Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Illustratore

in Cultura e Spettacolo

Chi è e di cosa si occupa l'Illustratore?

L’Illustratore mette le proprie doti artistiche al servizio del cliente per realizzare immagini che accompagnano i testi scritti. Riceve un testo da un committente (spesso corrispondente alla figura dell’editore) con il compito di illustrarne la storia narrata. Con le sue abilità manuali e artistiche esegue illustrazioni per libri scolastici, libri per bambini, romanzi e tutto ciò che gravita intorno all’editoria e ha bisogno di essere illustrato.

Da un punto di vista settoriale, le illustrazioni si possono suddividere in:

  • Fantastiche e umoristiche: comprendenti le vignette per i giornali e le illustrazioni di libri per bambini
  • Realistiche: illustrazioni naturalistiche, architettoniche, tecniche, mediche, divulgative

Le tecniche con realizzare un illustrazione sono diverse: possono essere a incisione (lito e xilografia), a carboncino, pastelli e gessetti, oppure a matita, acquarello, acrilico, olio e digitale. Per quest’ultimo caso, l’illustratore utilizza programmi come Corel Painter, Adobe Photoshop, Adobe InDesign e Illustrator, necessari a manipolare le immagine e arrangiarle con i testi. Ovviamente queste tecniche possono essere usate anche tutte insieme.

Per lo svolgimento del suo lavoro è solito utilizzare attrezzature da disegno e/o strumenti informatici avanzati.

Nel rispettare le indicazioni dell’editore, l’illustratore è chiamato a proporre il proprio punto di vista e lo stile che lo contraddistingue, dimostrando di essere professionista e artista allo stesso tempo.

Un illustratore può lavorare come dipendente per una casa editrice, un’agenzia, per una redazione di una rivista o di un sito internet. Può tuttavia anche operare come freelance, ricercando il lavoro per sé e contrattando di volta in volta con il committente (singoli soggetti o aziende) le sue attività e il suo compenso. È possibile svolgere il lavoro anche da casa propria: l’editore fa pervenire all’illustratore un testo e il contatto editoriale con le indicazioni di base, quali il formato della pagina, il formato delle illustrazioni, il riquadro dove inserire il testo, il numero delle pagine e l’età dei destinatari del prodotto.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Illustratore?

La professione non è regolamentata da uno specifico albo. È consigliabile intraprendere una carriera scolastica nel campo artistico. In seguito al diploma di liceo artistico è possibile proseguire la formazione frequentando l’Accademia di belle Arti, Istituti d’arte e/o Corsi professionalizzanti presso Istituti pubblici o privati. Se si sceglie il campo dell’illustrazione digitale occorre acquisire competenze in materia di software specifici; l’Istituto europeo di design-IED fornisce corsi dedicati al graphic design.

L’illustratore è un mestiere creativo che richiede due requisiti indispensabili: talento e seria motivazione, lo studio non basta. È bene sviluppare uno stile personale per rendersi competitivi sul mercato. Importante altresì la conoscenza dell’anatomia del disegno tecnico.

Occorre inoltre imparare a sapersi muovere bene nell’ambiente, in modo da far conoscere il proprio portfolio (costituito preferibilmente da piccoli progetti editoriali) da far visionare agli editori. È importante dunque frequentare saloni dell’illustrazione e fiere, come la Bologna Children’s Book Fair – BCBF, la più importante nel settore. In questi luoghi è possibile presentare personalmente i propri lavori, chiedere consigli, prendere contatti anche con editori internazionali, perciò è indispensabile la conoscenza dell’inglese e preferibilmente di un’ulteriore lingua straniera. È consigliabile la partecipazione a concorsi per illustratori (sia in Italia che all’estero) per testare le proprie capacità.

Completano il profilo una buona capacità di pianificazione, controllo e gestione delle tempistiche.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Illustratori?

Il mestiere dell’illustratore non ha sbocchi particolarmente ampi nel mercato del lavoro. Oltre al talento occorrono una seria determinazione, saper stabilire i contatti giusti frequentando gli ambienti adatti per poter avere la possibilità di emergere.

L’illustratore appartiene all’area professionale “Pittori, scultori, disegnatori e restauratori di beni culturali” per la quale nel 2019 si prevede, stando ai dati del Sistema Excelsior Unioncamere, l’inserimento di 2.540 unità, di cui 1.870 assunzioni di dipendenti. Le forme contrattuali si sintetizzano nel 48% in contratti a tempo determinato e 50% a tempo indeterminato.

