Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale italiano
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Assistente sociale

in Sanità

Chi è e di cosa si occupa l'Assistente sociale?

L’Assistente sociale compie interventi di prevenzione, sostegno e recupero delle persone, delle famiglie, dei gruppi e delle comunità in situazioni di necessità e di disagio. Come attività principali, l'Assistente sociale:

  • Imposta, sviluppa e controlla la realizzazione di progetti assistenziali
  • Fornisce sostegno psicosociale, assistenza alla persona, attenzione medica e supporto emotivo
  • Segue le pratiche di richiesta di affidamento o di adozione
  • Aiuta i soggetti con disabilità fisiche e mentali a ottenere i trattamenti adeguati
  • Attiva e certifica le procedure finalizzate all’assistenza pubblica, svolge attività di segretariato sociale
  • Cura i rapporti con gli enti e le istituzioni, attiva le reti sociali e quelle territoriali
  • Contribuisce alla programmazione di politiche del territorio coerenti con i bisogni espressi dagli utenti
  • Assiste economicamente le famiglie, gestisce le risorse finanziarie
  • Si adopera per l’inserimento socio-lavorativo delle categorie svantaggiate come i portatori di handicap, gli immigrati, i detenuti, i malati psichiatrici
  • Applica i principi, i metodi e le procedure per la diagnosi, il trattamento e la riabilitazione delle disfunzioni mentali
  • Svolge attività di primo ascolto, accoglie e prende in carico l’utente, analizza e valuta le domande di bisogno dei cittadini e, sulla base delle esigenze riscontrate, programma le azioni e i servizi, pianifica i tempi e gli impegni reciproci per raggiungere gli scopi condivisi 
  • Fornisce consulenza

Ha rapporti diretti con il pubblico, si adatta alle situazioni ed è flessibile nell’approccio. È una persona empatica e, attraverso colloqui faccia a faccia, orienta e accompagna la persona che ha davanti, aiutandola a valorizzare le proprie risorse. Comprende e ascolta attivamente gli altri. Si sofferma su quello che dicono e pone domande al momento opportuno, evitando interruzioni inappropriate. Parla e comunica, oralmente e per iscritto, in maniera chiara ed efficace. Conosce almeno una lingua straniera.

Chi esercita questa professione ha esperienza nel riconoscere i comportamenti e le prestazioni umane, le differenze individuali nelle attitudini, nella personalità e negli interessi, ha padronanza dei meccanismi di apprendimento e di motivazione, applica i metodi della ricerca psicologica e della valutazione e del trattamento dei disordini comportamentali e affettivi. Media nelle situazioni di conflitto.

Conosce le dinamiche di gruppo, le influenze e le tendenze sociali, le migrazioni umane, l’etnicità, le diverse culture. Svolge attività didattico – formative.

Sa destreggiarsi tra le leggi, le procedure legali, i regolamenti, le sentenze esecutive, sa qual è il ruolo delle istituzioni e conosce le procedure amministrative.

L’assistente sociale è dotato di capacità di analisi: identifica i problemi, raccoglie le informazioni utili a valutare più opzioni, considera i punti di forza e quelli di debolezza della questione e trova soluzioni. È persuasivo, è in grado di far cambiare idea o comportamento alle persone. Si adopera in maniera proattiva alla ricerca di soluzioni per soddisfare i bisogni altrui.

È cooperativo e socievole. È dotato di tatto, ma è anche fermo di carattere. È preciso e accurato nel lavoro e ha una buona dose di autocontrollo. Lavora con contratti di consulenza, a tempo determinato o indeterminato per strutture pubbliche, quali gli enti locali, le Asl, i ministeri, o per strutture private.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Assistente sociale?

Per svolgere la professione di assistente sociale è necessario conseguire la laurea triennale in Scienze del Servizio sociale, che consente di acquisire le competenze necessarie a prevenire e trattare il disagio sociale in tutte le sue dimensioni e nell’individuare e coordinare le risorse utilizzabili a questo scopo, nonché le competenze utili a gestire, a organizzare, programmare e coordinare i servizi sociali.

L’esercizio della professione di assistente sociale richiede l’iscrizione all’albo professionale e, quindi, all’Ordine nazionale degli Assistenti sociali, previo Esame di Stato. La laurea triennale consente l’inserimento nella sezione B dell’albo, ovvero quella degli Assistenti sociali, mentre la laurea magistrale in Politiche e Servizi Sociali (o in ambiti affini) consente l’inserimento nella sezione A come Assistente sociale specialistico

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Assistenti sociali?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni degli Assistenti sociali, per il 2018 si prevedono 2.810 assunzioni. Il 71% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo determinato e solo il 29% a tempo indeterminato. Il 22% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi, che può riassumersi in una percentuale del 31,2% sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore, pari al 67,7% dei casi. 

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Assistenti sociali?

Esperienza: il 38,5% dei datori di lavoro richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti,  il 53,6% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 99,1% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 89% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, lavorare in gruppo, flessibilità ed adattamento alle richieste dei clienti (rispettivamente 80% e 82%).

