Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Controllore traffico aereo

in Industria e trasporti

Chi è e di cosa si occupa il controllore del traffico aereo?

Il controllore del traffico aereo, detto anche "controllore di volo" è una professione ad altissima specializzazione e comporta un elevato grado di responsabilità. È chiamato anche “uomo radar” perché chi svolge questo lavoro:

  • dirige e controlla che il traffico dello spazio aereo nazionale sia fluido
  • gestisce il movimento degli aeromobili alle diverse altitudini e negli aeroporti
  • fornisce informazioni ai piloti su meteo e sicurezza
  • accompagna i piloti nelle operazioni di atterraggio e di decollo
  • raccorda le attività dei vari aeroporti
  • autorizza i voli
  • applica le procedure stabilite per garantire la sicurezza in pista e in quota
  • gestisce le emergenze, curando i servizi di allarme e di soccorso

A seconda del ruolo svolto, le categorie dei controllori del traffico aereo sono:

  • controllore ground: controlla e gestisce i movimenti dei velivoli nell’area aeroportuale, a terra
  • controllore delivery: autorizza la messa in moto dei velivoli e la rotta
  • controllore di torre: gestisce il decollo e la prima fase del volo per gli aeromobili in partenza e, per quelli in arrivo, l’ultima parte di volo prima dell’atterraggio, nonché l’atterraggio
  • controllore di avvicinamento: gestisce il volo nella fase di instradamento dall’aeroporto verso la rotta e dalla rotta verso l’aeroporto
  • controllore radar: segue gli aeromobili durante la fase di rotta

La capacità di mantenere alta la concentrazione per lunghi periodi di tempo è una delle qualità fondamentali del controllore di traffico aereo, che a volte segue contemporaneamente due o più attività o due o più fonti di informazione. Nel lavoro usa la logica e il ragionamento, è dotato di senso critico: individua in fretta i punti di debolezza e quelli di forza di una situazione, prospetta soluzioni, trae conclusioni o suggerisce approcci alternativi ai problemi. Comprende con rapidità le informazioni, le organizza per istruire e impartire ordini agli altri, siano essi superiori o subalterni o anche persone esterne all’organizzazione per cui lavora. Pertanto, parla fluentemente l’inglese aeronautico e comunica in maniera chiara ed efficace via radio, via telefono, in forma scritta o di persona. Conosce i principi che regolano le trasmissioni, la radiodiffusione, le modalità di connessione e di controllo dei sistemi di telecomunicazione. Ha dimestichezza con i sistemi informatici e le attrezzature elettroniche.

Il controllore di volo conosce i mezzi aerei e ha uno spiccato senso dell’orientamento nello spazio: sa individuare la propria posizione e quella degli altri, ha la percezione della distanza degli oggetti e riesce a immaginare come sembrerà qualcosa dopo averla spostata o quando le sue parti saranno riorganizzate. E’ una persona affidabile, precisa, accurata e ben organizzata. Un individuo dal carattere intraprendente, è sicuro di sé, persuasivo ed energico. E’ capace di coordinare il lavoro suo e degli altri, di stabilire e mantenere le relazioni personali, è dotato di senso pratico.

I periodi prolungati di lavoro, il numero di decisioni delicate da prendere in poco tempo, i livelli di picco del traffico e la paura delle conseguenze dell’errore, sono fattori cruciali di stress che il controllore del traffico aereo deve saper arginare e tollerare, anche in caso di reazioni emozionali particolarmente intense, che si verificano in occasione di incidenti di volo o mancate collisioni.

I controllori di traffico aereo, in Italia, lavorano per l’Enav, Ente Nazionale Assistenza al Volo, che ha competenza sul traffico degli aeroporti civili.

Il lavoro è organizzato in turni, anche notturni. Il servizio di controllo è garantito 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Controllore del traffico aereo?