  • Esperienza professionale: il 39,6% dei datori di lavoro richiede una precedente esperienza professionale nel settore.
  • Formazione: il 37,4% dei datori di lavoro richiede un diploma universitario, il 62,6% un diploma secondario.
  • Competenze: la flessibilità e adattamento (86%) e la capacità di lavorare in gruppo (74%) rappresentano le competenze trasversali maggiormente richieste al profilo professionale dell'Illustratore.

Non è possibile stabilire qual è la retribuzione media di un illustratore, né esistono dei tariffari condivisi e ufficiali su cui poter fare affidamento nella definizione di una griglia delle retribuzioni. Inoltre, la grandissima variabilità della attività di illustrazione rende piuttosto ampio anche lo spettro delle retribuzioni.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Illustratore
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Illustratore?

L’Illustratore mette le proprie doti artistiche al servizio del cliente per realizzare immagini che accompagnano i testi scritti. Riceve un testo da un committente (spesso corrispondente alla figura dell’editore) con il compito di illustrarne la storia narrata. Con le sue abilità manuali e artistiche esegue illustrazioni per libri scolastici, libri per bambini, romanzi e tutto ciò che gravita intorno all’editoria e ha bisogno di essere illustrato.

Da un punto di vista settoriale, le illustrazioni si possono suddividere in:

  • Fantastiche e umoristiche: comprendenti le vignette per i giornali e le illustrazioni di libri per bambini
  • Realistiche: illustrazioni naturalistiche, architettoniche, tecniche, mediche, divulgative

Le tecniche con realizzare un illustrazione sono diverse: possono essere a incisione (lito e xilografia), a carboncino, pastelli e gessetti, oppure a matita, acquarello, acrilico, olio e digitale. Per quest’ultimo caso, l’illustratore utilizza programmi come Corel Painter, Adobe Photoshop, Adobe InDesign e Illustrator, necessari a manipolare le immagine e arrangiarle con i testi. Ovviamente queste tecniche possono essere usate anche tutte insieme.

Per lo svolgimento del suo lavoro è solito utilizzare attrezzature da disegno e/o strumenti informatici avanzati.

Nel rispettare le indicazioni dell’editore, l’illustratore è chiamato a proporre il proprio punto di vista e lo stile che lo contraddistingue, dimostrando di essere professionista e artista allo stesso tempo.

Un illustratore può lavorare come dipendente per una casa editrice, un’agenzia, per una redazione di una rivista o di un sito internet. Può tuttavia anche operare come freelance, ricercando il lavoro per sé e contrattando di volta in volta con il committente (singoli soggetti o aziende) le sue attività e il suo compenso. È possibile svolgere il lavoro anche da casa propria: l’editore fa pervenire all’illustratore un testo e il contatto editoriale con le indicazioni di base, quali il formato della pagina, il formato delle illustrazioni, il riquadro dove inserire il testo, il numero delle pagine e l’età dei destinatari del prodotto.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Illustratore?

La professione non è regolamentata da uno specifico albo. È consigliabile intraprendere una carriera scolastica nel campo artistico. In seguito al diploma di liceo artistico è possibile proseguire la formazione frequentando l’Accademia di belle Arti, Istituti d’arte e/o Corsi professionalizzanti presso Istituti pubblici o privati. Se si sceglie il campo dell’illustrazione digitale occorre acquisire competenze in materia di software specifici; l’Istituto europeo di design-IED fornisce corsi dedicati al graphic design.

L’illustratore è un mestiere creativo che richiede due requisiti indispensabili: talento e seria motivazione, lo studio non basta. È bene sviluppare uno stile personale per rendersi competitivi sul mercato. Importante altresì la conoscenza dell’anatomia del disegno tecnico.

Occorre inoltre imparare a sapersi muovere bene nell’ambiente, in modo da far conoscere il proprio portfolio (costituito preferibilmente da piccoli progetti editoriali) da far visionare agli editori. È importante dunque frequentare saloni dell’illustrazione e fiere, come la Bologna Children’s Book Fair – BCBF, la più importante nel settore. In questi luoghi è possibile presentare personalmente i propri lavori, chiedere consigli, prendere contatti anche con editori internazionali, perciò è indispensabile la conoscenza dell’inglese e preferibilmente di un’ulteriore lingua straniera. È consigliabile la partecipazione a concorsi per illustratori (sia in Italia che all’estero) per testare le proprie capacità.

Completano il profilo una buona capacità di pianificazione, controllo e gestione delle tempistiche.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Illustratori?

