Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Regista

in Cultura e Spettacolo

Chi è e di cosa si occupa il Regista?

Figura chiave nell’ambito della produzione cinematografica, televisiva o teatrale, il Regista supervisiona e coordina una equipe tecnico-artistica, in qualità di responsabile della realizzazione e buona riuscita dell’opera.

È uno tra i mestieri più complessi e affascinanti del mondo dell’arte poiché privo di regole scritte. Un professionista conosce tutti i campi della produzione televisiva e cinematografica (fotografia, montaggio, costumi, scenografia). Dirige un gruppo di collaboratori che lo supportano nello svolgimento di diverse funzioni specifiche, quali l’assistente alla regia, che in collaborazione con la produzione, predispone le condizioni per avviare le riprese, il direttore della fotografia con cui sceglie le riprese da effettuare, lo sceneggiatore per la verifica del rispetto del copione, lo scenografo per l’allestimento delle scene secondo indicazioni della regia e con i tecnici della troupe per la buona riuscita del progetto audiovisivo o della pièce teatrale.

Nella fase di post produzione supervisiona gli effetti audiovisivi e il montaggio finale delle riprese.

Il regista si occupa inoltre di:

  • Selezionare il cast, in collaborazione con il produttore
  • Lavorare alla sceneggiatura fino alla sua stesura definitiva
  • Stabilire la posizione della macchina da presa e delle luci in collaborazione con il direttore della fotografia
  • Scegliere l’ambientazione dell’opera
  • Studiare e integrare la sceneggiatura, collaborando all’analisi delle esigenze e dei costi scena per scena
  • Supervisionare la fotografia e la selezione delle scenografie e dei costumi di scena
  • Curare le prove delle scene relative a opere teatrali, cinematografiche o televisive
  • Coordinare la direzione del montaggio del film, della scelta delle luci, di eventuali post-sincronizzazioni, della realizzazione della colonna sonora e del mixage finale
  • Curare i rapporti con la casa di produzione
  • Contribuire al reperimento dei finanziamenti

Nel realizzare l’opera il regista deve tener conto delle esigenze derivanti dalla sceneggiatura, dal piano di lavoro per la preparazione, dalle riprese e dalla post-produzione, nonché dal budget di produzione. È tenuto a eseguire con cura il lavoro affidatogli e a difendere gli interessi del produttore.

Non è una professione semplice a causa dell’elevata concorrenza rispetto al numero di chi raggiunge il successo.

Al regista è richiesta la disponibilità a lavorare in orari non convenzionali e spostamenti frequenti per periodi più o meno lunghi (es: per una tournée teatrale o per girare le riprese di un film). È una professione facilmente soggetta a lunghi periodi di precarietà.

È un mestiere che si può esercitare come libero professionista.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Regista?

Il Regista è un professionista che conosce tutti i campi della produzione televisiva e cinematografica (fotografia, montaggio, costumi, scenografia), collaborando proficuamente con tutti i componenti della troupe per realizzare l’opera di cui è responsabile. Possiede un background delle opere multimediali a partire dal linguaggio, alle tecniche del cinema e della televisione, nonché un’ottima padronanza delle competenze tecniche e informatiche.

Per approcciare alla professione, nonostante non sia del tutto necessaria, è preferibile frequentare una buona Accademia, sia per l’esperienza offerta attraverso stage e laboratori obbligatori, sia per l’accesso alle attrezzature e alla rete di contatti, fondamentale per inserirsi nell’ambiente.

 In Italia, le più note sono:

Oppure conseguire un diploma di Laurea presso il DAMS, attivato in alcune Facoltà di Lettere, al fine di apprendere le tecniche del mestiere integrandole con la conoscenza della storia del teatro e della drammaturgia, la storia del cinema, e le lingue straniere.

In alternativa al percorso accademico/universitario è consigliabile la diretta esperienza in uno staff di produzione. Anche se le prime mansioni non saranno direttamente connesse con le attività del regista, rappresenta comunque un passo verso la giusta direzione.

