Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Giardiniere

in Agricoltura e Ambiente

Chi è e di cosa si occupa il Giardiniere?

La sensibilità per il verde è un fattore che continua ad avere il suo peso nonostante l’espansione delle aree urbane. Resta alto l’interesse per i parchi pubblici, per i giardini verticali (ossia quelli che si sviluppano per la lunghezza dei palazzi), per le aree verdi in contesti residenziali, ma anche per i giardini di singole abitazioni private (in contesto cittadino quanto rurale). Il Giardiniere è colui che si occupa di rispondere a questa esigenza di “verde” sempre presente.

Si occupa di progettare, mettere in opera, curare, ristrutturare e manutenere tutte le tipologie di aree verdi sopra citate. Tuttavia, può lavorare anche in serra, in vivaio, in colture idroponiche, ecc., producendo piante e fiori ornamentali da immettere poi sul mercato anche tramite la vendita diretta.

Tra le sue principali mansioni, vi sono:

  • la cura e l’analisi del terreno su cui installare un particolare tipo di giardino
  • la scelta delle specie vegetali da mettere a dimora in un giardino in base al clima, alle peculiarità del terreno e al gusto del cliente
  • la disinfestazione da parassiti e animali eventualmente dannosi per l’area, la cura e la prevenzione dalle malattie
  • la potatura di alberi, siepi e arbusti
  • il monitoraggio delle fasi di fioritura
  • la semina, la tosatura e la rizollatura dei prati
  • la gestione delle fasi di vita delle piante
  • l’ideazione e la realizzazione di innesti

In tutte queste mansioni, un giardiniere può essere diretto da altri professionisti esperti o semplicemente interfacciarsi con loro (per esempio gli entomologi nel caso della disinfestazione, gli ecologi nel caso della progettazione di vaste aree verdi, i biologi, ecc.)

Può lavorare alle dipendenze di imprese che offrono servizi di giardinaggio oppure alle dipendenze di Enti pubblici (per esempio i Comuni, le Provincie, ecc.). Può tuttavia anche aprire un’attività in proprio. In questo caso, un giardiniere dovrà procurarsi con un investimento iniziale l’attrezzatura necessaria a svolgere il mestiere (cesoie, tosaerba, decespugliatore, falci, motosega, tosasiepi, ecc.).

Data la natura del suo lavoro, un giardiniere deve possedere:

  • amore per la natura
  • capacità di analisi
  • predisposizione al lavoro all’aperto
  • capacità di interfacciarsi con il cliente e con le sue esigenze
  • conoscenza dei principali elementi di botanica
  • sensibilità artistica e senso del “bello”
  • manualità e senso pratico

Va infine detto che il lavoro di giardiniere segue la stagionalità: egli infatti trova maggiore occupazione in primavera e in estate.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Giardiniere?

Non vi è un percorso formativo specifico per chi voglia svolgere la professione di giardiniere. Per accedervi, nella maggior parte dei casi basta aver concluso il percorso della Scuola dell’obbligo.

Tuttavia, chi voglia conseguire un titolo che attesti l’acquisizione di competenze utili a svolgere la professione potrà frequentare una Scuola professionale a indirizzo Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, oppure un Istituto tecnico a indirizzo agrario.

Per elevare ulteriormente il proprio profilo professionale, un giardiniere può frequentare anche un Corso di laurea in materie agrarie, e così acquisire particolari competenze spendibili sul mercato del lavoro.

Esistono inoltre numerosi corsi di formazione professionalizzanti che le Regioni o le Provincie prevedono per formare giardinieri qualificati (si faccia dunque riferimento alle offerte formative degli Enti interessati). Tuttavia anche Enti e Istituti privati offrono Corsi professionalizzanti utili ad acquisire le competenze necessarie alla professione. Tra questi, particolarmente rinomati sono quelli offerti dalla Scuola Agraria del Parco di Monza.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dei Giardinieri? 

Per conoscere i dati occupazionali dei Giardinieri è necessario osservare la macrocategoria degli "Agricoltori e operai agricoli specializzati di giardini e vivai, di coltivazioni di fiori e piante ornamentali, di ortive protette o di orti stabili" a cui appartengono i giardinieri. 

Per quanto riguarda le previsioni di assunzione nella categoria, si prevede, per il 2015, l’immissione di 850 nuovi lavoratori, con un netto calo rispetto agli anni precedenti. Si è passati dal 1,83‰ del 2013 al 1,42‰ del 2014. Per il 2015 si prevede un ulteriore diminuzione della domanda al 0,91‰.

Tendenza della domanda nel triennio 2013-2015

Giardiniere-1

Fonte: Excelsior-Unioncamere

Gli 850 nuovi lavoratori avranno contratti a tempo determinato, data anche la natura stagionale del lavoro del giardiniere.

Al 29,2% circa dei nuovi lavoratori sarà richiesta esperienza professionale nello stesso settore.

