Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale italiano
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Animatore turistico

in Turismo e Ristorazione

Chi è e di cosa si occupa l'Animatore turistico?

L’Animatore turistico intrattiene gli ospiti delle strutture ricettive al fine di rendere più piacevole e divertente il soggiorno. Mettere a proprio agio la clientela è il suo compito principale, coinvolgendola nelle attività proposte che possono essere ricreative, sportive, culturali e di spettacolo.

In particolare, l’animatore si occupa di:

  • Organizzare e pianificare le attività ludiche, creando le condizioni pratiche ed emotive per stimolare il divertimento
  • Catalizzare l’attenzione su di sé, rendendo positivo l’impatto della struttura ricettiva sull’ospite
  • Risolvere problemi di diversa natura riguardanti la clientela

Le responsabilità che interessano l’animatore dipendono dal suo profilo professionale. Ad esempio, chi si occupa del miniclub ha il compito di intrattenere i bambini secondo un programma prestabilito, così come chi si occupa dei tornei sportivi è chiamato a organizzare le relative attività sulla base di tempi e orari precisi.

Oltre a svolgere funzioni di intrattenimento, l’animatore turistico resta sempre a disposizione della clientela, in quanto è ritenuto un punto di contatto della struttura, sempre pronto a fornire informazioni. Deve infatti essere presente in qualsiasi momento della giornata, compreso l’orario dei pasti, durante i quali fornisce notizie sulle attività programmate e raccoglie segnalazioni riguardanti i problemi di carattere generale.

Gli animatori prestano il loro lavoro prevalentemente in:

  • villaggi turistici
  • grandi alberghi
  • campeggi
  • navi da crociera
  • località di villeggiatura
  • stabilimenti balneari

Generalmente le singole strutture si affidano ad agenzie o a società di animazione per il reclutamento dello staff dedicato all’intrattenimento.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo per diventare Animatore turistico?

Per intraprendere la professione di animatore turistico non è necessario uno specifico titolo di studio. È sufficiente essere in possesso del diploma di maturità. Trattandosi di una professione legata al turismo, è consigliabile una buona conoscenza di una o più lingue straniere.

È necessaria un’ottima predisposizione a intrattenere il pubblico, per cui può risultare utile frequentare corsi in diverse discipline artistiche quali ballo, canto e recitazione, oppure conseguire un brevetto sportivo o sviluppare delle abilità manuali. Indispensabili sono anche le capacità di problem solving, di lavorare in gruppo, di improvvisazione e resistenza allo stress. 

Le strutture ricettive spesso si affidano a Tour Operator o Agenzie di animazione per reclutare il proprio staff in vista della nuova stagione lavorativa. Le Agenzie organizzano periodicamente corsi e stage di preparazione per i candidati selezionati. In alcuni casi, sono le Regioni a organizzare Corsi di formazione professionale per i quali rilasciano attestati riconosciuti, secondo quanto disciplinato dalla Legge 17 maggio 1983, n.217.

L’animatore turistico svolge un’attività prevalentemente stagionale, con contratto di collaborazione o dipendente a tempo determinato. Quando vi sono le condizioni è possibile entrare a far parte dell’organizzazione stabile dell’agenzia di animazione, avendo ormai acquisito un bagaglio di competenze fondamentali quali la capacità di relazionarsi con gli altri e  risolvere problemi imprevisti, nonché il gestire altre persone e collaborare attivamente in gruppo.

L’animatore turistico è inquadrato come “lavoratore dello spettacolo”, dunque soggetto all’obbligo di iscrizione all’ENPALS

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione degli Animatori turistici?

Per conoscere meglio i dati della professione  dobbiamo guardare alla macrocategoria di "Animatori turistici e professioni assimilate" del sistema Excelsior-Unioncamere.

Nel 2018 si registrano 4.340 assunzioni di dipendenti su 9.580 entrate previste.

Quali sono i requisiti richiesti agli Animatori turistici?

Le aziende che desiderano assumere animatori cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 58,2% dei datori di lavoro)

  • esperienza nello stesso settore (è richiesta dal 35,7% dei datori di lavoro)

Ben il 58% delle aziende del comparto turistico lamentano una difficoltà di reperimento di personale qualificato, difficoltà riconducibile:

  • per un buon 81,7% a un'inadeguata preparazione professionale

  • per il 18,3% invece, si tratta di mancanza di candidati e altri motivi

Oltre l'84%% degli animatori turistici hanno un contratto a tempo determinato, mentre il 50% sono i lavoratori in somministrazione. 