È opportuno che il regista conosca tutto ciò che concerne la produzione, quale momento più importante del processo creativo, che attraverso la combinazione di elementi tecnici, operativi e artistici, conduce all’effettiva realizzazione dell’opera.

È fondamentale curare il rapporto con la troupe che deve essere fondato su collaborazione e serenità, pertanto un buon regista deve possedere ottime doti relazionali.

È un mestiere che richiede spirito di sacrificio, intenso studio, nonché una notevole preparazione associata ad una buona dose di creatività. Completano il profilo un forte spirito di adattamento, un buon occhio, disponibilità alla collaborazione e al lavoro in team.

La professione è disciplinata dal CCNL di riferimento

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qualche dato: i numeri della professione del Regista

Per conoscere meglio i dati della professione dello Regista dobbiamo guardare alla macrocategoria dei "Registi, direttori artistici, attori, sceneggiatori e scenografi" del sistema Excelsior-Unioncamere.

Nel 2019 si registrano 10.830 assunzioni di dipendenti su 12.450 entrate previste.

Quali sono i requisiti richiesti ai Registi?

Le aziende che desiderano assumere Registi cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 64,6% dei datori di lavoro)
  • esperienza nello stesso settore(è richiesta dal 33,9% dei datori di lavoro)

Fonte: Excelsior Unioncamere

La condizione lavorativa del regista è piuttosto instabile da un punto di vista economico. È una professione che risente della crisi a causa dei tagli effettuati nel settore.

Ci sono diverse varianti che concorrono a definire la retribuzione di un regista, tra cui spicca il contesto lavorativo che può essere televisivo, teatrale o cinematografico. È dunque difficile stabilirne un range.

Nel cinema e negli sceneggiati televisivi vi è la possibilità di guadagnare di più rispetto al teatro, poiché molte produzioni fanno da traino a cospicui incassi pubblicitari.

Il regista, al di là del contesto in cui opera, è obbligato a versare all’Ente nazionale di previdenza e assistenza per i lavoratori dello spettacolo ex ENPALS ora confluito in INPS.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Regista
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il Regista?

Figura chiave nell’ambito della produzione cinematografica, televisiva o teatrale, il Regista supervisiona e coordina una equipe tecnico-artistica, in qualità di responsabile della realizzazione e buona riuscita dell’opera.

È uno tra i mestieri più complessi e affascinanti del mondo dell’arte poiché privo di regole scritte. Un professionista conosce tutti i campi della produzione televisiva e cinematografica (fotografia, montaggio, costumi, scenografia). Dirige un gruppo di collaboratori che lo supportano nello svolgimento di diverse funzioni specifiche, quali l’assistente alla regia, che in collaborazione con la produzione, predispone le condizioni per avviare le riprese, il direttore della fotografia con cui sceglie le riprese da effettuare, lo sceneggiatore per la verifica del rispetto del copione, lo scenografo per l’allestimento delle scene secondo indicazioni della regia e con i tecnici della troupe per la buona riuscita del progetto audiovisivo o della pièce teatrale.

Nella fase di post produzione supervisiona gli effetti audiovisivi e il montaggio finale delle riprese.

Il regista si occupa inoltre di:

  • Selezionare il cast, in collaborazione con il produttore
  • Lavorare alla sceneggiatura fino alla sua stesura definitiva
  • Stabilire la posizione della macchina da presa e delle luci in collaborazione con il direttore della fotografia
  • Scegliere l’ambientazione dell’opera
  • Studiare e integrare la sceneggiatura, collaborando all’analisi delle esigenze e dei costi scena per scena
  • Supervisionare la fotografia e la selezione delle scenografie e dei costumi di scena
  • Curare le prove delle scene relative a opere teatrali, cinematografiche o televisive
  • Coordinare la direzione del montaggio del film, della scelta delle luci, di eventuali post-sincronizzazioni, della realizzazione della colonna sonora e del mixage finale
  • Curare i rapporti con la casa di produzione
  • Contribuire al reperimento dei finanziamenti

Nel realizzare l’opera il regista deve tener conto delle esigenze derivanti dalla sceneggiatura, dal piano di lavoro per la preparazione, dalle riprese e dalla post-produzione, nonché dal budget di produzione. È tenuto a eseguire con cura il lavoro affidatogli e a difendere gli interessi del produttore.

