Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Le professioni: Analista di sistemi

in IT e Media

Chi è e di cosa si occupa l'Analista di sistemi?

Il ciclo produttivo può essere suddiviso in processi, grazie ai quali un’azienda riesce a trasformare le risorse in ingresso (materie prime, energia, lavoro) in beni o servizi. L’analista dei sistemi è colui che si occupa di analizzare tutti i processi interni di un’azienda, con lo scopo di migliorarne la struttura tramite l’efficientamento delle tecniche e delle tecnologie produttive.

Il lavoro dell’analista di sistemi consiste nel valutare i rischi, i costi e i benefici dei processi aziendali. Consiste inoltre nel monitorare la dimensione organizzativa dell’azienda.

L’analista di sistemi confronta e mette in relazione i diversi settori dell’azienda (per esempio gli uffici amministrativi di gestione del personale, quelli delle relazioni esterne, la filiera produttiva, il sistema di comunicazione interno, il sistema hardware e software, ecc.) tramite modelli che permettano una misurazione dell’efficienza dei processi. Grazie all’elaborazione di questi modelli, l’analista di sistemi confronta e compara le performance dell’azienda per cui lavora con quelle di altre aziende che operano nello stesso settore, anche attraverso il cosiddetto benchmarking. Quando i processi della sua azienda necessitano di miglioramenti in termini di efficienza, l’analista di sistemi mette a punto un insieme di strategie utili a raggiungere lo scopo.

Il suo lavoro si svolge in gran parte nella dimensione informatica dell’elaborazione e gestione di software e hardware dedicati, in questo caso si parla nello specifico di analista di sistemi informativi il cui lavoro ha come specifico oggetto il sistema di immagazzinamento, gestione e comunicazione dei dati e, più in generale, il sistema informativo nella sua interezza. L’efficientamento dei processi aziendali procede infatti innanzitutto attraverso una razionalizzazione del sistema informativo interno.

Chi voglia svolgere questa professione deve possedere le seguenti caratteristiche personali:

  • ottima predisposizione alla leadership
  • problem solving
  • capacità di organizzazione
  • capacità di analisi e sintesi
  • elevata capacità di argomentazione
  • buona retorica
  • ottima conoscenza dei sistemi informativi

L’analista di sistemi lavora come dipendente in un’azienda, generalmente di grandi dimensioni.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Qual è il percorso formativo dell'Analista di sistemi?

L’analista di sistemi è un profilo professionale molto specializzato. Egli deve possedere competenze che spaziano in più settori disciplinari: dagli studi organizzativi e dall’ingegneria, fino all’economia e alla sociologia, passando per il marketing, la matematica e l’informatica.

Per accedere alla professione, che non è regolamentata dal punto di vista legislativo, non vi è un unico percorso formativo da seguire. Tuttavia, sarebbe bene per prima cosa diplomarsi in un Istituto Tecnico Industriale a indirizzo tecnologico (qui un elenco degli Istituti Tecnici Tecnologici italiani). Successivamente, si può proseguire la propria carriera formativa frequentando con profitto un percorso universitario in una delle discipline succitate. Per esempio si può conseguire una laurea in:

  • Ingegneria gestionale
  • Scienze e tecnologie informatiche
  • Economia
  • Scienza dell’organizzazione

Il percorso deve essere poi ultimato tramite il sistema di Master, Dottorati e Corsi di specializzazione offerti da università ed enti pubblici e privati.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...

Quali sono i dati sull'occupazione dell'Analista di sistemi?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni degli Analisti di sistemi, nel 2018 le aziende hanno stimati di assumere 28.520 professionisti, di cui 21.880 assunzioni di dipendenti. Ben il 75% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo indeterminato e solo il 18% a tempo determinato. Il 33% dei candidati appartiene alla fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Vediamo quali sono i requisiti richiesti dalla professione.

Il 61% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi, che può riassumersi in una percentuale del 71,2% sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore, pari al 25,4% dei casi. 

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Analisti di sistemi?

Esperienza: il 50,1% dei datori di lavoro non richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti; il 30,7% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 74,5% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 93% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, problem solving e  lavorare in gruppo (rispettivamente 89% e 86%).

Le grandi aziende, quelle da più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli agenti immobiliari. Sono infatti il 49,5% della realtà imprenditoriale italiana, insieme al 29,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 20,9 delle piccole  aziende, quelle dai 1 a 49 dipendenti. 

Qual è lo stipendio medio di un Analista di sistemi?

La retribuzione dell'Analista di sistemi varia in base all’ambito di elezioni e alla mole di lavoro svolto (nel caso del freelance). Il range retributivo, per questo motivo, è piuttosto ampio e può variare da 400 o 500 € mensili a salari ben più elevati, in caso l'analista lavori alle dipendenze di una grande azienda di videogiochi. In questo caso la retribuzione può arrivare fino a fra i 6.000 e i 7.000 € mensili.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Le altre professioni
Analista di sistemi
Descrizione

Chi è e di cosa si occupa l'Analista di sistemi?

