Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Costumista

in Cultura e Spettacolo

Chi è e di cosa si occupa il Costumista?

Il costumista disegna gli abiti di scena per rappresentazioni e spettacoli teatrali o cinematografici, scegliendo i tessuti, i colori e delineandone lo stile. Si occupa inoltre di disegnare i bozzetti e sovrintendere i sarti nella realizzazione dei costumi.

Nello svolgimento del lavoro il costumista tiene conto della sceneggiatura e delle indicazioni del regista per la creazione dei costumi adatti alla personalità dei personaggi e alle esigenze di copione.

Attività proprie della figura professionale sono:

  • Leggere la sceneggiatura
  • Concordare con il regista il tipo di abbigliamento di interpreti e comparsi nelle diverse scene
  • Studiare i personaggi di scena per “modulare” il giusto abbigliamento e gli accessori
  • Identificare le tipologie di tessuti e materiali necessari alla produzione di costumi e accessori e far cucire gli abiti presso sartorie specializzate. Valuta inoltre lo stato di avanzamento dei lavori nella realizzazione dei costumi e degli accessori.
  • In ambito televisivo, cinematografico e pubblicitario, ricercare abiti e accessori attraverso contatti con stilisti, ditte, sartorie e rielaborarli per adattarli al personaggio
  • Interviene dove necessario nella modifica e adattamento di costumi accessori e trucco

Il lavoro del costumista varia in base al settore di attività. Nel cinema, collabora con gli acconciatori, il direttore della fotografia e con il truccatore nella scelta dello stile di mascheramento del corpo. In ambito televisivo, l’attività prevede soprattutto la cura dell’abbigliamento e del look dei personaggi che compaiono in video e, talvolta, l’attività viene svolta in via esclusiva per un personaggio televisivo, curando nel tempo il look e l’immagine personale.

Generalmente il profilo di ingresso è l’aiuto costumista, il quale si occupa degli aspetti logistici e tecnici della professione. Il costumista può svolgere il suo lavoro presso programmi televisivi, compagnie teatrali o case cinematografiche, impegnato nella creazione di costumi scenici, lavorando a orari convenzionali. Per questo motivo la figura professionale è diversamente chiamata costumista di scena.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Costumista?

Non è previsto un percorso formativo specifico. È sufficiente avere una formazione di scuola media superiore, preferibilmente di stampo artistico.

È possibile frequentare corsi professionalizzanti dopo il diploma di scuola media inferiore. Una valida formazione la si raggiunge con una Laurea in Scienze della Moda e con la specializzazione in Abbigliamento o Arti Visive attivata presso alcune Facoltà di Lettere, integrandola (o sostituirla) con Corsi di formazione specialistici, i quali a seguito di un periodo di stage/tirocinio (1 anno presso una casa di moda o teatro), aprono le porte del mercato del lavoro agli aspiranti costumisti. È consigliabile seguire un percorso formativo quanto più specialistico possibile, per ottenere certificazioni di professionalità, per acquisire competenze specifiche ed essere inquadrabile più facilmente.

È un mestiere artigianale che richiede però la conoscenza della Storia della moda, del costume, del cinema e del teatro nonché degli elementi di linguaggio cinematografico. Il professionista possiede inoltre competenze in materie di analisi di una sceneggiatura, elementi di progettazione e confezione. Deve essere in grado di riconoscere i tessuti e le modellatura, e saper scegliere sapientemente le sartorie dove reperire i materiali e noleggiarli. Nel suo bagaglio formativo non possono mancare le tecniche di taglio e cucito, ricamo, decorazione, design e stilizzazione dei figurine, nonché tecniche pittoriche e di stampa, tintura e invecchiamento dei tessuti.

Un esperto del campo sa prevedere e rispettare un budget e ha una buona padronanza di almeno una lingua straniera.

