Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Ottico Optometrista

in Sanità

Chi è e di cosa si occupa l'Ottico Optometrista?

L’Ottico Optometrista individua, previene e corregge i difetti visivi e le anomalie della vista. È un professionista sanitario esperto nell’uso di strumenti e procedure di educazione visiva: conosce metodi e tecniche non mediche, che escludono cioè l’uso di farmaci e di interventi chirurgici, per misurare, esaminare e compensare le deficienze della vista. Su prescrizione del medico specialista in oftalmologia, meglio noto come oculista, suggerisce l’uso di occhiali e/o lenti a contatto per migliorare e proteggere le insufficienze visive. Si serve di apparecchiature specifiche per valutare la qualità della visione, individuarne i difetti e fornire il mezzo correttivo più adeguato alle esigenze del paziente. Svolge, inoltre, attività di prevenzione dei disturbi della vista, promuovendo campagne di sensibilizzazione, effettuando screening visivi e consigliando al cliente di effettuare con regolarità una visita oculistica.

L’ottico optometrista svolge attività distinte da quelle dell’oculista. Non effettua diagnosi, attività terapeutiche, prescrizioni di farmaci, ma recepisce le indicazioni contenute nella diagnosi dell’oculista per fornire al cliente gli occhiali o le lenti più idonee alla specifica problematica visiva.

È un professionista affidabile, responsabile, sa maneggiare con precisione e dimestichezza le apparecchiature per la misurazione della vista e possiede una certa predisposizione alla comunicazione e all’ascolto. Deve saper comprendere con attenzione le problematiche dell’utente e porre domande al momento opportuno per evitare interruzioni inappropriate che possono confondere il cliente nella spiegazione del proprio disagio.

L’ottico optometrista può lavorare come dipendente presso aziende specializzate, occupandosi della realizzazione vera e propria delle diverse tipologie di lenti correttive in qualità, ad esempio, di ricercatore e sviluppatore, oppure può lavorare presso un negozio. Può esercitare l’attività anche come libero professionista, in piena autonomia.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Ottico Optometrista?

Per svolgere questa professione bisogna conseguire, anzitutto, il diploma professionale di ottico. Al giovane che ha completato il ciclo di istruzione superiore di primo grado (scuole medie) si consiglia l’iscrizione ad un istituto professionale, indirizzo Servizi socio-sanitari, con articolazione in Arti ausiliarie delle professioni sanitarie – Ottico.

Il giovane che, invece, ha già conseguito un diploma di maturità (differente da quello consigliato), può ottenere la qualifica di ottico seguendo, presso istituti pubblici o privati, corsi di formazione professionale autorizzati dalle Regioni.

Sia in un caso che nell’altro, il giovane acquisisce le competenze necessarie per realizzare, nel laboratorio oftalmico, ogni tipo di soluzione ottica personalizzata. Sarà in grado di confezionare, manutenere e commercializzare occhiali e lenti, nel rispetto della normativa vigente e avrà acquisito le abilità necessarie per manipolare materiali, leghe e strumenti tecnici fondamentali per preparare ausili e/o presidi sanitari con funzione correttiva, sostitutiva, integrativa ed estetica per il benessere della persona.

Una volta conseguito il diploma di ottico, il giovane può accedere a corsi di specializzazione in optometria presso istituti privati, oppure può scegliere di frequentare il Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria, appartenente alla Classe L30 - Lauree in scienze e tecnologie fisiche. Il Corso di laurea è a numero programmato e per accedere è necessario superare un test di ammissione.

Per l’accesso ai corsi di specializzazione in optometria alcuni istituti richiedono il solo possesso della qualifica di ottico. Altri, invece, richiedono l’Abilitazione professionale all’esercizio dell’Arte Ausiliaria Sanitaria di Ottico. L’abilitazione, necessaria per esercitare la professione in forma autonoma, si consegue dopo il superamento di un apposito esame, composto da tre prove: scritta, pratica e colloquio orale.

Infine, anche per le arti ausiliarie delle professioni sanitarie è previsto l’obbligo di partecipazione a corsi di aggiornamento e qualificazione, nell’ambito del programma nazionale per la formazione degli operatori della sanità ECM - Educazione Continua in Medicina.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Ottici Optometristi?

Le prospettive d’impiego per gli aspiranti ottici optometristi sono altalenanti. Si tratta però di una professione che si colloca in un settore del mercato del lavoro che continua a offrire interessanti opportunità di lavoro. E ciò vale per l’intero gruppo professionale delle "Altre professioni tecniche della salute" che comprende oltre agli ottici e ottici optometristi anche gli odontotecnici. Si è passati infatti dallo 0,45‰ del 2013 al 0,48‰ del 2014. Per il 2015 si prevede un leggero calo allo 0,23‰.