Il mestiere dell’illustratore non ha sbocchi particolarmente ampi nel mercato del lavoro. Oltre al talento occorrono una seria determinazione, saper stabilire i contatti giusti frequentando gli ambienti adatti per poter avere la possibilità di emergere.

L’illustratore appartiene all’area professionale “Pittori, scultori, disegnatori e restauratori di beni culturali” per la quale nel 2019 si prevede, stando ai dati del Sistema Excelsior Unioncamere, l’inserimento di 2.540 unità, di cui 1.870 assunzioni di dipendenti. Le forme contrattuali si sintetizzano nel 48% in contratti a tempo determinato e 50% a tempo indeterminato.

  • Esperienza professionale: il 39,6% dei datori di lavoro richiede una precedente esperienza professionale nel settore.
  • Formazione: il 37,4% dei datori di lavoro richiede un diploma universitario, il 62,6% un diploma secondario.
  • Competenze: la flessibilità e adattamento (86%) e la capacità di lavorare in gruppo (74%) rappresentano le competenze trasversali maggiormente richieste al profilo professionale dell'Illustratore.

Non è possibile stabilire qual è la retribuzione media di un illustratore, né esistono dei tariffari condivisi e ufficiali su cui poter fare affidamento nella definizione di una griglia delle retribuzioni. Inoltre, la grandissima variabilità della attività di illustrazione rende piuttosto ampio anche lo spettro delle retribuzioni.

Illustratore
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Illustratore?

L’Illustratore mette le proprie doti artistiche al servizio del cliente per realizzare immagini che accompagnano i testi scritti. Riceve un testo da un committente (spesso corrispondente alla figura dell’editore) con il compito di illustrarne la storia narrata. Con le sue abilità manuali e artistiche esegue illustrazioni per libri scolastici, libri per bambini, romanzi e tutto ciò che gravita intorno all’editoria e ha bisogno di essere illustrato.

Da un punto di vista settoriale, le illustrazioni si possono suddividere in:

  • Fantastiche e umoristiche: comprendenti le vignette per i giornali e le illustrazioni di libri per bambini
  • Realistiche: illustrazioni naturalistiche, architettoniche, tecniche, mediche, divulgative

Le tecniche con realizzare un illustrazione sono diverse: possono essere a incisione (lito e xilografia), a carboncino, pastelli e gessetti, oppure a matita, acquarello, acrilico, olio e digitale. Per quest’ultimo caso, l’illustratore utilizza programmi come Corel Painter, Adobe Photoshop, Adobe InDesign e Illustrator, necessari a manipolare le immagine e arrangiarle con i testi. Ovviamente queste tecniche possono essere usate anche tutte insieme.

Per lo svolgimento del suo lavoro è solito utilizzare attrezzature da disegno e/o strumenti informatici avanzati.

Nel rispettare le indicazioni dell’editore, l’illustratore è chiamato a proporre il proprio punto di vista e lo stile che lo contraddistingue, dimostrando di essere professionista e artista allo stesso tempo.

Un illustratore può lavorare come dipendente per una casa editrice, un’agenzia, per una redazione di una rivista o di un sito internet. Può tuttavia anche operare come freelance, ricercando il lavoro per sé e contrattando di volta in volta con il committente (singoli soggetti o aziende) le sue attività e il suo compenso. È possibile svolgere il lavoro anche da casa propria: l’editore fa pervenire all’illustratore un testo e il contatto editoriale con le indicazioni di base, quali il formato della pagina, il formato delle illustrazioni, il riquadro dove inserire il testo, il numero delle pagine e l’età dei destinatari del prodotto.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Come si diventa Bartender, Barman e Barwoman
Spesso si tende a confondere le diverse figure deputate alla preparazione e alla somministrazione di bevande e drink che ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
L'economia del Design in Italia: è ancora crescita
Il Design si conferma come un asse portante per la nostra economia nonché come un’interessante canale di ingresso ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
27
nov
2020
Bricoman cerca diplomati da assumere per nuove aperture
Nuove opportunità di impiego nel settore commerciale: Bricoman, la famosa catena di store dedicati agli attrezzi da lavoro ....
25
nov
2020
Il racconto nel cassetto: concorso per racconti e fiabe con 10.000 euro di premi
Nel cassetto conservi un racconto o una fiaba che desideri pubblicare? Vuoi provare a entrare nel mondo dell'editoria facendo ....
24
nov
2020
Cuneo, concorso per 12 Cantonieri con licenza media a tempo indeterminato
Con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 17 novembre 2020, sezione Concorsi ed esami n. 90, il Comune di Cuneo ha indetto ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it