L’aspirante controllore del traffico aereo ha un’età compresa tra i 18 e i 30 anni. Ha conseguito un diploma di scuola secondaria superiore ed è in un ottimo stato di salute psico-fisica. Solo a queste condizioni, può accedere alle severe selezioni indette dall’Enav, unica società in Italia a selezionare, formare e aggiornare i controllori di traffico aereo.

E’ necessario, quindi, aspettare che l’Enav pubblichi gli annunci per il reclutamento, fare domanda, partecipare al colloquio. I candidati risultati idonei vengono sottoposti ad accertamenti medico-sanitari previsti dalle normative internazionali presso gli istituti di medicina certificati dall’Enac, Ente Nazionale Aviazione Civile.
Ottenuta la certificazione di idoneità e superate la selezione, i futuri controllori del traffico aereo sono avviati alla formazione di base, erogata secondo le linee guida applicate a livello internazionale, così come recepite dall’Enac.
Il corso di formazione si svolge presso l’Academy ENAV di Forlì e si articola principalmente in due fasi:

  • la fase 1 dura 14 mesi: fornisce una formazione teorico/pratica interamente dedicata all’acquisizione delle competenze necessarie a svolgere la professione di controllore del traffico aereo: principi di meccanica del volo, principi operativi di funzionamento dell’aeromobile, del propulsore e dei sistemi di bordo, incidenza del fattore umano nello svolgimento delle attività connesse al controllo del traffico aereo e meteorologia aeronautica. Il corso è selettivo e prevede una serie di moduli di verifica, prove intermedie e un esame finale
  • la fase 2 durata 4 mesi: prevede un ulteriore periodo di addestramento sul campo, on-the-job, presso torri di controllo o di avvicinamento o Centri di controllo d’area, gli ACC. L’allievo controllore è affiancato a personale CTA operativo per completare l’acquisizione delle competenze richieste dal ruolo. Anche questa seconda fase si concluse con un esame finale, che accerta l’idoneità dell’allievo a svolgere la professione in maniera sicura, ordinata e sollecita. Superato con successo l’esame, l’Enac rilascia la Licenza di controllore del traffico aereo
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dei controllori del traffico aereo?

Gli aspiranti controllori di volo e del traffico aereo dovranno muoversi in un mercato del lavoro che è appunto in continuo decollo ed atterraggio. È una condizione che accomuna l’intero gruppo professionale dei "Tecnici dell’aviazione civile", le cui previsioni di assunzione nel 2018 sono di 660 unità su 910 entrate, per il 94% di questi è previsto un contratto a tempo determinato inferiore ai 6 mesi.

Le imprese ricercano profili professionali che non abbiano avuto necessariamente precedenti esperienze nel settore dell’aviazione civile. La possibilità di trovare sul mercato risorse motivate e ben predisposte a nuove esperienze di lavoro è un elemento che sembra fare la differenza nella scelta del candidato. La conoscenza di almeno una lingua straniera è una competenza fondamentale così come è ritenuta importante il possesso di expertise nel campo informatico.

Le grandi aziende, quelle con più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno i controllori del traffico aereo, sono infatti il 97,7% della realtà imprenditoriale italiana in questo settore.

Lo stipendio annuo lordo del controllore di volo (con 5-10 anni di esperienza) oscilla in media tra i 60.000 e i 90.000 €. La retribuzione varia sensibilmente a seconda dell’incarico ricoperto, delle abilitazioni conseguite, dell’anzianità di servizio e del numero di voli a cui si presta assistenza.

Fonte: Excelsior Unioncamere

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Controllore traffico aereo
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa il controllore del traffico aereo?