Tendenza della domanda nel triennio 2013-2015ottico optometrista-1

Fonte: Excelsior Unioncamere

Per questo gruppo di professionisti sono state previste 240 assunzioni nel 2015, di cui il 47% con contratto a tempo determinato, il 44% contratto a tempo indeterminato e il 9% come apprendisti. Le aziende guardano con particolare attenzione a persone che abbiano già maturato un’esperienza di lavoro, preferibilmente nello stesso settore (31,6% dei casi), e che abbiano conseguito un diploma di scuola secondaria superiore (54,1% dei casi) o il diploma di laurea (45,9% dei casi).

Lo stipendio annuo lordo di un ottico optometrista, con un esperienza nel di lavoro di 5-10, oscilla in media tra i 20.000 € e i 30.000 €.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Ottico Optometrista
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Ottico Optometrista?

L’Ottico Optometrista individua, previene e corregge i difetti visivi e le anomalie della vista. È un professionista sanitario esperto nell’uso di strumenti e procedure di educazione visiva: conosce metodi e tecniche non mediche, che escludono cioè l’uso di farmaci e di interventi chirurgici, per misurare, esaminare e compensare le deficienze della vista. Su prescrizione del medico specialista in oftalmologia, meglio noto come oculista, suggerisce l’uso di occhiali e/o lenti a contatto per migliorare e proteggere le insufficienze visive. Si serve di apparecchiature specifiche per valutare la qualità della visione, individuarne i difetti e fornire il mezzo correttivo più adeguato alle esigenze del paziente. Svolge, inoltre, attività di prevenzione dei disturbi della vista, promuovendo campagne di sensibilizzazione, effettuando screening visivi e consigliando al cliente di effettuare con regolarità una visita oculistica.

L’ottico optometrista svolge attività distinte da quelle dell’oculista. Non effettua diagnosi, attività terapeutiche, prescrizioni di farmaci, ma recepisce le indicazioni contenute nella diagnosi dell’oculista per fornire al cliente gli occhiali o le lenti più idonee alla specifica problematica visiva.

È un professionista affidabile, responsabile, sa maneggiare con precisione e dimestichezza le apparecchiature per la misurazione della vista e possiede una certa predisposizione alla comunicazione e all’ascolto. Deve saper comprendere con attenzione le problematiche dell’utente e porre domande al momento opportuno per evitare interruzioni inappropriate che possono confondere il cliente nella spiegazione del proprio disagio.

L’ottico optometrista può lavorare come dipendente presso aziende specializzate, occupandosi della realizzazione vera e propria delle diverse tipologie di lenti correttive in qualità, ad esempio, di ricercatore e sviluppatore, oppure può lavorare presso un negozio. Può esercitare l’attività anche come libero professionista, in piena autonomia.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Ottico Optometrista?

Per svolgere questa professione bisogna conseguire, anzitutto, il diploma professionale di ottico. Al giovane che ha completato il ciclo di istruzione superiore di primo grado (scuole medie) si consiglia l’iscrizione ad un istituto professionale, indirizzo Servizi socio-sanitari, con articolazione in Arti ausiliarie delle professioni sanitarie – Ottico.

Il giovane che, invece, ha già conseguito un diploma di maturità (differente da quello consigliato), può ottenere la qualifica di ottico seguendo, presso istituti pubblici o privati, corsi di formazione professionale autorizzati dalle Regioni.

Sia in un caso che nell’altro, il giovane acquisisce le competenze necessarie per realizzare, nel laboratorio oftalmico, ogni tipo di soluzione ottica personalizzata. Sarà in grado di confezionare, manutenere e commercializzare occhiali e lenti, nel rispetto della normativa vigente e avrà acquisito le abilità necessarie per manipolare materiali, leghe e strumenti tecnici fondamentali per preparare ausili e/o presidi sanitari con funzione correttiva, sostitutiva, integrativa ed estetica per il benessere della persona.

Una volta conseguito il diploma di ottico, il giovane può accedere a corsi di specializzazione in optometria presso istituti privati, oppure può scegliere di frequentare il Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria, appartenente alla Classe L30 - Lauree in scienze e tecnologie fisiche. Il Corso di laurea è a numero programmato e per accedere è necessario superare un test di ammissione.

Per l’accesso ai corsi di specializzazione in optometria alcuni istituti richiedono il solo possesso della qualifica di ottico. Altri, invece, richiedono l’Abilitazione professionale all’esercizio dell’Arte Ausiliaria Sanitaria di Ottico. L’abilitazione, necessaria per esercitare la professione in forma autonoma, si consegue dopo il superamento di un apposito esame, composto da tre prove: scritta, pratica e colloquio orale.