Il costumista deve conoscere l’anatomia umana, mostrare precisione e meticolosità nel suo lavoro. Inoltre la continua innovazione tecnico-scientifica dei tessuti e dei materiali impiegati nel settore impone al professionista un’ampia e aggiornata conoscenza nel campo.

È necessario uno spiccato senso artistico, fantasia, estro e passione, spirito di iniziativa, attenzione al dettaglio. Completano il profilo un forte intuito e la capacità di lavorare in team.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dei Costumisti?

Il settore della moda in Italia, oltre a una grande e lontana tradizione, ricopre un ruolo di rilevante importanza per il sistema produttivo italiano. Dal 2002 ha assorbito tra il 19 e il 20% dell’occupazione manifatturiera ed ha prodotto l’11% del valore aggiunto dell’industria.

La professione del Costumista si è sviluppata negli ultimi anni in maniera piuttosto articolata, specialmente nell’ambito cinematografico, ma i produttori tendono a investire budget sempre più limitati per la realizzazione dei costumi.

In ambito televisivo, l’attività prevede soprattutto la cura dell’abbigliamento e del look dei personaggi che compaiono in video e, talvolta, l’attività viene svolta in via esclusiva per un personaggio televisivo, curando nel tempo il look e l’immagine personale

Secondo i dati Excelsior Unioncamere il costumista rientra nella macro categoria dei “Sarti e tagliatori artigianali, modellisti e cappellai” per la quale nel 2019 è previsto l'inserimento di 16.120 unità, di cui 15.240 assunzioni di dipendenti. Per il 52,3% dei nuovi assunti sarà richiesta una formazione professionale, il 55% avrà un contratto a tempo indeterminato, mentre il 40% un contratto a tempo determinato. Tuttavia il 53% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi (62,4%) sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore (31,6%).

  • Formazione: il 18,7% dei datori di lavoro richiede un diploma secondario, 52,3% una formazione professionale esplicita.
  • Esperienza: il 60,8% dei datori di lavoro richiede di aver maturato esperienza professionale nello stesso ambito.
  • Competenze: la flessibilità e adattamento (67%), e la capacità di lavorare in autonomia (50%) rappresentano le competenze trasversali maggiormente richieste alla figura professionale del Costumista.

La retribuzione può variare notevolmente a seconda della produzione – nazionale o internazionale- e del livello professionale dei vari reparti: capo costumista, assistente, ecc.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Costumista
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il Costumista?

Il costumista disegna gli abiti di scena per rappresentazioni e spettacoli teatrali o cinematografici, scegliendo i tessuti, i colori e delineandone lo stile. Si occupa inoltre di disegnare i bozzetti e sovrintendere i sarti nella realizzazione dei costumi.

Nello svolgimento del lavoro il costumista tiene conto della sceneggiatura e delle indicazioni del regista per la creazione dei costumi adatti alla personalità dei personaggi e alle esigenze di copione.

Attività proprie della figura professionale sono:

  • Leggere la sceneggiatura
  • Concordare con il regista il tipo di abbigliamento di interpreti e comparsi nelle diverse scene
  • Studiare i personaggi di scena per “modulare” il giusto abbigliamento e gli accessori
  • Identificare le tipologie di tessuti e materiali necessari alla produzione di costumi e accessori e far cucire gli abiti presso sartorie specializzate. Valuta inoltre lo stato di avanzamento dei lavori nella realizzazione dei costumi e degli accessori.
  • In ambito televisivo, cinematografico e pubblicitario, ricercare abiti e accessori attraverso contatti con stilisti, ditte, sartorie e rielaborarli per adattarli al personaggio
  • Interviene dove necessario nella modifica e adattamento di costumi accessori e trucco

Il lavoro del costumista varia in base al settore di attività. Nel cinema, collabora con gli acconciatori, il direttore della fotografia e con il truccatore nella scelta dello stile di mascheramento del corpo. In ambito televisivo, l’attività prevede soprattutto la cura dell’abbigliamento e del look dei personaggi che compaiono in video e, talvolta, l’attività viene svolta in via esclusiva per un personaggio televisivo, curando nel tempo il look e l’immagine personale.

