materia di sicurezza e infortuni.

A seguito di una maturata esperienza nella professione, può intraprendere l’attività in proprio.

Non esistono limiti di età per intraprendere il mestiere del tornitore. I giovani sotto i 29 anni sono sostenuti da formule contrattuali vantaggiose per le aziende come il contratto di apprendistato, ma la domanda di lavoro è alta anche per gli over 40. A livello formativo, sono sicuramente di supporto i corsi serali, attivati ad esempio all’interno degli IPSIA e degli Istituti meccanici statali. Chi ha già una formazione tecnica può decidere di frequentare un Corso privato che generalmente dura un paio di mesi o un Corso attivato presso la Regione di residenza.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dei Tornitori?

La professione del tornitore è una delle più ricercate nel mercato del lavoro, tra le migliori retribuite nell’industria meccanica. Appartiene alla macrocategoria degli "Attrezzisti di macchine utensili e professioni assimilate". Nel 2018 ci sono state 48.420 assunzioni, di cui 34.520 assunzioni di dipendenti.

Quali sono i requisiti richiesti ai Tornitori?

Le Industrie meccaniche che desiderano assumere Tornitori cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 27,7% dei datori di lavoro)

  • esperienza nello stesso settore (è richiesta dal 43,6% dei datori di lavoro)

  • formazione professionale (richiesta dal 52,6% dei datori di lavoro)

Dei 48.420 nuovi assunti del 2018, per il 46% con contratto a tempo determinato e per il 36% un contratto a tempo indeterminato. Il 92% necessiterà di ulteriore formazione mentre raramente verranno richieste conoscenze informatiche o di lingue straniere.

Quanto guadagna mediamente un Tornitore?

Un professionista esperto può arrivare a percepire tra i 2.000 e i 2.500 € lordi al mese come dipendente ma il guadagno può variare se si lavora come libero professionista per più aziende. 

La professione è inquadrata nel CCNL metalmeccanici.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Tornitore
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il Tornitore?

Il Tornitore è addetto alle macchine di lavorazione del metallo o del legno (torni) in base alla sua specializzazione. Chi svolge questo mestiere predispone gli attrezzi e gli strumenti necessari per eseguire le diverse lavorazioni, effettuarne il controllo e montaggio, impostare le macchine e realizzare campioni di prova.

Il tornitore si occupa di macchine tradizionali o a controllo numerico. In quest’ultimo caso il suo compito è quello di applicare, testare e correggere dove necessario gli appositi programmi disponibili sul torni, oppure all’occorrenza crearne di nuovi.

Tra le attività di sua competenza ci sono:

  • Lavorare il ferro, praticare fori in cilindri di metallo o lavorare i cilindri secondo le forme richieste e necessarie
  • Esame dei disegni meccanici con le dimensioni del prodotto da realizzare
  • La selezione della velocità e del tipo di scalpello da utilizzare
  • La manutenzione e il collaudo dei macchinari
  • Il lavoro del pezzo in movimento in modo da produrre le forme e le superfici desiderate

Il tornitore svolge la professione sia come lavoratore dipendente che autonomo in uno stabilimento meccanico per la produzione di singoli pezzi su commissione di privati o per conto di grandi imprese. Il suo ambiente di lavoro sono fabbriche e officine, in cui può essere esposto a grasso, polvere e inquinamento acustico.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Tornitore?

Per l’esercizio della professione è sufficiente un diploma di scuola media superiore a indirizzo tecnico professionale e/o la frequenza a uno specifico Corso di formazione.

Le scuole consigliate per una preparazione idonea alla figura del tornitore sono gli IPSIA (Istituti Professionali Industria e Artigianato) e gli Istituti tecnici per meccanici, seguiti preferibilmente da un periodo di apprendistato sotto la guida di un esperto per apprendere al meglio i trucchi del mestiere.

Un tornitore ha certamente buona manualità e precisione, complementari all’acquisizione di conoscenze tecnico-scientifiche in materia di macchine utensili utilizzate nel campo industriale. Non è raro che un tornitore si debba occupare di macchine a controllo numerico in cui è previsto l’utilizzo dell’informatica nella loro programmazione. Pertanto è consigliabile raggiungere una preparazione equivalente alla Patente europea. Deve inoltre conoscere e saper applicare le norme in materia di sicurezza e infortuni.

