Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Archivista

in Impresa e consulenza aziendale

Chi è e di cosa si occupa l'Archivista?

L’Archivista predispone la schedatura di testi – di interesse culturale, scientifico o di tipo amministrativo – e la loro ordinazione secondo i criteri di classificazione più opportuni per la ricerca, creando archivi e inventari di settore.

Le opere vengono collocate sia in luoghi materiali (biblioteche, librerie, schedari) che su supporti digitali. Le imprese private e le amministrazioni pubbliche si preparano infatti a gestire la sistemazione dei documenti attraverso l’uso di archivi elettronici. Un buon archivista è dunque sempre più un’Archivista digitale.

L’ordine di collocazione seguito dall’Archivista è sempre rivolto alla valorizzazione dei testi, anche in correlazione tra loro, rendendoli facilmente fruibili e consultabili.

Se l’Archivista lavora in biblioteche o presso archivi di enti e fondazioni, si occupa anche dell’accoglienza del pubblico, rispondendo alle richieste degli utenti.

Nel caso in cui le opere archiviate rivestono particolare valore scientifico, storico o culturale, l’Archivista provvede anche alla manutenzione e alla riparazione dei testi. Egli controlla che il buono stato delle opere non venga compromesso dall’uso e dal tempo e verifica che i testi siano sempre accessibili al pubblico.

Un buon Archivista innanzitutto preciso e paziente, predisposto alle attività di studio e di ricerca. Se lavora in luoghi aperti al pubblico, deve possedere anche buona predisposizione alla gestione delle relazioni sociali, all’ascolto e al saper rispondere alle esigenze degli utenti.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Archivista?

Chi vuole svolgere la professione di Archivista per conto di enti pubblici deve aver conseguito il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica. Le Scuole di Archivistica, in cui è possibile conseguire il diploma, fanno capo alle sedi dell’Archivio di Stato delle varie città italiane.

Quando la professione è svolta per conto di privati non sono richiesti titoli specifici. Di certo, il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica costituisce comunque un titolo preferenziale per l’assunzione.

Nel percorso formativo, l’Archivista acquisisce le maggiori competenze nell’ambito storico e dell’archeologia. Non da ultimo, è richiesta l’approfondita conoscenza della lingua italiana e, nel caso in cui l’archivista lavora su testi redatti in altre lingue, una buona conoscenza di una o più lingue straniere anche antiche (come il latino).

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Archivisti?

All'interno della categoria degli "Archivisti, bibliotecari, conservatori di musei e professioni assimilate" si trovano gli Archivisti. Nel 2018 è stato programmato per l'intera categoria l'ingresso di 170 assunzioni, oltre l'80% con contratto a tempo determinato. Il dato sorprendente sta nel fatto che il 100% degli imprenditori dichiara di avere incontrato candidati con una preparazione inadeguata, ragion per cui si prevedono corsi di formazione per adeguare le competenze dei neo-assunti.

Quali sono i requisiti per diventare Archivista?

Il 67,3% delle aziende italiane che assumono tali figure sono è di grandi dimensioni (50 dipendenti e oltre). Lavorare come Archivista sportivo significa possedere determinati requisiti, scopriamo insieme quali:

  • Esperienza professionale: il 63,1% delle aziende guarda a candidati che abbiano maturato esperienza professionale; il 36,9% nello stesso settore. 
  • Formazione: 4 aziende su 10 richiedono professionisti in possesso della laurea, mentre il 56,5% delle aziende ricerca candidati che abbiano una formazione professionale specifica. 
  • Competenze: Flessibilità ed adattamento insieme alla capacità di lavorare in gruppo sono le prime qualità che un agente di istituti di vigilanza deve possedere (lo afferma oltre l'85% delle aziende). 

Quanto guadagnano in media gli Archivisti?

Le retribuzioni di un Archivista sono variabili a seconda delle specifiche mansioni e delle attività che il professionista svolge (qualifica e inquadramento) e sulla base dell’anzianità di servizio.

Inoltre, i compensi possono essere molto diversificati se l’Archivista lavora presso un ente pubblico o invece privato (ad es. per fondazioni o associazioni) oppure nel caso in cui lavori in proprio, fornendo la propria prestazione per singole attività di studio e classificazione.

A un Archivista assunto presso una pubblica amministrazione come funzionario viene corrisposta una retribuzione media di circa 22.000 € annui lordi. I livelli gerarchici più elevati hanno una retribuzione media di circa 70.000 € annui lordi.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Archivista
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Archivista?

L’Archivista predispone la schedatura di testi – di interesse culturale, scientifico o di tipo amministrativo – e la loro ordinazione secondo i criteri di classificazione più opportuni per la ricerca, creando archivi e inventari di settore.

Le opere vengono collocate sia in luoghi materiali (biblioteche, librerie, schedari) che su supporti digitali. Le imprese private e le amministrazioni pubbliche si preparano infatti a gestire la sistemazione dei documenti attraverso l’uso di archivi elettronici. Un buon archivista è dunque sempre più un’Archivista digitale.

L’ordine di collocazione seguito dall’Archivista è sempre rivolto alla valorizzazione dei testi, anche in correlazione tra loro, rendendoli facilmente fruibili e consultabili.

Se l’Archivista lavora in biblioteche o presso archivi di enti e fondazioni, si occupa anche dell’accoglienza del pubblico, rispondendo alle richieste degli utenti.

Nel caso in cui le opere archiviate rivestono particolare valore scientifico, storico o culturale, l’Archivista provvede anche alla manutenzione e alla riparazione dei testi. Egli controlla che il buono stato delle opere non venga compromesso dall’uso e dal tempo e verifica che i testi siano sempre accessibili al pubblico.