Infine, anche per le arti ausiliarie delle professioni sanitarie è previsto l’obbligo di partecipazione a corsi di aggiornamento e qualificazione, nell’ambito del programma nazionale per la formazione degli operatori della sanità ECM - Educazione Continua in Medicina.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Ottici Optometristi?

Le prospettive d’impiego per gli aspiranti ottici optometristi sono altalenanti. Si tratta però di una professione che si colloca in un settore del mercato del lavoro che continua a offrire interessanti opportunità di lavoro. E ciò vale per l’intero gruppo professionale delle "Altre professioni tecniche della salute" che comprende oltre agli ottici e ottici optometristi anche gli odontotecnici. Si è passati infatti dallo 0,45‰ del 2013 al 0,48‰ del 2014. Per il 2015 si prevede un leggero calo allo 0,23‰.

Tendenza della domanda nel triennio 2013-2015ottico optometrista-1

Fonte: Excelsior Unioncamere

Per questo gruppo di professionisti sono state previste 240 assunzioni nel 2015, di cui il 47% con contratto a tempo determinato, il 44% contratto a tempo indeterminato e il 9% come apprendisti. Le aziende guardano con particolare attenzione a persone che abbiano già maturato un’esperienza di lavoro, preferibilmente nello stesso settore (31,6% dei casi), e che abbiano conseguito un diploma di scuola secondaria superiore (54,1% dei casi) o il diploma di laurea (45,9% dei casi).

Lo stipendio annuo lordo di un ottico optometrista, con un esperienza nel di lavoro di 5-10, oscilla in media tra i 20.000 € e i 30.000 €.

Ottico Optometrista
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Ottico Optometrista?

L’Ottico Optometrista individua, previene e corregge i difetti visivi e le anomalie della vista. È un professionista sanitario esperto nell’uso di strumenti e procedure di educazione visiva: conosce metodi e tecniche non mediche, che escludono cioè l’uso di farmaci e di interventi chirurgici, per misurare, esaminare e compensare le deficienze della vista. Su prescrizione del medico specialista in oftalmologia, meglio noto come oculista, suggerisce l’uso di occhiali e/o lenti a contatto per migliorare e proteggere le insufficienze visive. Si serve di apparecchiature specifiche per valutare la qualità della visione, individuarne i difetti e fornire il mezzo correttivo più adeguato alle esigenze del paziente. Svolge, inoltre, attività di prevenzione dei disturbi della vista, promuovendo campagne di sensibilizzazione, effettuando screening visivi e consigliando al cliente di effettuare con regolarità una visita oculistica.

L’ottico optometrista svolge attività distinte da quelle dell’oculista. Non effettua diagnosi, attività terapeutiche, prescrizioni di farmaci, ma recepisce le indicazioni contenute nella diagnosi dell’oculista per fornire al cliente gli occhiali o le lenti più idonee alla specifica problematica visiva.

È un professionista affidabile, responsabile, sa maneggiare con precisione e dimestichezza le apparecchiature per la misurazione della vista e possiede una certa predisposizione alla comunicazione e all’ascolto. Deve saper comprendere con attenzione le problematiche dell’utente e porre domande al momento opportuno per evitare interruzioni inappropriate che possono confondere il cliente nella spiegazione del proprio disagio.

L’ottico optometrista può lavorare come dipendente presso aziende specializzate, occupandosi della realizzazione vera e propria delle diverse tipologie di lenti correttive in qualità, ad esempio, di ricercatore e sviluppatore, oppure può lavorare presso un negozio. Può esercitare l’attività anche come libero professionista, in piena autonomia.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Lavorare con la laurea in Psicologia: quali professioni si possono svolgere?
Che lavoro posso fare con la laurea in Psicologia? Ecco un dilemma che ogni anno attanaglia migliaia di giovani in uscita ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Fisioterapista: una professione che piace a tanti giovani
Abilità manuale, tecnica e conoscenza della struttura del corpo umano sono solo alcune delle caratteristiche che ci ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
16
lug
2019
Concorso per 14 Infermieri a Modena
L'Azienda pubblica di servizi alla persona (ASP) dei Comuni modenesi area Nord ha indetto un concorso pubblico finalizzata ....
16
lug
2019
Theriaca Pharma cerca ISF in tutta Italia
Theriaca Pharma è un’azienda farmaceutica fondata nel 1988 e con sede centrale a Padova. Per estendere la propria ....
16
lug
2019
Emilia-Romagna: concorso per 23 Fisioterapisti, Ingegneri, Tecnici e altri profili
L’Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna ha indetto diversi bandi di concorso per la selezione, nel complesso, ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it