Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Legale

in Sicurezza e Pubblica Amministrazione

Il Legale tutela i diritti dei clienti, svolgendo le attività di assistenza e consulenza.

In particolare:

  • Difende i propri assistiti nei processi di fronte ai giudici (attività giudiziale)
  • Fornisce pareri e redige contratti (attività stragiudiziale)

Può lavorare come libero professionista oppure come dipendente presso studi legali, imprese o amministrazioni pubbliche.

Per svolgere le attività in giudizio, sia in proprio che presso uno studio o un ente, deve superare l’esame per l’abilitazione forense e iscriversi all’Albo, presso l’Ordine degli Avvocati. Se, invece, il Legale si occupa della sola attività stragiudiziale (consulenza e contrattualistica), può operare anche con la sola Laurea in Giurisprudenza, magari affiancata da altre specifiche competenze, anche diverse dal titolo di abilitazione.

Il Legale che svolge l’attività giudiziale, si occupa di ricevere i clienti e offrire loro le possibili soluzioni per risolvere le questioni proposte. Redige gli atti giudiziari e partecipa alle udienze.

Il Professionista che opera all’interno di una Società - in genere definito Giurista d’Impresa - è un esperto legale, con specifiche conoscenze in diritto del lavoro, diritto commerciale e amministrativo. Se la contrattualistica che è chiamato a redigere non è solo nazionale, deve avere competenze anche in materia di diritto comunitario e internazionale.

In coordinamento con la direzione generale, il Giurista d’Impresa definisce i piani aziendali e verifica che le decisioni assunte siano conformi alle disposizioni su ogni aspetto legale. Ciò per evitare sanzioni o controversie con i dipendenti, oppure per segnalare nuove opportunità per l’azienda in relazione agli aggiornamenti normativi.

Per tutti i tipi di attività, oltre le competenze specifiche, è opportuno che il Legale possieda ottime capacità di espressione scritta e orale - talvolta non solo nella lingua italiana - e che sia abile  nell’organizzazione e nella negoziazione.

 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

L’esercizio della professione di Avvocato è regolato dalle leggi dello Stato. Per svolgere l’attività occorre ottenere l’abilitazione professionale superando un concorso pubblico. Solo così può iscriversi all’apposito Albo, tenuto presso l’Ordine degli Avvocati. L’esame di abilitazione professionale si svolge in un’unica sessione annuale nazionale presso la Corte di Appello territorialmente competente.

Per accedere all’esame sono richieste:

  • la laurea in Giurisprudenza, sia quadriennale del vecchio ordinamento, sia specialistica (conseguibile in seguito alla laurea in Scienze Giuridiche – 3+2) o magistrale (ciclo unico quinquennale)
  • lo svolgimento di 18 mesi di pratica forense presso uno studio legale o presso l’Avvocatura dello Stato. Se si consegue il diploma post lauream rilasciato dalla Scuola di Specializzazione per le professioni legali - di durata biennale - questo vale un anno di pratica forense

Per svolgere la sola attività stragiudiziale è sufficiente la Laurea in Giurisprudenza, senza necessità di acquisizione del titolo di Avvocato.

Il percorso formativo del Legale, che richiede un costante aggiornamento sulla normativa e la specializzazione nelle diverse branche del diritto, può essere ulteriormente sviluppato seguendo Corsi, Scuole di specializzazione o Master.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Per conoscere le statistiche che riguardano la professione del Legale è necessario riferirsi alla macrocategoria "Esperti legali in imprese o enti pubblici". Per il 2019, Excelsior Unioncamere parla dell'inserimento di circa 6.260 profili di esperti legali considerando avvocati, notai, magistrati ed esperti legali in imprese ed enti pubblici.

Soltanto il 15% di queste assunzioni sono nella fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Il 65% dei contratti stipulati sono a tempo indeterminato insieme a un 24% di contratti a tempo determinato. Si prevede che per il 34,6% dei casi gli esperti legali lavoreranno con altre forme contrattuali non alle dipendenze.

Le aziende non lamentano una grande difficoltà di reperimento del personale; ove la riscontrino, questa è dovuta a una mancanza d'offerta di candidati (stimabile intorno al 65,2%) e a una preparazione inadeguata (corrispondente al 24% dei casi).

Il 54% delle assunzioni nel 2019 riguarda grandi aziende con più di 50 dipendenti. 

Quali sono i requisiti per diventare esperto legale?

Scopriamo quali sono i requisiti richiesti per tale figura professionale.

  • Formazione: unico e fondamentale requisito è quello di possedere il titolo universitario utile allo svolgimento della professione. Il 74% dei datori di lavoro afferma anche che è fondamentale che i propri candidati mantengano aggiornate le loro competenze e la loro formazione.
  • Esperienza: ai futuri esperti legali è richiesto dal 66,4% dei datori di lavoro di aver maturato un'esperienza professionale adeguata, non esclusivamente nello stesso settore.
  • Competenze: l'80% delle aziende richiede ai futuri esperti legali che sappiano lavorare in gruppo, che abbiano grandi capacità di gestione e risoluzione delle problematiche e una notevole capacità di flessibilità e adattamento. Nel 49% dei casi sono richieste competenze digitali e la conoscenza di una lingua straniera per poter comunicare con una pluralità di soggetti anche a livello internazionale.