Generalmente il profilo di ingresso è l’aiuto costumista, il quale si occupa degli aspetti logistici e tecnici della professione. Il costumista può svolgere il suo lavoro presso programmi televisivi, compagnie teatrali o case cinematografiche, impegnato nella creazione di costumi scenici, lavorando a orari convenzionali. Per questo motivo la figura professionale è diversamente chiamata costumista di scena.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Costumista?

Non è previsto un percorso formativo specifico. È sufficiente avere una formazione di scuola media superiore, preferibilmente di stampo artistico.

È possibile frequentare corsi professionalizzanti dopo il diploma di scuola media inferiore. Una valida formazione la si raggiunge con una Laurea in Scienze della Moda e con la specializzazione in Abbigliamento o Arti Visive attivata presso alcune Facoltà di Lettere, integrandola (o sostituirla) con Corsi di formazione specialistici, i quali a seguito di un periodo di stage/tirocinio (1 anno presso una casa di moda o teatro), aprono le porte del mercato del lavoro agli aspiranti costumisti. È consigliabile seguire un percorso formativo quanto più specialistico possibile, per ottenere certificazioni di professionalità, per acquisire competenze specifiche ed essere inquadrabile più facilmente.

È un mestiere artigianale che richiede però la conoscenza della Storia della moda, del costume, del cinema e del teatro nonché degli elementi di linguaggio cinematografico. Il professionista possiede inoltre competenze in materie di analisi di una sceneggiatura, elementi di progettazione e confezione. Deve essere in grado di riconoscere i tessuti e le modellatura, e saper scegliere sapientemente le sartorie dove reperire i materiali e noleggiarli. Nel suo bagaglio formativo non possono mancare le tecniche di taglio e cucito, ricamo, decorazione, design e stilizzazione dei figurine, nonché tecniche pittoriche e di stampa, tintura e invecchiamento dei tessuti.

Un esperto del campo sa prevedere e rispettare un budget e ha una buona padronanza di almeno una lingua straniera.

Il costumista deve conoscere l’anatomia umana, mostrare precisione e meticolosità nel suo lavoro. Inoltre la continua innovazione tecnico-scientifica dei tessuti e dei materiali impiegati nel settore impone al professionista un’ampia e aggiornata conoscenza nel campo.

È necessario uno spiccato senso artistico, fantasia, estro e passione, spirito di iniziativa, attenzione al dettaglio. Completano il profilo un forte intuito e la capacità di lavorare in team.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dei Costumisti?

Il settore della moda in Italia, oltre a una grande e lontana tradizione, ricopre un ruolo di rilevante importanza per il sistema produttivo italiano. Dal 2002 ha assorbito tra il 19 e il 20% dell’occupazione manifatturiera ed ha prodotto l’11% del valore aggiunto dell’industria.

La professione del Costumista si è sviluppata negli ultimi anni in maniera piuttosto articolata, specialmente nell’ambito cinematografico, ma i produttori tendono a investire budget sempre più limitati per la realizzazione dei costumi.

In ambito televisivo, l’attività prevede soprattutto la cura dell’abbigliamento e del look dei personaggi che compaiono in video e, talvolta, l’attività viene svolta in via esclusiva per un personaggio televisivo, curando nel tempo il look e l’immagine personale

Secondo i dati Excelsior Unioncamere il costumista rientra nella macro categoria dei “Sarti e tagliatori artigianali, modellisti e cappellai” per la quale nel 2019 è previsto l'inserimento di 16.120 unità, di cui 15.240 assunzioni di dipendenti. Per il 52,3% dei nuovi assunti sarà richiesta una formazione professionale, il 55% avrà un contratto a tempo indeterminato, mentre il 40% un contratto a tempo determinato. Tuttavia il 53% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi (62,4%) sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore (31,6%).

