Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Lavorare nell'editoria: i ruoli di una casa editrice

14
lug
2020

Immaginiamo di entrare in libreria e prendere in mano un romanzo. In realtà, inconsapevolmente stiamo valutando il risultato del lavoro di tanti professionisti del settore  editoriale che si adoperano affinché il lettore possa fruire di un libro curato e impeccabile. Bisogna infatti notare che, nonostante l’avvento del digitale nel mercato editoriale, i consumatori continuano a preferire l’acquisto del prodotto cartaceo. Secondo un rapporto dell’Aie (Associazione italiana editori) del 2020, il fatturato proveniente dalla vendita di e-book non supera il 10% per la grande maggioranza delle case editrici (92,6%).

Lavorare in editoria, le professioni in casa editrice

Ma cosa c’è dietro la produzione di un libro? Il lavoro in editoria è antichissimo; nasce nel senso moderno all’inizio dell’Ottocento con l’applicazione dei metodi industriali, ma si può far risalire questa filiera alla nascita del suo prodotto: il libro.  Secoli prima delle moderne case editrici, infatti, tutte le operazioni relative alla produzione di un libro venivano svolte nelle botteghe librarie dell’antica Roma tra il I e il II secolo d.C.

Nel corso del tempo il processo di lavorazione si è affinato e ha portato le varie case editrici a differenziarsi tra loro, costruendosi un’identità personale che si è rivelata un punto di forza per la riconoscibilità del marchio, per la comunicazione e per la commercializzazione dei propri prodotti. Ogni casa editrice ad oggi ha una sua linea editoriale: dei parametri all’interno dei quali è possibile tracciare le caratteristiche dei libri che si sceglie di pubblicare. E in ogni casa editrice ci sono vari professionisti che lavorano perché i lettori possano fruire del miglio prodotto possibile.

Quali sono, allora, le principali professionalità del mondo editoriale? Le indichiamo di seguito, seguendo una linea ideale che porta alla realizzazione finale di un libro:

  • Autore: è colui che crea e produce il contenuto del libro. La sua opera deve essere frutto di ideazione e ingegno personale.
  • Direttore editoriale: si occupa di pianificare il calendario editoriale, cioè di gestire le pubblicazioni nel corso dell’anno e di verificare che siano coerenti con la linea editoriale della casa editrice. L’autore presenta la propria opera alla casa editrice e soltanto se il libro viene approvato dal Direttore editoriale verrà lavorato e pubblicato.
  • Editor: la professione di Editor ha varie sfaccettature e cambia notevolmente se tratta di testi italiani o di testi stranieri. Vediamo il primo caso, Editor di testi italiani: è la figura che dopo una prima lettura fa delle proposte di miglioramento all’autore, nel rispetto dell’intenzione iniziale dell’opera e dello stile; L’Editor di testi stranieri invece ha un compito diverso: spesso non può dialogare direttamente con l’autore e non è autorizzato a intervenire in nessun modo sul testo originale. La sua attività è quindi principalmente di scouting, cerca libri da pubblicare e li propone durante le riunioni della casa editrice.
  • Traduttore: questo professionista interviene qualora il libro in pubblicazione appartenga a una lingua diversa rispetto a quella del Paese a cui quel testo è destinato. Spesso svolge il suo mestiere da freelance, ma può capitare che lavori stabilmente alle dipendenze di una casa editrice. È obbligo del Traduttore rispettare quanto più possibile la natura del testo, senza apportare modifiche, miglioramenti, omissioni o aggiunte ingiustificate.
  • Revisore: si occupa di revisionare la traduzione operata dal Traduttore e controllare il senso generale nella lingua di approdo.
  • Redattore: Il mestiere del Redattore si concretizza in diverse figure professionali. La definizione dei compiti, infatti, varia a seconda della tipologia e della dimensione della casa editrice. Una volta concordate tra Editor e Autore oppure tra Traduttore e Revisore tutte le modifiche, il testo passa nelle mani di un Correttore di bozze, che si occupa di applicare tutte le norme editoriali adottate dalla casa editrice e di verificare che non ci siano refusi. Questo processo nelle case editrici più serie viene fatto almeno un paio di volte, in modo da ridurre al minimo gli errori di battitura e le imperfezioni. Dopo questo processo il manoscritto passa all’Impaginatore che si occupa di inserire il testo all’interno di una gabbia che rispetti la grafica della collana all’interno della quale il libro sarà pubblicato.
  • Grafico: spesso è un professionista che collabora per diverse case editrici e che si occupa principalmente delle copertine. Dopo aver ascoltato gli elementi principali contenuti nel testo da un membro della redazione o dall’Editor, il Grafico elabora vari progetti che ritiene coerenti con il contenuto del libro e li propone alla casa editrice, che sceglie la copertina più adatta consultandosi con l’autore, dove possibile.
  • Ufficio stampa: si occupa della comunicazione della promozione del libro. Il suo compito è contattare testate giornalistiche, riviste, blogger, critici o altri personaggi del settore per proporgli di parlare del libro in pubblicazione. La selezione di questi soggetti deve essere accurata: il libro e i suoi primi lettori devono entrare in sintonia, solo così la promozione potrà avvenire in maniera davvero efficace. L’ufficio stampa si occupa inoltre di organizzare presentazioni all’interno di librerie, fiere, eventi appropriati.  
  • Social media manager: il Social media manager è colui che si occupa della promozione del libro sui social. Analizza i vari canali social (Twitter, LinkedIn, Facebook, Instagram etc.) e sceglie la tipologia e le modalità più adatte per comunicare con il pubblico. Questi compiti nelle case editrici più piccole vengono affidati all’ufficio stampa.

Lavorare in editoria, le altre professioni del libro

Se ci fermassimo qui, l’elenco delle professioni che intervengono nella storia di un libro non sarebbe completo. Bisogna considerare, infatti, altre figure che contribuiscono in modo sostanziale a far arrivare il prodotto nelle mani del lettore. Vediamo insieme le principali:

  • Tipografo: dopo che la casa editrice ha scelto la copertina e impaginato il testo, il libro va in stampa. Il Tipografo perciò svolge un ruolo fondamentale, poiché è colui che si accerta della qualità concreta del prodotto e fa sì che rispecchi la forma finale desiderata.  
  • Distributore: dopo che le copie sono state stampate, la casa editrice le affida a un distributore che ha l’incarico di farle arrivare in libreria. È fondamentale in questa fase del processo una grande attenzione alle date, poiché è necessario rispettare tutti i tempi per non bucare la data di uscita prevista del libro (già sponsorizzata e annunciata dall’ufficio stampa).
  • Critico: come abbiamo accennato prima, il Critico è uno dei primi lettori del libro in uscita. È colui che esprime una prima opinione sul titolo, presentandolo al pubblico attraverso recensioni, articoli, interviste.
  • Libraio: nel processo produttivo è la figura che separa il libro dal lettore, in quello commerciale probabilmente è quella che li unisce di più. Quasi a valle della catena del libro, il Libraio ordina il numero di copie del nuovo titolo che può esporre in libreria, le sistema una volta che il distributore gliele ha consegnate e consiglia ogni libro al suo lettore adatto.

 

Chiara Calselli

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it