I compensi di un Avvocato libero professionista sono variabili a seconda dell’esperienza maturata nello specifico settore e del tipo di atto da redigere e/o di cause da trattare.

Per un esperto legale, occupato presso un’impresa con un contratto a tempo indeterminato, che abbia tra i 41 e i 50 anni di età e con 10-15 anni di esperienza specifica, la retribuzione media può oscillare tra un valore di 40.000 euro e importi superiori a 60.000 euro annuali lordi.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Legale
Descrizione

Il Legale tutela i diritti dei clienti, svolgendo le attività di assistenza e consulenza.

In particolare:

  • Difende i propri assistiti nei processi di fronte ai giudici (attività giudiziale)
  • Fornisce pareri e redige contratti (attività stragiudiziale)

Può lavorare come libero professionista oppure come dipendente presso studi legali, imprese o amministrazioni pubbliche.

Per svolgere le attività in giudizio, sia in proprio che presso uno studio o un ente, deve superare l’esame per l’abilitazione forense e iscriversi all’Albo, presso l’Ordine degli Avvocati. Se, invece, il Legale si occupa della sola attività stragiudiziale (consulenza e contrattualistica), può operare anche con la sola Laurea in Giurisprudenza, magari affiancata da altre specifiche competenze, anche diverse dal titolo di abilitazione.

Il Legale che svolge l’attività giudiziale, si occupa di ricevere i clienti e offrire loro le possibili soluzioni per risolvere le questioni proposte. Redige gli atti giudiziari e partecipa alle udienze.

Il Professionista che opera all’interno di una Società - in genere definito Giurista d’Impresa - è un esperto legale, con specifiche conoscenze in diritto del lavoro, diritto commerciale e amministrativo. Se la contrattualistica che è chiamato a redigere non è solo nazionale, deve avere competenze anche in materia di diritto comunitario e internazionale.

In coordinamento con la direzione generale, il Giurista d’Impresa definisce i piani aziendali e verifica che le decisioni assunte siano conformi alle disposizioni su ogni aspetto legale. Ciò per evitare sanzioni o controversie con i dipendenti, oppure per segnalare nuove opportunità per l’azienda in relazione agli aggiornamenti normativi.

Per tutti i tipi di attività, oltre le competenze specifiche, è opportuno che il Legale possieda ottime capacità di espressione scritta e orale - talvolta non solo nella lingua italiana - e che sia abile  nell’organizzazione e nella negoziazione.

 

Percorso formativo

L’esercizio della professione di Avvocato è regolato dalle leggi dello Stato. Per svolgere l’attività occorre ottenere l’abilitazione professionale superando un concorso pubblico. Solo così può iscriversi all’apposito Albo, tenuto presso l’Ordine degli Avvocati. L’esame di abilitazione professionale si svolge in un’unica sessione annuale nazionale presso la Corte di Appello territorialmente competente.

Per accedere all’esame sono richieste:

  • la laurea in Giurisprudenza, sia quadriennale del vecchio ordinamento, sia specialistica (conseguibile in seguito alla laurea in Scienze Giuridiche – 3+2) o magistrale (ciclo unico quinquennale)
  • lo svolgimento di 18 mesi di pratica forense presso uno studio legale o presso l’Avvocatura dello Stato. Se si consegue il diploma post lauream rilasciato dalla Scuola di Specializzazione per le professioni legali - di durata biennale - questo vale un anno di pratica forense

Per svolgere la sola attività stragiudiziale è sufficiente la Laurea in Giurisprudenza, senza necessità di acquisizione del titolo di Avvocato.

Il percorso formativo del Legale, che richiede un costante aggiornamento sulla normativa e la specializzazione nelle diverse branche del diritto, può essere ulteriormente sviluppato seguendo Corsi, Scuole di specializzazione o Master.

Numeri della professione

Per conoscere le statistiche che riguardano la professione del Legale è necessario riferirsi alla macrocategoria "Esperti legali in imprese o enti pubblici". Per il 2019, Excelsior Unioncamere parla dell'inserimento di circa 6.260 profili di esperti legali considerando avvocati, notai, magistrati ed esperti legali in imprese ed enti pubblici.

Soltanto il 15% di queste assunzioni sono nella fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Il 65% dei contratti stipulati sono a tempo indeterminato insieme a un 24% di contratti a tempo determinato. Si prevede che per il 34,6% dei casi gli esperti legali lavoreranno con altre forme contrattuali non alle dipendenze.

