Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Maestro d'infanzia

in Formazione

Chi è e di cosa si occupa l'Insegnante di scuola dell'infanzia?

L’insegnante di scuola dell’infanzia cura la formazione del bambino dai 3 ai 5 anni d’età. Partecipa al suo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo e sociale, stimolandone l’apprendimento, la creatività e la progressiva conquista di autonomia. Accompagna il bambino alla scoperta di ciò che lo circonda, lo guida nell’esplorazione delle sue capacità sensoriali, linguistiche ed emotive.

In collaborazione con altri colleghi, l’insegnante sviluppa piani educativi per la crescita sia psichica che fisica dei bambini e predispone percorsi personalizzati d’apprendimento per valutarne i comportamenti durante le attività individuali o di gruppo. Sollecita gli interessi e le attitudini del bambino coinvolgendolo in attività di carattere artistico-espressivo, musicale, di educazione corporea e civica.

Oltre alla gestione dei momenti ludico-educativi, l’insegnante si occupa della somministrazione dei pasti, del cambio degli indumenti e delle fasi di riposo del bambino. È necessaria la sua partecipazione alle riunioni degli organi collegiali, nonché allo svolgimento di attività di programmazione, progettazione, valutazione, aggiornamento e formazione.

È una figura educativa che entra in una tappa delicata del percorso di crescita del bambino, per cui è necessaria sensibilità, attenzione, accuratezza, senso di responsabilità e predisposizione alla cura.

Svolge, inoltre, un importante ruolo di raccordo tra la scuola e la famiglia:

  • Informa i genitori sulle finalità della scuola dell’infanzia
  • Organizza incontri individuali e di gruppo per creare un clima di fiducia
  • Rassicura i genitori soprattutto nella fase di prima accoglienza
  • Guida i familiari nel graduale inserimento scolastico del bambino

L’insegnante lavora nelle scuole statali, in quelle paritarie e non paritarie. L’ingresso nel modo del lavoro avviene solitamente attraverso incarichi con supplenze temporanee, alle quali può far seguito l’assunzione con contratto a tempo indeterminato.

Le scuole statali assumono attraverso concorso per la definizione di graduatorie di immissione . Le scuole paritarie possono assumere con chiamata diretta. In entrambi i casi può essere proposto un contratto a tempo determinato o indeterminato.

Nel corso della sua carriera, l’insegnante può ricoprire il ruolo di coordinatore scolastico in funzione dell’esperienza e dell’anzianità di servizio maturate. 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Insegnante di scuola dell'infanzia?

Per poter insegnare nella scuola dell’infanzia è necessario conseguire:

  • laurea in Scienze della formazione a ciclo unico o Scienze della formazione primaria a indirizzo scuola dell'infanzia; 
  • diploma di abilitazione all'insegnamento nelle scuole del grado preparatorio (rilasciato dalle Scuole magistrali) o diploma di maturità magistrale o rilasciato dal liceo-socio-psico-pedagogico o equipollenti (se conseguiti prima dell'anno scolastico 2001/2002).

Il ciclo di studi universitario si conclude con la discussione della tesi e della relazione finale sulle attività svolte durante il tirocinio formativo. L’esperienza di tirocinio è molto importante perché consente di apprendere competenze pratiche, sperimentando “sul campo” tecniche, strategie e modalità di relazione con i bambini e loro genitori.

Il conseguimento della laurea abilita direttamente all’esercizio della professione, poiché ha valore di Esame di Stato (legge n. 169/2008, DM n. 249/10).

Al giovane che si avvicina alla scelta della scuola superiore (scuola secondaria di secondo grado) e che ha intenzione di lavorare in futuro come insegnante nella scuola dell’infanzia si consiglia l’iscrizione al Liceo delle scienze umane.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Insegnanti di scuola dell'infanzia ?

La macrocategoria dei "Professori di scuola pre-primaria" è un gruppo professionale popolato da figure che organizzano e realizzano attività individuali o di gruppo per accompagnare la crescita dei bambini in età prescolare. Gli insegnanti della scuola dell’infanzia rientrano in questo gruppo di professionisti, composto quasi interamente da donne (65,3%) occupate come dipendenti (97%). 

Nel 2019 sono state previste 15.250 assunzioni: circa 8 lavoratori su 10 con contratto a tempo determinato, che rappresenta la forma contrattuale più diffusa nel settore. Oltre la metà delle assunzioni è stata prevista con un contratto part-time. Il profilo ricercato identifica, nella maggioranza dei casi, persone che hanno avuto esperienze di lavoro nel campo dell’istruzione o che hanno già lavorato con bambini. L’età non rappresenta un aspetto rilevante e non sono richieste specifiche competenze linguistiche e informatiche.