Un altro dato importante è rappresentato dalla percentuale di assunzioni per sostituzione che è pari al 59%

La retribuzione della professione va valutata sotto diversi aspetti. Di norma, un animatore alla prima esperienza e senza particolari qualifiche tecniche, viene retribuito con uno stipendio mensile compreso tra i 600 € e i 1.200 € lordi. Bisogna tuttavia considerare alcuni benefit che rendono interessante questa retribuzione, quali il vitto e alloggio gratuito, voli di andata e ritorno rimborsati e le cospicue mance da parte degli ospiti, senza contare il divertimento derivante dal lavoro svolto. Mediamente la disponibilità di lavoro richiesta è compresa tra i 2 e gli 8 mesi.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Animatore turistico
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Animatore turistico?

L’Animatore turistico intrattiene gli ospiti delle strutture ricettive al fine di rendere più piacevole e divertente il soggiorno. Mettere a proprio agio la clientela è il suo compito principale, coinvolgendola nelle attività proposte che possono essere ricreative, sportive, culturali e di spettacolo.

In particolare, l’animatore si occupa di:

  • Organizzare e pianificare le attività ludiche, creando le condizioni pratiche ed emotive per stimolare il divertimento
  • Catalizzare l’attenzione su di sé, rendendo positivo l’impatto della struttura ricettiva sull’ospite
  • Risolvere problemi di diversa natura riguardanti la clientela

Le responsabilità che interessano l’animatore dipendono dal suo profilo professionale. Ad esempio, chi si occupa del miniclub ha il compito di intrattenere i bambini secondo un programma prestabilito, così come chi si occupa dei tornei sportivi è chiamato a organizzare le relative attività sulla base di tempi e orari precisi.

Oltre a svolgere funzioni di intrattenimento, l’animatore turistico resta sempre a disposizione della clientela, in quanto è ritenuto un punto di contatto della struttura, sempre pronto a fornire informazioni. Deve infatti essere presente in qualsiasi momento della giornata, compreso l’orario dei pasti, durante i quali fornisce notizie sulle attività programmate e raccoglie segnalazioni riguardanti i problemi di carattere generale.

Gli animatori prestano il loro lavoro prevalentemente in:

  • villaggi turistici
  • grandi alberghi
  • campeggi
  • navi da crociera
  • località di villeggiatura
  • stabilimenti balneari

Generalmente le singole strutture si affidano ad agenzie o a società di animazione per il reclutamento dello staff dedicato all’intrattenimento.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo per diventare Animatore turistico?

Per intraprendere la professione di animatore turistico non è necessario uno specifico titolo di studio. È sufficiente essere in possesso del diploma di maturità. Trattandosi di una professione legata al turismo, è consigliabile una buona conoscenza di una o più lingue straniere.

È necessaria un’ottima predisposizione a intrattenere il pubblico, per cui può risultare utile frequentare corsi in diverse discipline artistiche quali ballo, canto e recitazione, oppure conseguire un brevetto sportivo o sviluppare delle abilità manuali. Indispensabili sono anche le capacità di problem solving, di lavorare in gruppo, di improvvisazione e resistenza allo stress. 

Le strutture ricettive spesso si affidano a Tour Operator o Agenzie di animazione per reclutare il proprio staff in vista della nuova stagione lavorativa. Le Agenzie organizzano periodicamente corsi e stage di preparazione per i candidati selezionati. In alcuni casi, sono le Regioni a organizzare Corsi di formazione professionale per i quali rilasciano attestati riconosciuti, secondo quanto disciplinato dalla Legge 17 maggio 1983, n.217.

L’animatore turistico svolge un’attività prevalentemente stagionale, con contratto di collaborazione o dipendente a tempo determinato. Quando vi sono le condizioni è possibile entrare a far parte dell’organizzazione stabile dell’agenzia di animazione, avendo ormai acquisito un bagaglio di competenze fondamentali quali la capacità di relazionarsi con gli altri e  risolvere problemi imprevisti, nonché il gestire altre persone e collaborare attivamente in gruppo.

L’animatore turistico è inquadrato come “lavoratore dello spettacolo”, dunque soggetto all’obbligo di iscrizione all’ENPALS

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione degli Animatori turistici?