  • Formazione: il 18,7% dei datori di lavoro richiede un diploma secondario, 52,3% una formazione professionale esplicita.
  • Esperienza: il 60,8% dei datori di lavoro richiede di aver maturato esperienza professionale nello stesso ambito.
  • Competenze: la flessibilità e adattamento (67%), e la capacità di lavorare in autonomia (50%) rappresentano le competenze trasversali maggiormente richieste alla figura professionale del Costumista.

La retribuzione può variare notevolmente a seconda della produzione – nazionale o internazionale- e del livello professionale dei vari reparti: capo costumista, assistente, ecc.

Costumista
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il Costumista?

Il costumista disegna gli abiti di scena per rappresentazioni e spettacoli teatrali o cinematografici, scegliendo i tessuti, i colori e delineandone lo stile. Si occupa inoltre di disegnare i bozzetti e sovrintendere i sarti nella realizzazione dei costumi.

Nello svolgimento del lavoro il costumista tiene conto della sceneggiatura e delle indicazioni del regista per la creazione dei costumi adatti alla personalità dei personaggi e alle esigenze di copione.

Attività proprie della figura professionale sono:

  • Leggere la sceneggiatura
  • Concordare con il regista il tipo di abbigliamento di interpreti e comparsi nelle diverse scene
  • Studiare i personaggi di scena per “modulare” il giusto abbigliamento e gli accessori
  • Identificare le tipologie di tessuti e materiali necessari alla produzione di costumi e accessori e far cucire gli abiti presso sartorie specializzate. Valuta inoltre lo stato di avanzamento dei lavori nella realizzazione dei costumi e degli accessori.
  • In ambito televisivo, cinematografico e pubblicitario, ricercare abiti e accessori attraverso contatti con stilisti, ditte, sartorie e rielaborarli per adattarli al personaggio
  • Interviene dove necessario nella modifica e adattamento di costumi accessori e trucco

Il lavoro del costumista varia in base al settore di attività. Nel cinema, collabora con gli acconciatori, il direttore della fotografia e con il truccatore nella scelta dello stile di mascheramento del corpo. In ambito televisivo, l’attività prevede soprattutto la cura dell’abbigliamento e del look dei personaggi che compaiono in video e, talvolta, l’attività viene svolta in via esclusiva per un personaggio televisivo, curando nel tempo il look e l’immagine personale.

Generalmente il profilo di ingresso è l’aiuto costumista, il quale si occupa degli aspetti logistici e tecnici della professione. Il costumista può svolgere il suo lavoro presso programmi televisivi, compagnie teatrali o case cinematografiche, impegnato nella creazione di costumi scenici, lavorando a orari convenzionali. Per questo motivo la figura professionale è diversamente chiamata costumista di scena.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Italia primo Paese europeo nel settore moda
Il settore dell’abbigliamento e della moda è da sempre uno dei fiori all’occhiello della tradizione italiana. ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Green Economy: ecco le professioni più richieste
Sempre più Green! L’economia italiana trova nella sostenibilità ambientale e nel risparmio energetico ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
17
ott
2020
Premio Alamo: 19.000 euro per progetti imprenditoriali di manifattura sostenibile
Quest'anno la Fondazione Alamo propone la quarta edizione dell'omonimo Premio, un concorso rivolto a giovani imprenditori ....
10
ott
2020
Raccogliere tulipani in Svezia con alloggio gratuito: EURES cerca addetti
Sul sito dell'ANPAL, l'Agenzia Nazionale delle Politiche Attive per il Lavoro, è stato di recente pubblicato un annuncio ....
01
ott
2020
OVS cerca Addetti alle vendite e Addetti al magazzino per nuove aperture
Nuove opportunità di inserimento professionale presso i negozi OVS, storica insegna italiana del fashion retail presente ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it