Il controllore del traffico aereo, detto anche "controllore di volo" è una professione ad altissima specializzazione e comporta un elevato grado di responsabilità. È chiamato anche “uomo radar” perché chi svolge questo lavoro:

  • dirige e controlla che il traffico dello spazio aereo nazionale sia fluido
  • gestisce il movimento degli aeromobili alle diverse altitudini e negli aeroporti
  • fornisce informazioni ai piloti su meteo e sicurezza
  • accompagna i piloti nelle operazioni di atterraggio e di decollo
  • raccorda le attività dei vari aeroporti
  • autorizza i voli
  • applica le procedure stabilite per garantire la sicurezza in pista e in quota
  • gestisce le emergenze, curando i servizi di allarme e di soccorso

A seconda del ruolo svolto, le categorie dei controllori del traffico aereo sono:

  • controllore ground: controlla e gestisce i movimenti dei velivoli nell’area aeroportuale, a terra
  • controllore delivery: autorizza la messa in moto dei velivoli e la rotta
  • controllore di torre: gestisce il decollo e la prima fase del volo per gli aeromobili in partenza e, per quelli in arrivo, l’ultima parte di volo prima dell’atterraggio, nonché l’atterraggio
  • controllore di avvicinamento: gestisce il volo nella fase di instradamento dall’aeroporto verso la rotta e dalla rotta verso l’aeroporto
  • controllore radar: segue gli aeromobili durante la fase di rotta

La capacità di mantenere alta la concentrazione per lunghi periodi di tempo è una delle qualità fondamentali del controllore di traffico aereo, che a volte segue contemporaneamente due o più attività o due o più fonti di informazione. Nel lavoro usa la logica e il ragionamento, è dotato di senso critico: individua in fretta i punti di debolezza e quelli di forza di una situazione, prospetta soluzioni, trae conclusioni o suggerisce approcci alternativi ai problemi. Comprende con rapidità le informazioni, le organizza per istruire e impartire ordini agli altri, siano essi superiori o subalterni o anche persone esterne all’organizzazione per cui lavora. Pertanto, parla fluentemente l’inglese aeronautico e comunica in maniera chiara ed efficace via radio, via telefono, in forma scritta o di persona. Conosce i principi che regolano le trasmissioni, la radiodiffusione, le modalità di connessione e di controllo dei sistemi di telecomunicazione. Ha dimestichezza con i sistemi informatici e le attrezzature elettroniche.

Il controllore di volo conosce i mezzi aerei e ha uno spiccato senso dell’orientamento nello spazio: sa individuare la propria posizione e quella degli altri, ha la percezione della distanza degli oggetti e riesce a immaginare come sembrerà qualcosa dopo averla spostata o quando le sue parti saranno riorganizzate. E’ una persona affidabile, precisa, accurata e ben organizzata. Un individuo dal carattere intraprendente, è sicuro di sé, persuasivo ed energico. E’ capace di coordinare il lavoro suo e degli altri, di stabilire e mantenere le relazioni personali, è dotato di senso pratico.

I periodi prolungati di lavoro, il numero di decisioni delicate da prendere in poco tempo, i livelli di picco del traffico e la paura delle conseguenze dell’errore, sono fattori cruciali di stress che il controllore del traffico aereo deve saper arginare e tollerare, anche in caso di reazioni emozionali particolarmente intense, che si verificano in occasione di incidenti di volo o mancate collisioni.

I controllori di traffico aereo, in Italia, lavorano per l’Enav, Ente Nazionale Assistenza al Volo, che ha competenza sul traffico degli aeroporti civili.

Il lavoro è organizzato in turni, anche notturni. Il servizio di controllo è garantito 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. 

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Controllore del traffico aereo?

L’aspirante controllore del traffico aereo ha un’età compresa tra i 18 e i 30 anni. Ha conseguito un diploma di scuola secondaria superiore ed è in un ottimo stato di salute psico-fisica. Solo a queste condizioni, può accedere alle severe selezioni indette dall’Enav, unica società in Italia a selezionare, formare e aggiornare i controllori di traffico aereo.

