Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Scuola: che cos'è il PDP (Piano Didattico Personalizzato) e a chi si rivolge

24
mar
2021

Il mondo della scuola è sempre più attento ai bisogni educativi degli studenti e molte sono le misure adottate per raggiungere l’inclusione a livello scolasticoSul nostro blog abbiamo già parlato del PEI (Piano Educativo Individualizzato), strumento che permette agli insegnanti di venire incontro alle necessità dei propri alunni con una disabilità certificata. Ma all’interno della classe spesso sono presenti anche altri alunni con bisogni educativi speciali per i quali verrà elaborato il cosiddetto PDP (Piano Didattico Personalizzato). Ma cos’è il PDP? A cosa serve? E chi sono gli alunni a cui si rivolge? Ne parliamo sul blog nell’articolo di oggi.

Cos’è il PDP (Piano Didattico Personalizzato)

Come previsto dalla Legge 53/2003, tutti gli studenti con difficoltà nell’apprendimento, anche di tipo temporanea, hanno diritto a una didattica personalizzata che vede l’adozione del PDP. Ma di cosa si tratta? Il PDP, Piano Didattico Personalizzato, è un documento che definisce la programmazione, gli strumenti e gli interventi educativi da mettere in atto nei confronti di alunni che presentano delle esigenze didattiche specifiche. Il PDP garantisce a questi studenti un supporto indispensabile affinché possano partecipare alla vita scolastica con le stesse possibilità degli altri compagni di classe.

Riconosciuto dalla Circolare Ministeriale del 6 Marzo 2013, il PDP diviene così un vero e proprio strumento per:

  • favorire l’inclusione all’interno della scuola;
  • garantire equità in classe;
  • incoraggiare il successo e l’autonomia scolastica.

Il PDP è un documento che guida anche i docenti nella progettazione didattica, può essere redatto a partire dalla scuola primaria e si modifica in ogni ordine e grado scolastico.

A chi si rivolge il PDP (Piano Didattico Personalizzato)

Il PDP si rivolge ad alunni detti BES, cioè con Bisogni Educativi Speciali. Ma chi sono coloro che rientrano in questa categoria? Oltre ad alunni con una disabilità certificata (per i quali però verrà redatto il documento di programmazione detto PEI - Piano Educativo Individualizzato), appartengono alla categoria BES anche:

  • alunni con uno svantaggio di tipo linguistico, culturale e socio-economico, ma anche con disagio comportamentale/relazionale;
  • alunni con disturbi evolutivi come: ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, cioè con disturbo da deficit dell’attenzione e di iperattività), deficit del linguaggio, deficit delle abilità non verbali, deficit della coordinazione motoria, disturbo dello spettro autistico;
  • alunni DSA, cioè con Disturbi Specifici dell’Apprendimento, quali dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia.

L’esigenza di redigere un PDP per le prime due categorie elencate è possibile qualora la scuola lo ritenesse necessario. Obbligatoria, invece, è la stesura del documento per gli alunni che presentano una certificazione DSA. I disturbi di questi alunni, detti specifici dell’apprendimento, sono stati riconosciuti in quanto tali dalla Legge 170 dell’8 ottobre 2010. In questo caso, quella dei DSA è una diagnosi che si formula con certezza dopo la fine della seconda classe della scuola primaria, periodo in cui è avvenuto l’insegnamento della letto-scrittura e del calcolo. Spesso, le loro difficoltà verso queste funzioni sono condivise, anche se per cause differenti, dalle altre due categorie BES.

Come si prepara il PDP (Piano Didattico Personalizzato)

Il PDP viene compilato dai docenti del consiglio di classe a seguito di una fase di osservazione che non supera il primo trimestre dell’anno, periodo entro il quale il documento di programmazione deve essere pronto. La stesura del PDP può richiedere anche il contributo esterno di esperti, mentre fondamentale è la partecipazione:

  • della famiglia dell’alunno (che consegna alla scuola i certificati, le diagnosi e le relazioni cliniche, di cui il PDP deve tenere conto);
  • dell’alunno (solo nei casi che lo richiedono e di solito si tratta di studenti della scuola secondaria di secondo grado);
  • del Dirigente Scolastico (che firmerà il documento del PDP finale).

Il PDP viene elaborato seguendo le Linee Guida, pubblicate a seguito del Decreto Ministeriale del 12 luglio 2011 e, come già anticipato, è obbligatorio per gli alunni DSA certificati. Per quanto riguarda le altre categorie BES che non presentano certificazione clinica, il PDP verrà elaborato solo se richiesto dal consiglio di classe che, in questo caso, deve spiegare con considerazioni di tipo pedagogico-didattico la scelta di attivare il percorso e verbalizzare le proprie motivazioni.

Ma vediamo ora qual è la struttura di un Piano Didattico Personalizzato che i docenti andranno a compilare tenendo conto di ciascuna disciplina scolastica.

Gli elementi che troviamo all’interno del PDP sono:

  • dati anagrafici dell’alunno;
  • tipologia del disturbo;
  • attività didattiche individualizzate;
  • attività didattiche personalizzate;
  • strumenti compensativi (come programmi di video scrittura, sintesi vocale, calcolatrice e registratore);
  • misure dispensative (come interrogazioni programmate, verifiche pianificate, ridotte o svolte con tempi più lunghi, uso del vocabolario);
  • forme di verifica e valutazione personalizzate.

A seguito della sua compilazione, il PDP è un documento oggetto di continuo monitoraggio da parte dei docenti del consiglio di classe, che possono quindi modificarlo in qualsiasi momento e qualora se ne presentasse la necessità. Inoltre, può capitare che gli insegnanti compilino un PDP anche nel corso dell’anno, soprattutto se l’alunno e la sua famiglia presentano lo stato di BES dopo il primo trimestre scolastico.

Maggiori informazioni sui modelli di PDP e sugli alunni BES sono disponibili sulla pagina dedicata sul sito del MIUR.

LEGGI ANCHE: Cosa sono le prove Invalsi

 

Monica Velli

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it