Il ciclo produttivo può essere suddiviso in processi, grazie ai quali un’azienda riesce a trasformare le risorse in ingresso (materie prime, energia, lavoro) in beni o servizi. L’analista dei sistemi è colui che si occupa di analizzare tutti i processi interni di un’azienda, con lo scopo di migliorarne la struttura tramite l’efficientamento delle tecniche e delle tecnologie produttive.

Il lavoro dell’analista di sistemi consiste nel valutare i rischi, i costi e i benefici dei processi aziendali. Consiste inoltre nel monitorare la dimensione organizzativa dell’azienda.

L’analista di sistemi confronta e mette in relazione i diversi settori dell’azienda (per esempio gli uffici amministrativi di gestione del personale, quelli delle relazioni esterne, la filiera produttiva, il sistema di comunicazione interno, il sistema hardware e software, ecc.) tramite modelli che permettano una misurazione dell’efficienza dei processi. Grazie all’elaborazione di questi modelli, l’analista di sistemi confronta e compara le performance dell’azienda per cui lavora con quelle di altre aziende che operano nello stesso settore, anche attraverso il cosiddetto benchmarking. Quando i processi della sua azienda necessitano di miglioramenti in termini di efficienza, l’analista di sistemi mette a punto un insieme di strategie utili a raggiungere lo scopo.

Il suo lavoro si svolge in gran parte nella dimensione informatica dell’elaborazione e gestione di software e hardware dedicati, in questo caso si parla nello specifico di analista di sistemi informativi il cui lavoro ha come specifico oggetto il sistema di immagazzinamento, gestione e comunicazione dei dati e, più in generale, il sistema informativo nella sua interezza. L’efficientamento dei processi aziendali procede infatti innanzitutto attraverso una razionalizzazione del sistema informativo interno.

Chi voglia svolgere questa professione deve possedere le seguenti caratteristiche personali:

  • ottima predisposizione alla leadership
  • problem solving
  • capacità di organizzazione
  • capacità di analisi e sintesi
  • elevata capacità di argomentazione
  • buona retorica
  • ottima conoscenza dei sistemi informativi

L’analista di sistemi lavora come dipendente in un’azienda, generalmente di grandi dimensioni.

Percorso formativo

Qual è il percorso formativo dell'Analista di sistemi?

L’analista di sistemi è un profilo professionale molto specializzato. Egli deve possedere competenze che spaziano in più settori disciplinari: dagli studi organizzativi e dall’ingegneria, fino all’economia e alla sociologia, passando per il marketing, la matematica e l’informatica.

Per accedere alla professione, che non è regolamentata dal punto di vista legislativo, non vi è un unico percorso formativo da seguire. Tuttavia, sarebbe bene per prima cosa diplomarsi in un Istituto Tecnico Industriale a indirizzo tecnologico (qui un elenco degli Istituti Tecnici Tecnologici italiani). Successivamente, si può proseguire la propria carriera formativa frequentando con profitto un percorso universitario in una delle discipline succitate. Per esempio si può conseguire una laurea in:

  • Ingegneria gestionale
  • Scienze e tecnologie informatiche
  • Economia
  • Scienza dell’organizzazione

Il percorso deve essere poi ultimato tramite il sistema di Master, Dottorati e Corsi di specializzazione offerti da università ed enti pubblici e privati.

Numeri della professione

Quali sono i dati sull'occupazione dell'Analista di sistemi?

Secondo i dati Excelsior Unioncamere sulla tendenza nelle assunzioni degli Analisti di sistemi, nel 2018 le aziende hanno stimati di assumere 28.520 professionisti, di cui 21.880 assunzioni di dipendenti. Ben il 75% di questi sembra configurarsi in contratti a tempo indeterminato e solo il 18% a tempo determinato. Il 33% dei candidati appartiene alla fascia di età tra i 18 ed i 35 anni. Vediamo quali sono i requisiti richiesti dalla professione.

Il 61% dei datori di lavoro lamenta una difficoltà di reperimento di candidati sia per la mancanza dei candidati stessi, che può riassumersi in una percentuale del 71,2% sia per una preparazione inadeguata di chi si propone in questo settore, pari al 25,4% dei casi. 

Quali sono i requisiti richiesti per diventare Analisti di sistemi?

Esperienza: il 50,1% dei datori di lavoro non richiede ai propri candidati l'aver maturato esperienze lavorative precedenti; il 30,7% dei datori di lavoro ritiene importante aver avuto esperienza professionale nello stesso settore. Questo dato si accompagna con quello legato ai requisiti sulla formazione, dall'istruzione all'aggiornamento professionale che vediamo di seguito. 