Le grandi aziende, quelle da più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli assistenti sociali; sono infatti il 47,7% insieme al 37,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 14,6 delle piccole aziende. 

Lo stipendio annuo lordo dell’assistente sociale (con 5-10 anni di esperienza) oscilla in media tra i 13.000 e i 19.000 €.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Assistente sociale
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Assistente sociale?

L’Assistente sociale compie interventi di prevenzione, sostegno e recupero delle persone, delle famiglie, dei gruppi e delle comunità in situazioni di necessità e di disagio. Come attività principali, l'Assistente sociale:

  • Imposta, sviluppa e controlla la realizzazione di progetti assistenziali
  • Fornisce sostegno psicosociale, assistenza alla persona, attenzione medica e supporto emotivo
  • Segue le pratiche di richiesta di affidamento o di adozione
  • Aiuta i soggetti con disabilità fisiche e mentali a ottenere i trattamenti adeguati
  • Attiva e certifica le procedure finalizzate all’assistenza pubblica, svolge attività di segretariato sociale
  • Cura i rapporti con gli enti e le istituzioni, attiva le reti sociali e quelle territoriali
  • Contribuisce alla programmazione di politiche del territorio coerenti con i bisogni espressi dagli utenti
  • Assiste economicamente le famiglie, gestisce le risorse finanziarie
  • Si adopera per l’inserimento socio-lavorativo delle categorie svantaggiate come i portatori di handicap, gli immigrati, i detenuti, i malati psichiatrici
  • Applica i principi, i metodi e le procedure per la diagnosi, il trattamento e la riabilitazione delle disfunzioni mentali
  • Svolge attività di primo ascolto, accoglie e prende in carico l’utente, analizza e valuta le domande di bisogno dei cittadini e, sulla base delle esigenze riscontrate, programma le azioni e i servizi, pianifica i tempi e gli impegni reciproci per raggiungere gli scopi condivisi 
  • Fornisce consulenza

Ha rapporti diretti con il pubblico, si adatta alle situazioni ed è flessibile nell’approccio. È una persona empatica e, attraverso colloqui faccia a faccia, orienta e accompagna la persona che ha davanti, aiutandola a valorizzare le proprie risorse. Comprende e ascolta attivamente gli altri. Si sofferma su quello che dicono e pone domande al momento opportuno, evitando interruzioni inappropriate. Parla e comunica, oralmente e per iscritto, in maniera chiara ed efficace. Conosce almeno una lingua straniera.

Chi esercita questa professione ha esperienza nel riconoscere i comportamenti e le prestazioni umane, le differenze individuali nelle attitudini, nella personalità e negli interessi, ha padronanza dei meccanismi di apprendimento e di motivazione, applica i metodi della ricerca psicologica e della valutazione e del trattamento dei disordini comportamentali e affettivi. Media nelle situazioni di conflitto.

Conosce le dinamiche di gruppo, le influenze e le tendenze sociali, le migrazioni umane, l’etnicità, le diverse culture. Svolge attività didattico – formative.

Sa destreggiarsi tra le leggi, le procedure legali, i regolamenti, le sentenze esecutive, sa qual è il ruolo delle istituzioni e conosce le procedure amministrative.

L’assistente sociale è dotato di capacità di analisi: identifica i problemi, raccoglie le informazioni utili a valutare più opzioni, considera i punti di forza e quelli di debolezza della questione e trova soluzioni. È persuasivo, è in grado di far cambiare idea o comportamento alle persone. Si adopera in maniera proattiva alla ricerca di soluzioni per soddisfare i bisogni altrui.

È cooperativo e socievole. È dotato di tatto, ma è anche fermo di carattere. È preciso e accurato nel lavoro e ha una buona dose di autocontrollo. Lavora con contratti di consulenza, a tempo determinato o indeterminato per strutture pubbliche, quali gli enti locali, le Asl, i ministeri, o per strutture private.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Assistente sociale?

Per svolgere la professione di assistente sociale è necessario conseguire la laurea triennale in Scienze del Servizio sociale, che consente di acquisire le competenze necessarie a prevenire e trattare il disagio sociale in tutte le sue dimensioni e nell’individuare e coordinare le risorse utilizzabili a questo scopo, nonché le competenze utili a gestire, a organizzare, programmare e coordinare i servizi sociali.

L’esercizio della professione di assistente sociale richiede l’iscrizione all’albo professionale e, quindi, all’Ordine nazionale degli Assistenti sociali, previo Esame di Stato. La laurea triennale consente l’inserimento nella sezione B dell’albo, ovvero quella degli Assistenti sociali, mentre la laurea magistrale in Politiche e Servizi Sociali (o in ambiti affini) consente l’inserimento nella sezione A come Assistente sociale specialistico

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Assistenti sociali?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni degli Assistenti sociali, per il 2018 si prevedono 2.810 assunzioni. Il 71% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo determinato e solo il 29% a tempo indeterminato. Il 22% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi, che può riassumersi in una percentuale del 31,2% sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore, pari al 67,7% dei casi. 

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Assistenti sociali?

