Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Farmacista

in Sanità

Chi è e di cosa si occupa il Farmacista?

Il Farmacista è un professionista specializzato nella preparazione e distribuzione al pubblico di medicinali e prodotti per la salute. All’interno di una farmacia, il suo lavoro non si limita, come comunemente si pensa, alla sola vendita delle medicine. Può gestire la preparazione del farmaco galenico (ovvero preparato da lui in laboratorio), il controllo delle scorte e l’approvvigionamento dei medicinali. Informa i clienti sull’uso appropriato dei farmaci, spiega loro eventuali controindicazioni e possibili effetti collaterali. Fornisce, inoltre, consigli sull’uso di medicinali senza obbligo di prescrizione, ne previene il dosaggio eccessivo e informa il cliente sulle complicazioni che possono derivare dalla sospensione anticipata o dal prolungamento non necessario della terapia.

Nel lavoro di prevenzione e tutela della salute non può sostituirsi al medico. Può agevolare il paziente nella comprensione della terapia, ma non può effettuare una diagnosi. 

Il farmacista deve saper riconoscere e soddisfare le esigenze del cliente, ascoltarne i bisogni e garantire, se necessario, la presenza al servizio anche durante le ore notturne e nei giorni festivi. La propensione al dialogo, all’ascolto e la predisposizione ai rapporti interpersonali sono doti auspicabili per l’esercizio della professione.

Il farmacista può lavorare come direttore o collaboratore nelle farmacie private. Per diventare titolare deve partecipare a un concorso pubblico che autorizza ad aprire una farmacia o a prendere in gestione una farmacia già avviata. I bandi per il conferimento dell’autorizzazione sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

Il farmacista può svolgere la professione anche in ospedali, in strutture sanitarie private, nelle parafarmacie, nelle Asl e nelle Pubbliche Amministrazioni, dove ricopre anche incarichi dirigenziali e si occupa del controllo e del monitoraggio del Servizio Farmaceutico.  Per svolgere la professione di farmacista presso strutture pubbliche è necessario partecipare a un bando di concorso.

Ulteriori sbocchi occupazionali sono offerti dai centri di ricerca delle aziende del settore farmaceutico e cosmetico.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Farmacista?

Per diventare farmacista bisogna conseguire la laurea magistrale in Farmacia o in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. Entrambi i Corsi di laurea sono a ciclo unico, durano 5 anni e prevedono un periodo di 6 mesi di tirocinio professionale presso una farmacia aperta la pubblico o una farmacia ospedaliera.

Il Corso di laurea in Farmacia fornisce conoscenze e competenze scientifico-professionali necessarie ad operare nelle farmacie, nel campo dei controlli e della distribuzione dei medicinali nonché per svolgere attività di informazione ed educazione sanitaria.

Il Corso di laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche offre una formazione specialistica nella progettazione, produzione e controllo dei farmaci, dei prodotti dietetici e dei prodotti cosmetici. Indirizza il giovane verso l’ambito farmaceutico industriale e verso l’industria cosmetica e alimentare.

Solo dopo aver conseguito la laurea e aver svolto il tirocinio professionale è possibile affrontare l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione. Conseguita la laurea e ottenuta l’abilitazione alla professione si può lavorare come farmacisti.

Prima di inserirsi nel mondo del lavoro, il laureato può scegliere di continuare il proprio percorso formativo frequentando master di I e II livello o iscrivendosi a un Corso di Dottorato per  specializzarsi nel settore della ricerca e aprirsi la possibilità di intraprendere la carriera universitaria. È possibile accedere al Dottorato di Ricerca solo dopo il superamento di un concorso pubblico bandito nei diversi Atenei.

Anche per chi ha già intrapreso la professione, è consigliabile frequentare corsi di formazione e aggiornamento professionale per acquisire ulteriori conoscenze e approfondire aspetti legati alla sperimentazione dei farmaci.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dei Farmacisti?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni dei farmacisti, per il 2018 si prevedono 9750 assunzioni, il 61% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo determinato e solo il 26% a tempo indeterminato. Il 32% dei candidati appartiene alla fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Vediamo quali sono i requisiti richiesti dalla professione.

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Farmacisti?

Esperienza: il 55,6% dei datori di lavoro richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti. Il 37,1% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 100% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 84% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, lavorare in gruppo, flessibilità ed adattamento alle richieste dei clienti (rispettivamente 78% e 76%).

Le piccole aziende, quelle da 1 a 9 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli agenti immobiliari. Sono infatti il 67,7% della realtà imprenditoriale italiana nel settore della vendita immobiliare, insieme al 18,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 14,2% delle grandi aziende, quelle con oltre 50 dipendenti. 