Un insegnante della scuola dell’infanzia, con un’esperienza di 10 anni, può guadagnare tra i 18.000 € e i 24.000 € lordi all’anno. La retribuzione e le condizioni di lavoro possono variare a seconda che si svolga la professione nel settore pubblico o privato.

Fonte: Excelsior Unioncamere

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Maestro d'infanzia
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Insegnante di scuola dell'infanzia?

L’insegnante di scuola dell’infanzia cura la formazione del bambino dai 3 ai 5 anni d’età. Partecipa al suo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo e sociale, stimolandone l’apprendimento, la creatività e la progressiva conquista di autonomia. Accompagna il bambino alla scoperta di ciò che lo circonda, lo guida nell’esplorazione delle sue capacità sensoriali, linguistiche ed emotive.

In collaborazione con altri colleghi, l’insegnante sviluppa piani educativi per la crescita sia psichica che fisica dei bambini e predispone percorsi personalizzati d’apprendimento per valutarne i comportamenti durante le attività individuali o di gruppo. Sollecita gli interessi e le attitudini del bambino coinvolgendolo in attività di carattere artistico-espressivo, musicale, di educazione corporea e civica.

Oltre alla gestione dei momenti ludico-educativi, l’insegnante si occupa della somministrazione dei pasti, del cambio degli indumenti e delle fasi di riposo del bambino. È necessaria la sua partecipazione alle riunioni degli organi collegiali, nonché allo svolgimento di attività di programmazione, progettazione, valutazione, aggiornamento e formazione.

È una figura educativa che entra in una tappa delicata del percorso di crescita del bambino, per cui è necessaria sensibilità, attenzione, accuratezza, senso di responsabilità e predisposizione alla cura.

Svolge, inoltre, un importante ruolo di raccordo tra la scuola e la famiglia:

  • Informa i genitori sulle finalità della scuola dell’infanzia
  • Organizza incontri individuali e di gruppo per creare un clima di fiducia
  • Rassicura i genitori soprattutto nella fase di prima accoglienza
  • Guida i familiari nel graduale inserimento scolastico del bambino

L’insegnante lavora nelle scuole statali, in quelle paritarie e non paritarie. L’ingresso nel modo del lavoro avviene solitamente attraverso incarichi con supplenze temporanee, alle quali può far seguito l’assunzione con contratto a tempo indeterminato.

Le scuole statali assumono attraverso concorso per la definizione di graduatorie di immissione . Le scuole paritarie possono assumere con chiamata diretta. In entrambi i casi può essere proposto un contratto a tempo determinato o indeterminato.

Nel corso della sua carriera, l’insegnante può ricoprire il ruolo di coordinatore scolastico in funzione dell’esperienza e dell’anzianità di servizio maturate. 

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Insegnante di scuola dell'infanzia?

Per poter insegnare nella scuola dell’infanzia è necessario conseguire:

  • laurea in Scienze della formazione a ciclo unico o Scienze della formazione primaria a indirizzo scuola dell'infanzia; 
  • diploma di abilitazione all'insegnamento nelle scuole del grado preparatorio (rilasciato dalle Scuole magistrali) o diploma di maturità magistrale o rilasciato dal liceo-socio-psico-pedagogico o equipollenti (se conseguiti prima dell'anno scolastico 2001/2002).

Il ciclo di studi universitario si conclude con la discussione della tesi e della relazione finale sulle attività svolte durante il tirocinio formativo. L’esperienza di tirocinio è molto importante perché consente di apprendere competenze pratiche, sperimentando “sul campo” tecniche, strategie e modalità di relazione con i bambini e loro genitori.

Il conseguimento della laurea abilita direttamente all’esercizio della professione, poiché ha valore di Esame di Stato (legge n. 169/2008, DM n. 249/10).

Al giovane che si avvicina alla scelta della scuola superiore (scuola secondaria di secondo grado) e che ha intenzione di lavorare in futuro come insegnante nella scuola dell’infanzia si consiglia l’iscrizione al Liceo delle scienze umane.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Insegnanti di scuola dell'infanzia ?

La macrocategoria dei "Professori di scuola pre-primaria" è un gruppo professionale popolato da figure che organizzano e realizzano attività individuali o di gruppo per accompagnare la crescita dei bambini in età prescolare. Gli insegnanti della scuola dell’infanzia rientrano in questo gruppo di professionisti, composto quasi interamente da donne (65,3%) occupate come dipendenti (97%). 