Esperienza: il 38,5% dei datori di lavoro richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti,  il 53,6% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 99,1% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 89% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, lavorare in gruppo, flessibilità ed adattamento alle richieste dei clienti (rispettivamente 80% e 82%).

Le grandi aziende, quelle da più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli assistenti sociali; sono infatti il 47,7% insieme al 37,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 14,6 delle piccole aziende. 

Lo stipendio annuo lordo dell’assistente sociale (con 5-10 anni di esperienza) oscilla in media tra i 13.000 e i 19.000 €.

Assistente sociale
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Assistente sociale?

L’Assistente sociale compie interventi di prevenzione, sostegno e recupero delle persone, delle famiglie, dei gruppi e delle comunità in situazioni di necessità e di disagio. Come attività principali, l'Assistente sociale:

  • Imposta, sviluppa e controlla la realizzazione di progetti assistenziali
  • Fornisce sostegno psicosociale, assistenza alla persona, attenzione medica e supporto emotivo
  • Segue le pratiche di richiesta di affidamento o di adozione
  • Aiuta i soggetti con disabilità fisiche e mentali a ottenere i trattamenti adeguati
  • Attiva e certifica le procedure finalizzate all’assistenza pubblica, svolge attività di segretariato sociale
  • Cura i rapporti con gli enti e le istituzioni, attiva le reti sociali e quelle territoriali
  • Contribuisce alla programmazione di politiche del territorio coerenti con i bisogni espressi dagli utenti
  • Assiste economicamente le famiglie, gestisce le risorse finanziarie
  • Si adopera per l’inserimento socio-lavorativo delle categorie svantaggiate come i portatori di handicap, gli immigrati, i detenuti, i malati psichiatrici
  • Applica i principi, i metodi e le procedure per la diagnosi, il trattamento e la riabilitazione delle disfunzioni mentali
  • Svolge attività di primo ascolto, accoglie e prende in carico l’utente, analizza e valuta le domande di bisogno dei cittadini e, sulla base delle esigenze riscontrate, programma le azioni e i servizi, pianifica i tempi e gli impegni reciproci per raggiungere gli scopi condivisi 
  • Fornisce consulenza

Ha rapporti diretti con il pubblico, si adatta alle situazioni ed è flessibile nell’approccio. È una persona empatica e, attraverso colloqui faccia a faccia, orienta e accompagna la persona che ha davanti, aiutandola a valorizzare le proprie risorse. Comprende e ascolta attivamente gli altri. Si sofferma su quello che dicono e pone domande al momento opportuno, evitando interruzioni inappropriate. Parla e comunica, oralmente e per iscritto, in maniera chiara ed efficace. Conosce almeno una lingua straniera.

Chi esercita questa professione ha esperienza nel riconoscere i comportamenti e le prestazioni umane, le differenze individuali nelle attitudini, nella personalità e negli interessi, ha padronanza dei meccanismi di apprendimento e di motivazione, applica i metodi della ricerca psicologica e della valutazione e del trattamento dei disordini comportamentali e affettivi. Media nelle situazioni di conflitto.

Conosce le dinamiche di gruppo, le influenze e le tendenze sociali, le migrazioni umane, l’etnicità, le diverse culture. Svolge attività didattico – formative.

Sa destreggiarsi tra le leggi, le procedure legali, i regolamenti, le sentenze esecutive, sa qual è il ruolo delle istituzioni e conosce le procedure amministrative.

L’assistente sociale è dotato di capacità di analisi: identifica i problemi, raccoglie le informazioni utili a valutare più opzioni, considera i punti di forza e quelli di debolezza della questione e trova soluzioni. È persuasivo, è in grado di far cambiare idea o comportamento alle persone. Si adopera in maniera proattiva alla ricerca di soluzioni per soddisfare i bisogni altrui.

È cooperativo e socievole. È dotato di tatto, ma è anche fermo di carattere. È preciso e accurato nel lavoro e ha una buona dose di autocontrollo. Lavora con contratti di consulenza, a tempo determinato o indeterminato per strutture pubbliche, quali gli enti locali, le Asl, i ministeri, o per strutture private.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Settore farmaceutico: nuove assunzioni per nuove competenze
Il settore farmaceutico continua a dimostrare di godere di ottima salute, almeno stando a quanto riportato dal rapporto Economic ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Fisioterapista: una professione che piace a tanti giovani
Abilità manuale, tecnica e conoscenza della struttura del corpo umano sono solo alcune delle caratteristiche che ci ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
17
ago
2019
ASL Roma 4: selezione per Psicologi
Nel quadro del Progetto Giulia – Prevenzione del disagio psichico e intervento precoce nella popolazione giovanile, ....
14
ago
2019
Pioltello (MI) - Selezione pubblica per Assistenti sociali
Il Comune di Pioltello (MI) ha bandito una selezione pubblica, per soli esami, atta a stilare una graduatoria per l'assunzione ....
08
ago
2019
Venezia: concorso per 14 Assistenti sociali
Il Comune di Venezia ha aperto un bando per la selezione di 14 Assistenti sociali da assumere con contratto a tempo determinato ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it