Non è una professione semplice a causa dell’elevata concorrenza rispetto al numero di chi raggiunge il successo.

Al regista è richiesta la disponibilità a lavorare in orari non convenzionali e spostamenti frequenti per periodi più o meno lunghi (es: per una tournée teatrale o per girare le riprese di un film). È una professione facilmente soggetta a lunghi periodi di precarietà.

È un mestiere che si può esercitare come libero professionista.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Regista?

Il Regista è un professionista che conosce tutti i campi della produzione televisiva e cinematografica (fotografia, montaggio, costumi, scenografia), collaborando proficuamente con tutti i componenti della troupe per realizzare l’opera di cui è responsabile. Possiede un background delle opere multimediali a partire dal linguaggio, alle tecniche del cinema e della televisione, nonché un’ottima padronanza delle competenze tecniche e informatiche.

Per approcciare alla professione, nonostante non sia del tutto necessaria, è preferibile frequentare una buona Accademia, sia per l’esperienza offerta attraverso stage e laboratori obbligatori, sia per l’accesso alle attrezzature e alla rete di contatti, fondamentale per inserirsi nell’ambiente.

 In Italia, le più note sono:

Oppure conseguire un diploma di Laurea presso il DAMS, attivato in alcune Facoltà di Lettere, al fine di apprendere le tecniche del mestiere integrandole con la conoscenza della storia del teatro e della drammaturgia, la storia del cinema, e le lingue straniere.

In alternativa al percorso accademico/universitario è consigliabile la diretta esperienza in uno staff di produzione. Anche se le prime mansioni non saranno direttamente connesse con le attività del regista, rappresenta comunque un passo verso la giusta direzione.

È opportuno che il regista conosca tutto ciò che concerne la produzione, quale momento più importante del processo creativo, che attraverso la combinazione di elementi tecnici, operativi e artistici, conduce all’effettiva realizzazione dell’opera.

È fondamentale curare il rapporto con la troupe che deve essere fondato su collaborazione e serenità, pertanto un buon regista deve possedere ottime doti relazionali.

È un mestiere che richiede spirito di sacrificio, intenso studio, nonché una notevole preparazione associata ad una buona dose di creatività. Completano il profilo un forte spirito di adattamento, un buon occhio, disponibilità alla collaborazione e al lavoro in team.

La professione è disciplinata dal CCNL di riferimento

Numeri della professione

Qualche dato: i numeri della professione del Regista

Per conoscere meglio i dati della professione dello Regista dobbiamo guardare alla macrocategoria dei "Registi, direttori artistici, attori, sceneggiatori e scenografi" del sistema Excelsior-Unioncamere.

Nel 2019 si registrano 10.830 assunzioni di dipendenti su 12.450 entrate previste.

Quali sono i requisiti richiesti ai Registi?

Le aziende che desiderano assumere Registi cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 64,6% dei datori di lavoro)
  • esperienza nello stesso settore(è richiesta dal 33,9% dei datori di lavoro)

Fonte: Excelsior Unioncamere

La condizione lavorativa del regista è piuttosto instabile da un punto di vista economico. È una professione che risente della crisi a causa dei tagli effettuati nel settore.

Ci sono diverse varianti che concorrono a definire la retribuzione di un regista, tra cui spicca il contesto lavorativo che può essere televisivo, teatrale o cinematografico. È dunque difficile stabilirne un range.

Nel cinema e negli sceneggiati televisivi vi è la possibilità di guadagnare di più rispetto al teatro, poiché molte produzioni fanno da traino a cospicui incassi pubblicitari.