Per quanto riguarda il grado di istruzione/formazione richiesto, alla grande maggioranza del totale, il 58,9% circa, basterà la scuola dell’obbligo, a fronte del 26,4% circa a cui verrà richiesta un’istruzione professionale e del 14,7% a cui verrà richiesto un diploma secondario.

Non è mai richiesta la conoscenza di una lingua straniera né è mai richiesto il possesso di competenze informatiche.

I giardinieri che abbiano una loro impresa di giardinaggio guadagnano in base all’opera prestata. Un giardiniere che sia impiegato in una Pubblica Amministrazione, per esempio in un Comune, può guadagnare in media anche 1.200/1.300 € circa al mese.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Giardiniere
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il Giardiniere?

La sensibilità per il verde è un fattore che continua ad avere il suo peso nonostante l’espansione delle aree urbane. Resta alto l’interesse per i parchi pubblici, per i giardini verticali (ossia quelli che si sviluppano per la lunghezza dei palazzi), per le aree verdi in contesti residenziali, ma anche per i giardini di singole abitazioni private (in contesto cittadino quanto rurale). Il Giardiniere è colui che si occupa di rispondere a questa esigenza di “verde” sempre presente.

Si occupa di progettare, mettere in opera, curare, ristrutturare e manutenere tutte le tipologie di aree verdi sopra citate. Tuttavia, può lavorare anche in serra, in vivaio, in colture idroponiche, ecc., producendo piante e fiori ornamentali da immettere poi sul mercato anche tramite la vendita diretta.

Tra le sue principali mansioni, vi sono:

  • la cura e l’analisi del terreno su cui installare un particolare tipo di giardino
  • la scelta delle specie vegetali da mettere a dimora in un giardino in base al clima, alle peculiarità del terreno e al gusto del cliente
  • la disinfestazione da parassiti e animali eventualmente dannosi per l’area, la cura e la prevenzione dalle malattie
  • la potatura di alberi, siepi e arbusti
  • il monitoraggio delle fasi di fioritura
  • la semina, la tosatura e la rizollatura dei prati
  • la gestione delle fasi di vita delle piante
  • l’ideazione e la realizzazione di innesti

In tutte queste mansioni, un giardiniere può essere diretto da altri professionisti esperti o semplicemente interfacciarsi con loro (per esempio gli entomologi nel caso della disinfestazione, gli ecologi nel caso della progettazione di vaste aree verdi, i biologi, ecc.)

Può lavorare alle dipendenze di imprese che offrono servizi di giardinaggio oppure alle dipendenze di Enti pubblici (per esempio i Comuni, le Provincie, ecc.). Può tuttavia anche aprire un’attività in proprio. In questo caso, un giardiniere dovrà procurarsi con un investimento iniziale l’attrezzatura necessaria a svolgere il mestiere (cesoie, tosaerba, decespugliatore, falci, motosega, tosasiepi, ecc.).

Data la natura del suo lavoro, un giardiniere deve possedere:

  • amore per la natura
  • capacità di analisi
  • predisposizione al lavoro all’aperto
  • capacità di interfacciarsi con il cliente e con le sue esigenze
  • conoscenza dei principali elementi di botanica
  • sensibilità artistica e senso del “bello”
  • manualità e senso pratico

Va infine detto che il lavoro di giardiniere segue la stagionalità: egli infatti trova maggiore occupazione in primavera e in estate.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Giardiniere?

Non vi è un percorso formativo specifico per chi voglia svolgere la professione di giardiniere. Per accedervi, nella maggior parte dei casi basta aver concluso il percorso della Scuola dell’obbligo.

Tuttavia, chi voglia conseguire un titolo che attesti l’acquisizione di competenze utili a svolgere la professione potrà frequentare una Scuola professionale a indirizzo Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, oppure un Istituto tecnico a indirizzo agrario.

Per elevare ulteriormente il proprio profilo professionale, un giardiniere può frequentare anche un Corso di laurea in materie agrarie, e così acquisire particolari competenze spendibili sul mercato del lavoro.

Esistono inoltre numerosi corsi di formazione professionalizzanti che le Regioni o le Provincie prevedono per formare giardinieri qualificati (si faccia dunque riferimento alle offerte formative degli Enti interessati). Tuttavia anche Enti e Istituti privati offrono Corsi professionalizzanti utili ad acquisire le competenze necessarie alla professione. Tra questi, particolarmente rinomati sono quelli offerti dalla Scuola Agraria del Parco di Monza.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dei Giardinieri? 

Per conoscere i dati occupazionali dei Giardinieri è necessario osservare la macrocategoria degli "Agricoltori e operai agricoli specializzati di giardini e vivai, di coltivazioni di fiori e piante ornamentali, di ortive protette o di orti stabili" a cui appartengono i giardinieri. 

Per quanto riguarda le previsioni di assunzione nella categoria, si prevede, per il 2015, l’immissione di 850 nuovi lavoratori, con un netto calo rispetto agli anni precedenti. Si è passati dal 1,83‰ del 2013 al 1,42‰ del 2014. Per il 2015 si prevede un ulteriore diminuzione della domanda al 0,91‰.