A seguito di una maturata esperienza nella professione, può intraprendere l’attività in proprio.

Non esistono limiti di età per intraprendere il mestiere del tornitore. I giovani sotto i 29 anni sono sostenuti da formule contrattuali vantaggiose per le aziende come il contratto di apprendistato, ma la domanda di lavoro è alta anche per gli over 40. A livello formativo, sono sicuramente di supporto i corsi serali, attivati ad esempio all’interno degli IPSIA e degli Istituti meccanici statali. Chi ha già una formazione tecnica può decidere di frequentare un Corso privato che generalmente dura un paio di mesi o un Corso attivato presso la Regione di residenza.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dei Tornitori?

La professione del tornitore è una delle più ricercate nel mercato del lavoro, tra le migliori retribuite nell’industria meccanica. Appartiene alla macrocategoria degli "Attrezzisti di macchine utensili e professioni assimilate". Nel 2018 ci sono state 48.420 assunzioni, di cui 34.520 assunzioni di dipendenti.

Quali sono i requisiti richiesti ai Tornitori?

Le Industrie meccaniche che desiderano assumere Tornitori cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 27,7% dei datori di lavoro)

  • esperienza nello stesso settore (è richiesta dal 43,6% dei datori di lavoro)

  • formazione professionale (richiesta dal 52,6% dei datori di lavoro)

Dei 48.420 nuovi assunti del 2018, per il 46% con contratto a tempo determinato e per il 36% un contratto a tempo indeterminato. Il 92% necessiterà di ulteriore formazione mentre raramente verranno richieste conoscenze informatiche o di lingue straniere.

Quanto guadagna mediamente un Tornitore?

Un professionista esperto può arrivare a percepire tra i 2.000 e i 2.500 € lordi al mese come dipendente ma il guadagno può variare se si lavora come libero professionista per più aziende. 

La professione è inquadrata nel CCNL metalmeccanici.

Tornitore
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il Tornitore?

Il Tornitore è addetto alle macchine di lavorazione del metallo o del legno (torni) in base alla sua specializzazione. Chi svolge questo mestiere predispone gli attrezzi e gli strumenti necessari per eseguire le diverse lavorazioni, effettuarne il controllo e montaggio, impostare le macchine e realizzare campioni di prova.

Il tornitore si occupa di macchine tradizionali o a controllo numerico. In quest’ultimo caso il suo compito è quello di applicare, testare e correggere dove necessario gli appositi programmi disponibili sul torni, oppure all’occorrenza crearne di nuovi.

Tra le attività di sua competenza ci sono:

  • Lavorare il ferro, praticare fori in cilindri di metallo o lavorare i cilindri secondo le forme richieste e necessarie
  • Esame dei disegni meccanici con le dimensioni del prodotto da realizzare
  • La selezione della velocità e del tipo di scalpello da utilizzare
  • La manutenzione e il collaudo dei macchinari
  • Il lavoro del pezzo in movimento in modo da produrre le forme e le superfici desiderate

Il tornitore svolge la professione sia come lavoratore dipendente che autonomo in uno stabilimento meccanico per la produzione di singoli pezzi su commissione di privati o per conto di grandi imprese. Il suo ambiente di lavoro sono fabbriche e officine, in cui può essere esposto a grasso, polvere e inquinamento acustico.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Italia primo Paese europeo nel settore moda
Il settore dell’abbigliamento e della moda è da sempre uno dei fiori all’occhiello della tradizione italiana. ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Green Economy: ecco le professioni più richieste
Sempre più Green! L’economia italiana trova nella sostenibilità ambientale e nel risparmio energetico ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
30
mag
2020
Lavoratori del comparto alimentare: in Europa sono 16 milioni
16 milioni di persone: questo il numero di impiegati nel settore alimentare europeo (esclusi bar e ristoranti) secondo ....
28
mag
2020
Lavorare nell'industria: Bondioli&Pavesi assume personale
Bondioli & Pavesi è un'azienda produttrice di sistemi integrati e connessi per la ....
23
mag
2020
Humus Job: la piattaforma per il lavoro agricolo che combatte il caporalato
Uno dei più sentiti argomenti che negli ultimi giorni hanno animato le cronache ha riguardato come noto il lavoro ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it