Le aziende non lamentano una grande difficoltà di reperimento del personale; ove la riscontrino, questa è dovuta a una mancanza d'offerta di candidati (stimabile intorno al 65,2%) e a una preparazione inadeguata (corrispondente al 24% dei casi).

Il 54% delle assunzioni nel 2019 riguarda grandi aziende con più di 50 dipendenti. 

Quali sono i requisiti per diventare esperto legale?

Scopriamo quali sono i requisiti richiesti per tale figura professionale.

  • Formazione: unico e fondamentale requisito è quello di possedere il titolo universitario utile allo svolgimento della professione. Il 74% dei datori di lavoro afferma anche che è fondamentale che i propri candidati mantengano aggiornate le loro competenze e la loro formazione.
  • Esperienza: ai futuri esperti legali è richiesto dal 66,4% dei datori di lavoro di aver maturato un'esperienza professionale adeguata, non esclusivamente nello stesso settore.
  • Competenze: l'80% delle aziende richiede ai futuri esperti legali che sappiano lavorare in gruppo, che abbiano grandi capacità di gestione e risoluzione delle problematiche e una notevole capacità di flessibilità e adattamento. Nel 49% dei casi sono richieste competenze digitali e la conoscenza di una lingua straniera per poter comunicare con una pluralità di soggetti anche a livello internazionale.

I compensi di un Avvocato libero professionista sono variabili a seconda dell’esperienza maturata nello specifico settore e del tipo di atto da redigere e/o di cause da trattare.

Per un esperto legale, occupato presso un’impresa con un contratto a tempo indeterminato, che abbia tra i 41 e i 50 anni di età e con 10-15 anni di esperienza specifica, la retribuzione media può oscillare tra un valore di 40.000 euro e importi superiori a 60.000 euro annuali lordi.

WebTV dei mestieri
Guarda il video della presentezione per scoprire il lavoro dell’esperienza di un professionista.
Utility WeCanJob

Il Legale tutela i diritti dei clienti, svolgendo le attività di assistenza e consulenza.

In particolare:

  • Difende i propri assistiti nei processi di fronte ai giudici (attività giudiziale)
  • Fornisce pareri e redige contratti (attività stragiudiziale)

Può lavorare come libero professionista oppure come dipendente presso studi legali, imprese o amministrazioni pubbliche.

Per svolgere le attività in giudizio, sia in proprio che presso uno studio o un ente, deve superare l’esame per l’abilitazione forense e iscriversi all’Albo, presso l’Ordine degli Avvocati. Se, invece, il Legale si occupa della sola attività stragiudiziale (consulenza e contrattualistica), può operare anche con la sola Laurea in Giurisprudenza, magari affiancata da altre specifiche competenze, anche diverse dal titolo di abilitazione.

Il Legale che svolge l’attività giudiziale, si occupa di ricevere i clienti e offrire loro le possibili soluzioni per risolvere le questioni proposte. Redige gli atti giudiziari e partecipa alle udienze.

Il Professionista che opera all’interno di una Società - in genere definito Giurista d’Impresa - è un esperto legale, con specifiche conoscenze in diritto del lavoro, diritto commerciale e amministrativo. Se la contrattualistica che è chiamato a redigere non è solo nazionale, deve avere competenze anche in materia di diritto comunitario e internazionale.

In coordinamento con la direzione generale, il Giurista d’Impresa definisce i piani aziendali e verifica che le decisioni assunte siano conformi alle disposizioni su ogni aspetto legale. Ciò per evitare sanzioni o controversie con i dipendenti, oppure per segnalare nuove opportunità per l’azienda in relazione agli aggiornamenti normativi.

Per tutti i tipi di attività, oltre le competenze specifiche, è opportuno che il Legale possieda ottime capacità di espressione scritta e orale - talvolta non solo nella lingua italiana - e che sia abile  nell’organizzazione e nella negoziazione.

 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Chi è il Geometra e cosa fa
Il settore dell’edilizia e delle costruzioni è un ambito vasto in cui operano tantissime figure professionali ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Fisioterapista: una professione che piace a tanti giovani
Abilità manuale, tecnica e conoscenza della struttura del corpo umano sono solo alcune delle caratteristiche che ci ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
11
ago
2020
Corte dei Conti: assunzioni per 52 laureati in materie giuridico-economiche
La Corte dei Conti, con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 61 del 7 agosto 2020, ha indetto ....
Categorie: Economia, Giustizia, Concorsi
07
ago
2020
AUSL Toscana Nord Ovest: avviso per incarichi a Psicologi
Presso la AUSL Toscana Nord Ovest è stato di recente pubblicato un avviso finalizzato al conferimento di 2 incarichi ....
07
ago
2020
ASL Napoli 1, avviso per incarichi a 160 Infermieri e 3 Assistenti sociali
Presso la ASL Napoli 1 Centro è stato bandito un avviso pubblico, per soli titoli, finalizzato al conferimento di ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it