 

Quanto guadagna un Farmacista?

La retribuzione media dei laureati in farmacia a un anno dal conseguimento del titolo è pari a 1.126 € mensili. Dopo cinque anni dal conseguimento del titolo lo stipendio può salire fino a 1.365 €.

Nel tempo, acquisendo esperienza e ricoprendo ruoli di maggiore responsabilità, lo stipendio di un farmacista può crescere ulteriormente. Il responsabile di una farmacia, ad esempio, con un’esperienza nel settore di dieci anni può percepire, in media, uno stipendio annuale lordo che oscilla in media tra i 25.000 € e i 35.000 €.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Farmacista
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il Farmacista?

Il Farmacista è un professionista specializzato nella preparazione e distribuzione al pubblico di medicinali e prodotti per la salute. All’interno di una farmacia, il suo lavoro non si limita, come comunemente si pensa, alla sola vendita delle medicine. Può gestire la preparazione del farmaco galenico (ovvero preparato da lui in laboratorio), il controllo delle scorte e l’approvvigionamento dei medicinali. Informa i clienti sull’uso appropriato dei farmaci, spiega loro eventuali controindicazioni e possibili effetti collaterali. Fornisce, inoltre, consigli sull’uso di medicinali senza obbligo di prescrizione, ne previene il dosaggio eccessivo e informa il cliente sulle complicazioni che possono derivare dalla sospensione anticipata o dal prolungamento non necessario della terapia.

Nel lavoro di prevenzione e tutela della salute non può sostituirsi al medico. Può agevolare il paziente nella comprensione della terapia, ma non può effettuare una diagnosi. 

Il farmacista deve saper riconoscere e soddisfare le esigenze del cliente, ascoltarne i bisogni e garantire, se necessario, la presenza al servizio anche durante le ore notturne e nei giorni festivi. La propensione al dialogo, all’ascolto e la predisposizione ai rapporti interpersonali sono doti auspicabili per l’esercizio della professione.

Il farmacista può lavorare come direttore o collaboratore nelle farmacie private. Per diventare titolare deve partecipare a un concorso pubblico che autorizza ad aprire una farmacia o a prendere in gestione una farmacia già avviata. I bandi per il conferimento dell’autorizzazione sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

Il farmacista può svolgere la professione anche in ospedali, in strutture sanitarie private, nelle parafarmacie, nelle Asl e nelle Pubbliche Amministrazioni, dove ricopre anche incarichi dirigenziali e si occupa del controllo e del monitoraggio del Servizio Farmaceutico.  Per svolgere la professione di farmacista presso strutture pubbliche è necessario partecipare a un bando di concorso.

Ulteriori sbocchi occupazionali sono offerti dai centri di ricerca delle aziende del settore farmaceutico e cosmetico.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Farmacista?

Per diventare farmacista bisogna conseguire la laurea magistrale in Farmacia o in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. Entrambi i Corsi di laurea sono a ciclo unico, durano 5 anni e prevedono un periodo di 6 mesi di tirocinio professionale presso una farmacia aperta la pubblico o una farmacia ospedaliera.

Il Corso di laurea in Farmacia fornisce conoscenze e competenze scientifico-professionali necessarie ad operare nelle farmacie, nel campo dei controlli e della distribuzione dei medicinali nonché per svolgere attività di informazione ed educazione sanitaria.

Il Corso di laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche offre una formazione specialistica nella progettazione, produzione e controllo dei farmaci, dei prodotti dietetici e dei prodotti cosmetici. Indirizza il giovane verso l’ambito farmaceutico industriale e verso l’industria cosmetica e alimentare.

Solo dopo aver conseguito la laurea e aver svolto il tirocinio professionale è possibile affrontare l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione. Conseguita la laurea e ottenuta l’abilitazione alla professione si può lavorare come farmacisti.

Prima di inserirsi nel mondo del lavoro, il laureato può scegliere di continuare il proprio percorso formativo frequentando master di I e II livello o iscrivendosi a un Corso di Dottorato per  specializzarsi nel settore della ricerca e aprirsi la possibilità di intraprendere la carriera universitaria. È possibile accedere al Dottorato di Ricerca solo dopo il superamento di un concorso pubblico bandito nei diversi Atenei.