Nel 2019 sono state previste 15.250 assunzioni: circa 8 lavoratori su 10 con contratto a tempo determinato, che rappresenta la forma contrattuale più diffusa nel settore. Oltre la metà delle assunzioni è stata prevista con un contratto part-time. Il profilo ricercato identifica, nella maggioranza dei casi, persone che hanno avuto esperienze di lavoro nel campo dell’istruzione o che hanno già lavorato con bambini. L’età non rappresenta un aspetto rilevante e non sono richieste specifiche competenze linguistiche e informatiche.

Un insegnante della scuola dell’infanzia, con un’esperienza di 10 anni, può guadagnare tra i 18.000 € e i 24.000 € lordi all’anno. La retribuzione e le condizioni di lavoro possono variare a seconda che si svolga la professione nel settore pubblico o privato.

Fonte: Excelsior Unioncamere

Maestro d'infanzia
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Insegnante di scuola dell'infanzia?

L’insegnante di scuola dell’infanzia cura la formazione del bambino dai 3 ai 5 anni d’età. Partecipa al suo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo e sociale, stimolandone l’apprendimento, la creatività e la progressiva conquista di autonomia. Accompagna il bambino alla scoperta di ciò che lo circonda, lo guida nell’esplorazione delle sue capacità sensoriali, linguistiche ed emotive.

In collaborazione con altri colleghi, l’insegnante sviluppa piani educativi per la crescita sia psichica che fisica dei bambini e predispone percorsi personalizzati d’apprendimento per valutarne i comportamenti durante le attività individuali o di gruppo. Sollecita gli interessi e le attitudini del bambino coinvolgendolo in attività di carattere artistico-espressivo, musicale, di educazione corporea e civica.

Oltre alla gestione dei momenti ludico-educativi, l’insegnante si occupa della somministrazione dei pasti, del cambio degli indumenti e delle fasi di riposo del bambino. È necessaria la sua partecipazione alle riunioni degli organi collegiali, nonché allo svolgimento di attività di programmazione, progettazione, valutazione, aggiornamento e formazione.

È una figura educativa che entra in una tappa delicata del percorso di crescita del bambino, per cui è necessaria sensibilità, attenzione, accuratezza, senso di responsabilità e predisposizione alla cura.

Svolge, inoltre, un importante ruolo di raccordo tra la scuola e la famiglia:

  • Informa i genitori sulle finalità della scuola dell’infanzia
  • Organizza incontri individuali e di gruppo per creare un clima di fiducia
  • Rassicura i genitori soprattutto nella fase di prima accoglienza
  • Guida i familiari nel graduale inserimento scolastico del bambino

L’insegnante lavora nelle scuole statali, in quelle paritarie e non paritarie. L’ingresso nel modo del lavoro avviene solitamente attraverso incarichi con supplenze temporanee, alle quali può far seguito l’assunzione con contratto a tempo indeterminato.

Le scuole statali assumono attraverso concorso per la definizione di graduatorie di immissione . Le scuole paritarie possono assumere con chiamata diretta. In entrambi i casi può essere proposto un contratto a tempo determinato o indeterminato.

Nel corso della sua carriera, l’insegnante può ricoprire il ruolo di coordinatore scolastico in funzione dell’esperienza e dell’anzianità di servizio maturate. 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Cos'è la sicurezza sul lavoro e quali sono i principali corsi obbligatori da seguire
La sicurezza sul posto di lavoro non è solamente un diritto dei dipendenti, ma anche un dovere dell’azienda, volto ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Espressioni latine: che significano una tantum, qui pro quo, ante litteram, illo tempore?
Tutti sanno che la nostra lingua deriva in gran parte dal latino: se ci soffermiamo a riflettere, non serve di certo aver ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
25
gen
2021
Istituto Moda e Design Raffles Milano: 16 Borse di studio da 2.000 euro per corsi triennali post-diploma
L'Istituto di Moda e Design Reffles Milano ha indetto un bando per l'assegnazione di 16 Borse di studio a copertura parziale ....
23
gen
2021
L'Oréal e Unesco per le donne nella scienza: 6 Borse di studio da 20.000 euro a giovani Ricercatrici meritevoli
Anche nel 2021 riparte l'iniziativa della Fondazione L'Oréal e dell'Unesco denominata For women in science, un'iniziativa ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it