E’ necessario, quindi, aspettare che l’Enav pubblichi gli annunci per il reclutamento, fare domanda, partecipare al colloquio. I candidati risultati idonei vengono sottoposti ad accertamenti medico-sanitari previsti dalle normative internazionali presso gli istituti di medicina certificati dall’Enac, Ente Nazionale Aviazione Civile.
Ottenuta la certificazione di idoneità e superate la selezione, i futuri controllori del traffico aereo sono avviati alla formazione di base, erogata secondo le linee guida applicate a livello internazionale, così come recepite dall’Enac.
Il corso di formazione si svolge presso l’Academy ENAV di Forlì e si articola principalmente in due fasi:

  • la fase 1 dura 14 mesi: fornisce una formazione teorico/pratica interamente dedicata all’acquisizione delle competenze necessarie a svolgere la professione di controllore del traffico aereo: principi di meccanica del volo, principi operativi di funzionamento dell’aeromobile, del propulsore e dei sistemi di bordo, incidenza del fattore umano nello svolgimento delle attività connesse al controllo del traffico aereo e meteorologia aeronautica. Il corso è selettivo e prevede una serie di moduli di verifica, prove intermedie e un esame finale
  • la fase 2 durata 4 mesi: prevede un ulteriore periodo di addestramento sul campo, on-the-job, presso torri di controllo o di avvicinamento o Centri di controllo d’area, gli ACC. L’allievo controllore è affiancato a personale CTA operativo per completare l’acquisizione delle competenze richieste dal ruolo. Anche questa seconda fase si concluse con un esame finale, che accerta l’idoneità dell’allievo a svolgere la professione in maniera sicura, ordinata e sollecita. Superato con successo l’esame, l’Enac rilascia la Licenza di controllore del traffico aereo
Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dei controllori del traffico aereo?

Gli aspiranti controllori di volo e del traffico aereo dovranno muoversi in un mercato del lavoro che è appunto in continuo decollo ed atterraggio. È una condizione che accomuna l’intero gruppo professionale dei "Tecnici dell’aviazione civile", le cui previsioni di assunzione nel 2018 sono di 660 unità su 910 entrate, per il 94% di questi è previsto un contratto a tempo determinato inferiore ai 6 mesi.

Le imprese ricercano profili professionali che non abbiano avuto necessariamente precedenti esperienze nel settore dell’aviazione civile. La possibilità di trovare sul mercato risorse motivate e ben predisposte a nuove esperienze di lavoro è un elemento che sembra fare la differenza nella scelta del candidato. La conoscenza di almeno una lingua straniera è una competenza fondamentale così come è ritenuta importante il possesso di expertise nel campo informatico.

Le grandi aziende, quelle con più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno i controllori del traffico aereo, sono infatti il 97,7% della realtà imprenditoriale italiana in questo settore.

Lo stipendio annuo lordo del controllore di volo (con 5-10 anni di esperienza) oscilla in media tra i 60.000 e i 90.000 €. La retribuzione varia sensibilmente a seconda dell’incarico ricoperto, delle abilitazioni conseguite, dell’anzianità di servizio e del numero di voli a cui si presta assistenza.

Fonte: Excelsior Unioncamere

Controllore traffico aereo
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa il controllore del traffico aereo?

Il controllore del traffico aereo, detto anche "controllore di volo" è una professione ad altissima specializzazione e comporta un elevato grado di responsabilità. È chiamato anche “uomo radar” perché chi svolge questo lavoro:

  • dirige e controlla che il traffico dello spazio aereo nazionale sia fluido
  • gestisce il movimento degli aeromobili alle diverse altitudini e negli aeroporti
  • fornisce informazioni ai piloti su meteo e sicurezza
  • accompagna i piloti nelle operazioni di atterraggio e di decollo
  • raccorda le attività dei vari aeroporti
  • autorizza i voli
  • applica le procedure stabilite per garantire la sicurezza in pista e in quota
  • gestisce le emergenze, curando i servizi di allarme e di soccorso