Anche per chi ha già intrapreso la professione, è consigliabile frequentare corsi di formazione e aggiornamento professionale per acquisire ulteriori conoscenze e approfondire aspetti legati alla sperimentazione dei farmaci.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dei Farmacisti?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni dei farmacisti, per il 2018 si prevedono 9750 assunzioni, il 61% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo determinato e solo il 26% a tempo indeterminato. Il 32% dei candidati appartiene alla fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Vediamo quali sono i requisiti richiesti dalla professione.

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Farmacisti?

Esperienza: il 55,6% dei datori di lavoro richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti. Il 37,1% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 100% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 84% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, lavorare in gruppo, flessibilità ed adattamento alle richieste dei clienti (rispettivamente 78% e 76%).

Le piccole aziende, quelle da 1 a 9 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli agenti immobiliari. Sono infatti il 67,7% della realtà imprenditoriale italiana nel settore della vendita immobiliare, insieme al 18,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 14,2% delle grandi aziende, quelle con oltre 50 dipendenti. 

 

Quanto guadagna un Farmacista?

La retribuzione media dei laureati in farmacia a un anno dal conseguimento del titolo è pari a 1.126 € mensili. Dopo cinque anni dal conseguimento del titolo lo stipendio può salire fino a 1.365 €.

Nel tempo, acquisendo esperienza e ricoprendo ruoli di maggiore responsabilità, lo stipendio di un farmacista può crescere ulteriormente. Il responsabile di una farmacia, ad esempio, con un’esperienza nel settore di dieci anni può percepire, in media, uno stipendio annuale lordo che oscilla in media tra i 25.000 € e i 35.000 €.

Farmacista
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il Farmacista?

Il Farmacista è un professionista specializzato nella preparazione e distribuzione al pubblico di medicinali e prodotti per la salute. All’interno di una farmacia, il suo lavoro non si limita, come comunemente si pensa, alla sola vendita delle medicine. Può gestire la preparazione del farmaco galenico (ovvero preparato da lui in laboratorio), il controllo delle scorte e l’approvvigionamento dei medicinali. Informa i clienti sull’uso appropriato dei farmaci, spiega loro eventuali controindicazioni e possibili effetti collaterali. Fornisce, inoltre, consigli sull’uso di medicinali senza obbligo di prescrizione, ne previene il dosaggio eccessivo e informa il cliente sulle complicazioni che possono derivare dalla sospensione anticipata o dal prolungamento non necessario della terapia.

Nel lavoro di prevenzione e tutela della salute non può sostituirsi al medico. Può agevolare il paziente nella comprensione della terapia, ma non può effettuare una diagnosi. 

Il farmacista deve saper riconoscere e soddisfare le esigenze del cliente, ascoltarne i bisogni e garantire, se necessario, la presenza al servizio anche durante le ore notturne e nei giorni festivi. La propensione al dialogo, all’ascolto e la predisposizione ai rapporti interpersonali sono doti auspicabili per l’esercizio della professione.

Il farmacista può lavorare come direttore o collaboratore nelle farmacie private. Per diventare titolare deve partecipare a un concorso pubblico che autorizza ad aprire una farmacia o a prendere in gestione una farmacia già avviata. I bandi per il conferimento dell’autorizzazione sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

Il farmacista può svolgere la professione anche in ospedali, in strutture sanitarie private, nelle parafarmacie, nelle Asl e nelle Pubbliche Amministrazioni, dove ricopre anche incarichi dirigenziali e si occupa del controllo e del monitoraggio del Servizio Farmaceutico.  Per svolgere la professione di farmacista presso strutture pubbliche è necessario partecipare a un bando di concorso.

Ulteriori sbocchi occupazionali sono offerti dai centri di ricerca delle aziende del settore farmaceutico e cosmetico.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Lavorare con la laurea in Psicologia: quali professioni si possono svolgere?
Che lavoro posso fare con la laurea in Psicologia? Ecco un dilemma che ogni anno attanaglia migliaia di giovani in uscita ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Fisioterapista: una professione che piace a tanti giovani
Abilità manuale, tecnica e conoscenza della struttura del corpo umano sono solo alcune delle caratteristiche che ci ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
20
lug
2019
Tirocini retribuiti presso la Commissione europea
Cerchi un’esperienza di tirocinio all’estero? Perché non partecipare alle selezioni per trascorrere un ....
20
lug
2019
Vola in Argentina: borse di tirocinio Enel per studenti e dottorandi
Andare oltre confine per un’esperienza di tirocinio così da poter consolidare le competenze arricchire ....
18
lug
2019
ASST Santi Paolo e Carlo: bando per 11 Biologi, 1 Biotecnologo e 1 Medico
Presso l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Santi Paolo e Carlo è stato recentemente pubblicato un ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it