Il regista, al di là del contesto in cui opera, è obbligato a versare all’Ente nazionale di previdenza e assistenza per i lavoratori dello spettacolo ex ENPALS ora confluito in INPS.

Regista
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il Regista?

Figura chiave nell’ambito della produzione cinematografica, televisiva o teatrale, il Regista supervisiona e coordina una equipe tecnico-artistica, in qualità di responsabile della realizzazione e buona riuscita dell’opera.

È uno tra i mestieri più complessi e affascinanti del mondo dell’arte poiché privo di regole scritte. Un professionista conosce tutti i campi della produzione televisiva e cinematografica (fotografia, montaggio, costumi, scenografia). Dirige un gruppo di collaboratori che lo supportano nello svolgimento di diverse funzioni specifiche, quali l’assistente alla regia, che in collaborazione con la produzione, predispone le condizioni per avviare le riprese, il direttore della fotografia con cui sceglie le riprese da effettuare, lo sceneggiatore per la verifica del rispetto del copione, lo scenografo per l’allestimento delle scene secondo indicazioni della regia e con i tecnici della troupe per la buona riuscita del progetto audiovisivo o della pièce teatrale.

Nella fase di post produzione supervisiona gli effetti audiovisivi e il montaggio finale delle riprese.

Il regista si occupa inoltre di:

  • Selezionare il cast, in collaborazione con il produttore
  • Lavorare alla sceneggiatura fino alla sua stesura definitiva
  • Stabilire la posizione della macchina da presa e delle luci in collaborazione con il direttore della fotografia
  • Scegliere l’ambientazione dell’opera
  • Studiare e integrare la sceneggiatura, collaborando all’analisi delle esigenze e dei costi scena per scena
  • Supervisionare la fotografia e la selezione delle scenografie e dei costumi di scena
  • Curare le prove delle scene relative a opere teatrali, cinematografiche o televisive
  • Coordinare la direzione del montaggio del film, della scelta delle luci, di eventuali post-sincronizzazioni, della realizzazione della colonna sonora e del mixage finale
  • Curare i rapporti con la casa di produzione
  • Contribuire al reperimento dei finanziamenti

Nel realizzare l’opera il regista deve tener conto delle esigenze derivanti dalla sceneggiatura, dal piano di lavoro per la preparazione, dalle riprese e dalla post-produzione, nonché dal budget di produzione. È tenuto a eseguire con cura il lavoro affidatogli e a difendere gli interessi del produttore.

Non è una professione semplice a causa dell’elevata concorrenza rispetto al numero di chi raggiunge il successo.

Al regista è richiesta la disponibilità a lavorare in orari non convenzionali e spostamenti frequenti per periodi più o meno lunghi (es: per una tournée teatrale o per girare le riprese di un film). È una professione facilmente soggetta a lunghi periodi di precarietà.

È un mestiere che si può esercitare come libero professionista.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Come aprire una partita IVA nel 2021: che cosa è, a cosa serve e quale regime fiscale scegliere
La nascita di nuove forme di prestazioni, servizi e professioni svolgibili anche da casa, la tendenza a esternalizzare ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Come diventare Libraio
Tra i tanti profili che animano il settore del commercio, ce n'è uno che più di altri viene apprezzato da ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
05
mar
2021
Policlinico Paolo Giaccone: avviso per incarichi da 25.000 euro a Biologi
In data 2 marzo 2021, il Policlinico Paolo Giaccone di Palermo ha pubblicato un avviso per il conferimento di 3 incarichi ....
05
mar
2021
Premio internazionale James Dyson per giovani inventori: premi fino a 33.000 euro
La James Dyson Foundation è un'associazione istituita in onore di James Dyson, noto inventore e imprenditore ....
04
mar
2021
Amplifon: numerose opportunità di lavoro e stage in varie sedi italiane
Amplifon, marchio ben noto al grande pubblico, è un’azienda leader nel mercato retail delle soluzioni per l'udito che ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it