Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Gli errori più comuni della lingua italiana: il plurale delle parole composte

29
mag
2020

Ogni giorno usiamo centinaia di parole del lessico della lingua italiana, ma non tutte sono semplici da declinare al plurale. Tra queste rientrano sicuramente le parole composte, che generano non pochi dubbi ogni volta che si presentano alla forma plurale: vediamo da cosa è causata questa confusione e perché è importante non sbagliare l'uso delle parole della lingua italiana.

Parole composte al plurale: perché si sbaglia

Con parole composte intendiamo sia quelle che hanno una grafia unita (come francobollo) che quelle che si presentano come l'unione di due parole distinte (come per esempio pronto intervento).

Il dubbio sulla loro forma al plurale nasce dal fatto che non si è sicuri se a diventare plurale deve essere la prima parola, la seconda parola o entrambe le parole che compongono il lemma composto.

Parole composte: le tipologie

Per iniziare ad avere sott'occhio un quadro completo delle tipologie di parole composte, può essere utile tenere presente questo schema:

  • le parole composte formate da nome + nome: per esempio arcobaleno;
  • le parole composte formate da nome + aggettivo: per esempio cartastraccia;
  • le parole composte formate da aggettivo + nome: per esempio mezzaluna;
  • le parole composte formate da aggettivo + aggettivo: per esempio chiaroscuro;
  • le parole composte formate da verbo + nome: per esempio passaporto;
  • le parole composte formate da verbo + verbo: per esempio dormiveglia;
  • le parole composte formate da verbo + avverbio: per esempio buttafuori;
  • le parole composte formate da preposizione (o avverbio) + nome: per esempio fuoricorso;
  • le parole composte formate da nome + preposizione + nome: per esempio messinscena.

Per ognuna di queste categorie c'è una regola specifica di formazione del plurale. Per fugare alcuni dei dubbi più frequenti, noi oggi ci siamo concentrati su queste parole:

La lingua italiana: uno strumento prezioso

Sia che stiate affrontando un colloquio di lavoro sia che stiate scrivendo una email indirizzata al relatore della vostra tesi di laurea è importante non cadere in spiacevoli strafalcioni linguistici che potrebbero ledere la vostra immagine presso l'interlocutore a cui vi state rivolgendo.

Per questo informatevi sempre e quando avete qualche dubbio, consultate il dizionario: è lui il compagno più adatto in tutte le avventure linguistiche che vi troverete ad affrontare!

Potrebbe interessarvi anche:

 

Federica Privitera

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it