Un buon Archivista innanzitutto preciso e paziente, predisposto alle attività di studio e di ricerca. Se lavora in luoghi aperti al pubblico, deve possedere anche buona predisposizione alla gestione delle relazioni sociali, all’ascolto e al saper rispondere alle esigenze degli utenti.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Archivista?

Chi vuole svolgere la professione di Archivista per conto di enti pubblici deve aver conseguito il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica. Le Scuole di Archivistica, in cui è possibile conseguire il diploma, fanno capo alle sedi dell’Archivio di Stato delle varie città italiane.

Quando la professione è svolta per conto di privati non sono richiesti titoli specifici. Di certo, il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica costituisce comunque un titolo preferenziale per l’assunzione.

Nel percorso formativo, l’Archivista acquisisce le maggiori competenze nell’ambito storico e dell’archeologia. Non da ultimo, è richiesta l’approfondita conoscenza della lingua italiana e, nel caso in cui l’archivista lavora su testi redatti in altre lingue, una buona conoscenza di una o più lingue straniere anche antiche (come il latino).

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Archivisti?

All'interno della categoria degli "Archivisti, bibliotecari, conservatori di musei e professioni assimilate" si trovano gli Archivisti. Nel 2018 è stato programmato per l'intera categoria l'ingresso di 170 assunzioni, oltre l'80% con contratto a tempo determinato. Il dato sorprendente sta nel fatto che il 100% degli imprenditori dichiara di avere incontrato candidati con una preparazione inadeguata, ragion per cui si prevedono corsi di formazione per adeguare le competenze dei neo-assunti.

Quali sono i requisiti per diventare Archivista?

Il 67,3% delle aziende italiane che assumono tali figure sono è di grandi dimensioni (50 dipendenti e oltre). Lavorare come Archivista sportivo significa possedere determinati requisiti, scopriamo insieme quali:

  • Esperienza professionale: il 63,1% delle aziende guarda a candidati che abbiano maturato esperienza professionale; il 36,9% nello stesso settore. 
  • Formazione: 4 aziende su 10 richiedono professionisti in possesso della laurea, mentre il 56,5% delle aziende ricerca candidati che abbiano una formazione professionale specifica. 
  • Competenze: Flessibilità ed adattamento insieme alla capacità di lavorare in gruppo sono le prime qualità che un agente di istituti di vigilanza deve possedere (lo afferma oltre l'85% delle aziende). 

Quanto guadagnano in media gli Archivisti?

Le retribuzioni di un Archivista sono variabili a seconda delle specifiche mansioni e delle attività che il professionista svolge (qualifica e inquadramento) e sulla base dell’anzianità di servizio.

Inoltre, i compensi possono essere molto diversificati se l’Archivista lavora presso un ente pubblico o invece privato (ad es. per fondazioni o associazioni) oppure nel caso in cui lavori in proprio, fornendo la propria prestazione per singole attività di studio e classificazione.

A un Archivista assunto presso una pubblica amministrazione come funzionario viene corrisposta una retribuzione media di circa 22.000 € annui lordi. I livelli gerarchici più elevati hanno una retribuzione media di circa 70.000 € annui lordi.

Archivista
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Archivista?

L’Archivista predispone la schedatura di testi – di interesse culturale, scientifico o di tipo amministrativo – e la loro ordinazione secondo i criteri di classificazione più opportuni per la ricerca, creando archivi e inventari di settore.

Le opere vengono collocate sia in luoghi materiali (biblioteche, librerie, schedari) che su supporti digitali. Le imprese private e le amministrazioni pubbliche si preparano infatti a gestire la sistemazione dei documenti attraverso l’uso di archivi elettronici. Un buon archivista è dunque sempre più un’Archivista digitale.

L’ordine di collocazione seguito dall’Archivista è sempre rivolto alla valorizzazione dei testi, anche in correlazione tra loro, rendendoli facilmente fruibili e consultabili.

Se l’Archivista lavora in biblioteche o presso archivi di enti e fondazioni, si occupa anche dell’accoglienza del pubblico, rispondendo alle richieste degli utenti.

Nel caso in cui le opere archiviate rivestono particolare valore scientifico, storico o culturale, l’Archivista provvede anche alla manutenzione e alla riparazione dei testi. Egli controlla che il buono stato delle opere non venga compromesso dall’uso e dal tempo e verifica che i testi siano sempre accessibili al pubblico.

Un buon Archivista innanzitutto preciso e paziente, predisposto alle attività di studio e di ricerca. Se lavora in luoghi aperti al pubblico, deve possedere anche buona predisposizione alla gestione delle relazioni sociali, all’ascolto e al saper rispondere alle esigenze degli utenti.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Lavorare in radio: ruoli, requisiti e come iniziare
Inclusiva, agile, economica, democratica: la radio è un mezzo di comunicazione straordinario, che ha dimostrato di saper ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
PDP, PEI e Prove Invalsi: gli strumenti per raggiungere l'inclusione scolastica
Su WeCanBlog abbiamo affrontato diversi temi riguardanti il mondo della scuola e tra questi quello dell’inclusione ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
17
apr
2021
AOU San Luigi Gonzaga: Borse di studio per laureati in Biologia e Biotecnologie
Presso l'Azienda ospedaliero-universitaria San Luigi Gonzaga di Orbassano (TO) è stato indetto, con pubblicazione sul Bollettino ....
16
apr
2021
Università Politecnica della Marche: concorsi per 18 posti di Ricercatore tipo B
Con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 13 aprile 2021, sezione Concorsi ed esami n. 29, l’Università Politecnica ....
16
apr
2021
IRSA CNR: Borse di studio per laureati in Biologia, Biotecnologia, Chimica e CTF
Presso l'IRSA - Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR sono stati indetti 2 avvisi per il conferimento di altrettante Borse ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it