A seconda del ruolo svolto, le categorie dei controllori del traffico aereo sono:

  • controllore ground: controlla e gestisce i movimenti dei velivoli nell’area aeroportuale, a terra
  • controllore delivery: autorizza la messa in moto dei velivoli e la rotta
  • controllore di torre: gestisce il decollo e la prima fase del volo per gli aeromobili in partenza e, per quelli in arrivo, l’ultima parte di volo prima dell’atterraggio, nonché l’atterraggio
  • controllore di avvicinamento: gestisce il volo nella fase di instradamento dall’aeroporto verso la rotta e dalla rotta verso l’aeroporto
  • controllore radar: segue gli aeromobili durante la fase di rotta

La capacità di mantenere alta la concentrazione per lunghi periodi di tempo è una delle qualità fondamentali del controllore di traffico aereo, che a volte segue contemporaneamente due o più attività o due o più fonti di informazione. Nel lavoro usa la logica e il ragionamento, è dotato di senso critico: individua in fretta i punti di debolezza e quelli di forza di una situazione, prospetta soluzioni, trae conclusioni o suggerisce approcci alternativi ai problemi. Comprende con rapidità le informazioni, le organizza per istruire e impartire ordini agli altri, siano essi superiori o subalterni o anche persone esterne all’organizzazione per cui lavora. Pertanto, parla fluentemente l’inglese aeronautico e comunica in maniera chiara ed efficace via radio, via telefono, in forma scritta o di persona. Conosce i principi che regolano le trasmissioni, la radiodiffusione, le modalità di connessione e di controllo dei sistemi di telecomunicazione. Ha dimestichezza con i sistemi informatici e le attrezzature elettroniche.

Il controllore di volo conosce i mezzi aerei e ha uno spiccato senso dell’orientamento nello spazio: sa individuare la propria posizione e quella degli altri, ha la percezione della distanza degli oggetti e riesce a immaginare come sembrerà qualcosa dopo averla spostata o quando le sue parti saranno riorganizzate. E’ una persona affidabile, precisa, accurata e ben organizzata. Un individuo dal carattere intraprendente, è sicuro di sé, persuasivo ed energico. E’ capace di coordinare il lavoro suo e degli altri, di stabilire e mantenere le relazioni personali, è dotato di senso pratico.

I periodi prolungati di lavoro, il numero di decisioni delicate da prendere in poco tempo, i livelli di picco del traffico e la paura delle conseguenze dell’errore, sono fattori cruciali di stress che il controllore del traffico aereo deve saper arginare e tollerare, anche in caso di reazioni emozionali particolarmente intense, che si verificano in occasione di incidenti di volo o mancate collisioni.

I controllori di traffico aereo, in Italia, lavorano per l’Enav, Ente Nazionale Assistenza al Volo, che ha competenza sul traffico degli aeroporti civili.

Il lavoro è organizzato in turni, anche notturni. Il servizio di controllo è garantito 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. 

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Cos'è e come funziona la NASpI: destinatari, durata e ammontare
Può accadere, durante il corso della propria “vita” lavorativa, di perdere il lavoro. Negli ultimi anni ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Viaggiare per studio: lo fanno sempre più studenti
Soddisfatti, pronti ad aprirsi a nuove esperienze professionali e formative all’estero e consapevoli di aver ampliato ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
04
dic
2019
Alten: assunzioni a Roma, Milano, Torino, Bologna e altre città
Sono numerose le imprese che operano nel settore dell'Information and Communication Technology che nel ....
03
dic
2019
L'Oréal Italia per le Donne e la Scienza: 6 Borse da 20.000 euro a giovani Ricercatrici
Anche quest’anno la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e L’Oréal, dandone notizia con un ....
26
nov
2019
Stage in Sky per giovani laureati: ecco come fare
Cerchi un'opportunità per entrare dal punto di vista professionale nel mondo della televisione? Allora scopri ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it