Tendenza della domanda nel triennio 2013-2015

Giardiniere-1

Fonte: Excelsior-Unioncamere

Gli 850 nuovi lavoratori avranno contratti a tempo determinato, data anche la natura stagionale del lavoro del giardiniere.

Al 29,2% circa dei nuovi lavoratori sarà richiesta esperienza professionale nello stesso settore.

Per quanto riguarda il grado di istruzione/formazione richiesto, alla grande maggioranza del totale, il 58,9% circa, basterà la scuola dell’obbligo, a fronte del 26,4% circa a cui verrà richiesta un’istruzione professionale e del 14,7% a cui verrà richiesto un diploma secondario.

Non è mai richiesta la conoscenza di una lingua straniera né è mai richiesto il possesso di competenze informatiche.

I giardinieri che abbiano una loro impresa di giardinaggio guadagnano in base all’opera prestata. Un giardiniere che sia impiegato in una Pubblica Amministrazione, per esempio in un Comune, può guadagnare in media anche 1.200/1.300 € circa al mese.

Link utili
Giardiniere
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il Giardiniere?

La sensibilità per il verde è un fattore che continua ad avere il suo peso nonostante l’espansione delle aree urbane. Resta alto l’interesse per i parchi pubblici, per i giardini verticali (ossia quelli che si sviluppano per la lunghezza dei palazzi), per le aree verdi in contesti residenziali, ma anche per i giardini di singole abitazioni private (in contesto cittadino quanto rurale). Il Giardiniere è colui che si occupa di rispondere a questa esigenza di “verde” sempre presente.

Si occupa di progettare, mettere in opera, curare, ristrutturare e manutenere tutte le tipologie di aree verdi sopra citate. Tuttavia, può lavorare anche in serra, in vivaio, in colture idroponiche, ecc., producendo piante e fiori ornamentali da immettere poi sul mercato anche tramite la vendita diretta.

Tra le sue principali mansioni, vi sono:

  • la cura e l’analisi del terreno su cui installare un particolare tipo di giardino
  • la scelta delle specie vegetali da mettere a dimora in un giardino in base al clima, alle peculiarità del terreno e al gusto del cliente
  • la disinfestazione da parassiti e animali eventualmente dannosi per l’area, la cura e la prevenzione dalle malattie
  • la potatura di alberi, siepi e arbusti
  • il monitoraggio delle fasi di fioritura
  • la semina, la tosatura e la rizollatura dei prati
  • la gestione delle fasi di vita delle piante
  • l’ideazione e la realizzazione di innesti

In tutte queste mansioni, un giardiniere può essere diretto da altri professionisti esperti o semplicemente interfacciarsi con loro (per esempio gli entomologi nel caso della disinfestazione, gli ecologi nel caso della progettazione di vaste aree verdi, i biologi, ecc.)

Può lavorare alle dipendenze di imprese che offrono servizi di giardinaggio oppure alle dipendenze di Enti pubblici (per esempio i Comuni, le Provincie, ecc.). Può tuttavia anche aprire un’attività in proprio. In questo caso, un giardiniere dovrà procurarsi con un investimento iniziale l’attrezzatura necessaria a svolgere il mestiere (cesoie, tosaerba, decespugliatore, falci, motosega, tosasiepi, ecc.).

Data la natura del suo lavoro, un giardiniere deve possedere:

  • amore per la natura
  • capacità di analisi
  • predisposizione al lavoro all’aperto
  • capacità di interfacciarsi con il cliente e con le sue esigenze
  • conoscenza dei principali elementi di botanica
  • sensibilità artistica e senso del “bello”
  • manualità e senso pratico

Va infine detto che il lavoro di giardiniere segue la stagionalità: egli infatti trova maggiore occupazione in primavera e in estate.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Video correlati
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Tutti i numeri del "Sistema produttivo culturale e creativo" in Italia
C’è un fermento che cresce e offre nuove prospettive occupazionali per tanti giovani che sognano di trovare ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
L'economia del Design in Italia: è ancora crescita
Il Design si conferma come un asse portante per la nostra economia nonché come un’interessante canale di ingresso ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
15
lug
2019
Amatrice: investimenti per rilanciare economia e occupazione
Grazie alla Legge 181/89, Invitalia ha finanziato con circa 10 milioni di euro, alcuni dei quali a fondo perduto, il ....
10
lug
2019
Gruppo Iren: posizioni aperte nel settore energetico
Il Gruppo Iren, una delle più importanti multiutility in Italia impegnata nella distribuzione di energia elettrica, ....
08
lug
2019
Lamborghini: 200 assunzioni per il nuovo stabilimento
Nel primo semestre del 2019 Lamborghini, il marchio italiano di auto di lusso famoso in tutto il mondo, ha registrato numeri ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it