Formazione: il 74,5% dei datori di lavoro richiede un titolo universitario insieme a un'adeguata formazione professionale specifica, richiesta dal 93% dei datori di lavoro. 

Competenze: per questa professione, più delle competenze tecniche, sono fondamentali le competenze trasversali di orientamento al cliente, problem solving e  lavorare in gruppo (rispettivamente 89% e 86%).

Le grandi aziende, quelle da più di 50 dipendenti saranno le realtà con cui si confronteranno gli agenti immobiliari. Sono infatti il 49,5% della realtà imprenditoriale italiana, insieme al 29,7% delle medie aziende, quelle dai 10 ai 49 dipendenti e al 20,9 delle piccole  aziende, quelle dai 1 a 49 dipendenti. 

Qual è lo stipendio medio di un Analista di sistemi?

La retribuzione dell'Analista di sistemi varia in base all’ambito di elezioni e alla mole di lavoro svolto (nel caso del freelance). Il range retributivo, per questo motivo, è piuttosto ampio e può variare da 400 o 500 € mensili a salari ben più elevati, in caso l'analista lavori alle dipendenze di una grande azienda di videogiochi. In questo caso la retribuzione può arrivare fino a fra i 6.000 e i 7.000 € mensili.

Analista di sistemi
 
Utility WeCanJob

Chi è e di cosa si occupa l'Analista di sistemi?

Il ciclo produttivo può essere suddiviso in processi, grazie ai quali un’azienda riesce a trasformare le risorse in ingresso (materie prime, energia, lavoro) in beni o servizi. L’analista dei sistemi è colui che si occupa di analizzare tutti i processi interni di un’azienda, con lo scopo di migliorarne la struttura tramite l’efficientamento delle tecniche e delle tecnologie produttive.

Il lavoro dell’analista di sistemi consiste nel valutare i rischi, i costi e i benefici dei processi aziendali. Consiste inoltre nel monitorare la dimensione organizzativa dell’azienda.

L’analista di sistemi confronta e mette in relazione i diversi settori dell’azienda (per esempio gli uffici amministrativi di gestione del personale, quelli delle relazioni esterne, la filiera produttiva, il sistema di comunicazione interno, il sistema hardware e software, ecc.) tramite modelli che permettano una misurazione dell’efficienza dei processi. Grazie all’elaborazione di questi modelli, l’analista di sistemi confronta e compara le performance dell’azienda per cui lavora con quelle di altre aziende che operano nello stesso settore, anche attraverso il cosiddetto benchmarking. Quando i processi della sua azienda necessitano di miglioramenti in termini di efficienza, l’analista di sistemi mette a punto un insieme di strategie utili a raggiungere lo scopo.

Il suo lavoro si svolge in gran parte nella dimensione informatica dell’elaborazione e gestione di software e hardware dedicati, in questo caso si parla nello specifico di analista di sistemi informativi il cui lavoro ha come specifico oggetto il sistema di immagazzinamento, gestione e comunicazione dei dati e, più in generale, il sistema informativo nella sua interezza. L’efficientamento dei processi aziendali procede infatti innanzitutto attraverso una razionalizzazione del sistema informativo interno.

Chi voglia svolgere questa professione deve possedere le seguenti caratteristiche personali:

  • ottima predisposizione alla leadership
  • problem solving
  • capacità di organizzazione
  • capacità di analisi e sintesi
  • elevata capacità di argomentazione
  • buona retorica
  • ottima conoscenza dei sistemi informativi

L’analista di sistemi lavora come dipendente in un’azienda, generalmente di grandi dimensioni.

Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
Discutiamone insieme...
discutiamo di
lavoro
Lavorare con la laurea magistrale in Biologia
Che lavori si possono fare con la laurea magistrale in Biologia e la specializzazione? Quali sono gli sbocchi professionali ....
0 commenti
discutiamo di
formazione
Le professioni ICT in Italia: numeri e tendenze
Quali sono le professioni ICT più richieste dalle imprese? Quali opportunità di lavoro si prospettano all’orizzonte ....
0 commenti
Potrebbe interessarti
25
gen
2020
Italgas: opportunità di lavoro nel settore dell'energia
Italgas, società nata a Torino nel 1837 come Compagnia di Illuminazione a Gas per la Città di Torino, è ....
25
gen
2020
Università di Padova: concorsi per 16 Ricercatori di tipologia A
L’Università degli studi di Padova ha indetto 2 bandi di concorso per la selezione, in totale, di ....
23
gen
2020
Università di Palermo: concorsi per 10 Ricercatori di tipologia A
L’Università degli studi di Palermo ha indetto 2 band di concorso per la selezione, in totale, di ....
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it