Per conoscere meglio i dati della professione  dobbiamo guardare alla macrocategoria di "Animatori turistici e professioni assimilate" del sistema Excelsior-Unioncamere.

Nel 2018 si registrano 4.340 assunzioni di dipendenti su 9.580 entrate previste.

Quali sono i requisiti richiesti agli Animatori turistici?

Le aziende che desiderano assumere animatori cercano almeno i seguenti requisiti:

  • esperienza professionale (lo richiede il 58,2% dei datori di lavoro)

  • esperienza nello stesso settore (è richiesta dal 35,7% dei datori di lavoro)

Ben il 58% delle aziende del comparto turistico lamentano una difficoltà di reperimento di personale qualificato, difficoltà riconducibile:

  • per un buon 81,7% a un'inadeguata preparazione professionale

  • per il 18,3% invece, si tratta di mancanza di candidati e altri motivi

Oltre l'84%% degli animatori turistici hanno un contratto a tempo determinato, mentre il 50% sono i lavoratori in somministrazione. 

Un altro dato importante è rappresentato dalla percentuale di assunzioni per sostituzione che è pari al 59%

La retribuzione della professione va valutata sotto diversi aspetti. Di norma, un animatore alla prima esperienza e senza particolari qualifiche tecniche, viene retribuito con uno stipendio mensile compreso tra i 600 € e i 1.200 € lordi. Bisogna tuttavia considerare alcuni benefit che rendono interessante questa retribuzione, quali il vitto e alloggio gratuito, voli di andata e ritorno rimborsati e le cospicue mance da parte degli ospiti, senza contare il divertimento derivante dal lavoro svolto. Mediamente la disponibilità di lavoro richiesta è compresa tra i 2 e gli 8 mesi.

Animatore turistico
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Animatore turistico?

L’Animatore turistico intrattiene gli ospiti delle strutture ricettive al fine di rendere più piacevole e divertente il soggiorno. Mettere a proprio agio la clientela è il suo compito principale, coinvolgendola nelle attività proposte che possono essere ricreative, sportive, culturali e di spettacolo.

In particolare, l’animatore si occupa di:

  • Organizzare e pianificare le attività ludiche, creando le condizioni pratiche ed emotive per stimolare il divertimento
  • Catalizzare l’attenzione su di sé, rendendo positivo l’impatto della struttura ricettiva sull’ospite
  • Risolvere problemi di diversa natura riguardanti la clientela

Le responsabilità che interessano l’animatore dipendono dal suo profilo professionale. Ad esempio, chi si occupa del miniclub ha il compito di intrattenere i bambini secondo un programma prestabilito, così come chi si occupa dei tornei sportivi è chiamato a organizzare le relative attività sulla base di tempi e orari precisi.

Oltre a svolgere funzioni di intrattenimento, l’animatore turistico resta sempre a disposizione della clientela, in quanto è ritenuto un punto di contatto della struttura, sempre pronto a fornire informazioni. Deve infatti essere presente in qualsiasi momento della giornata, compreso l’orario dei pasti, durante i quali fornisce notizie sulle attività programmate e raccoglie segnalazioni riguardanti i problemi di carattere generale.

Gli animatori prestano il loro lavoro prevalentemente in:

  • villaggi turistici
  • grandi alberghi
  • campeggi
  • navi da crociera
  • località di villeggiatura
  • stabilimenti balneari

Generalmente le singole strutture si affidano ad agenzie o a società di animazione per il reclutamento dello staff dedicato all’intrattenimento.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Video correlati
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
L'impresa culturale italiana nell'anno di Matera Capitale Europea della Cultura
Lo scorso 20 gennaio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inaugurato l’anno di Matera Capitale Europea ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Benvenuti in WeCanBlog!
Car* utenti di WeCanJob, finalmente ci siamo! La redazione è davvero felice di inaugurare la nuova versione del sito, ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
13
set
2019
Costa Crociere: Recruiting Day a Palermo e Bari
Il settore turistico vive un periodo positivo. Lo certificano gli ultimi dati Enit pubblicati recentemente dall’Agenzia ....
11
set
2019
Club Med assume: colloqui in tutta Italia per decine di profili
Club Med, uno dei più importanti operatori turistici internazionali, è una ben nota società francese ....
22
giu
2019
Progetto IRIS: tirocini all'estero per giovani diplomati
Se cerchi un'esperienza all'estero post-diploma, l'avviso lanciato da SMI - Associazione Nazionale per la Formazione ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it