Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

La Terza Missione dell'Università

11
mar
2017

WeCanBlog cerca sempre di tenervi aggiornati su quanto succede nel mondo della formazione e della ricerca. Per questo oggi vogliamo parlarvi del rapporto pubblicato da pochi giorni dall’ANVUR Valutazione della Qualità e della Ricerca 2011-2014, uno strumento utile per comprendere lo stato di salute del nostro sistema universitario e poter scegliere in maniera più consapevole la propria strada

Cos’è l’ANVUR? Cos’è la Terza Missione dell’Università?

L’ANVUR è l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca e si occupa per l’appunto della valutazione dell'attività delle università in Italia dal 2006, anno della sua fondazione.

La Valutazione della Qualità e della Ricerca è un’analisi triennale, arrivata alla sua seconda edizione (qui il Rapporto della prima) ed è rivolta alla valutazione dei risultati della ricerca scientifica effettuata nel periodo 2011-2014 dalle Università Statali e non Statali, dagli Enti di Ricerca pubblici vigilati dal MIUR e da altri soggetti pubblici e privati che svolgono attività di ricerca. Hanno partecipato 96 università, 18 enti di ricerca e 21 altre istituzioni (9 consorzi interuniversitari e 12 enti di ricerca) che si sono sottoposte volontariamente alla valutazione.

La Valutazione ha riguardato tutte le attività degli Atenei ma una parte dell’analisi ha riguardato la cosiddetta Terza Missione: di che cosa si tratta?

In Europa si è iniziato a parlare della “Terza Missione” dell’Università nel 2000, grazie un testo della Commissione Europea nel quale si proponeva di promuovere l’innovazione in un’economia fondata sulla conoscenza. Il documento stabiliva che oltre al ruolo da loro svolto tradizionalmente nei campi dell’istruzione e della ricerca, le due “Missioni” principali, le Università avrebbero dovuto svolgere anche una Terza Missione: promuovere la diffusione della conoscenza e delle tecnologie. Un ruolo quindi non solo formativo ma anche sociale dell’Università. Questo significa ad esempio realizzare un collegamento tra il mondo della formazione universitaria con quella scolastica e con il mondo del lavoro e rafforzare il rapporto con il territorio. Grazie a questo approccio la Valutazione non si è basata solo sui risultati teorici ma sul vero e tangibile impatto che le Università hanno sulla società.

Le Università creatrici di beni comuni

Una delle novità rispetto alla precedente valutazione è il peso attribuito alla cosiddetta Terza Missione dell’Università da parte dell’ANVUR, che infatti rivolge lo sguardo non solo ai risultati economici ma anche a quelli di natura sociale, vale a dire alla produzione di beni pubblici a servizio della società. La portata di questo elemento, nella recente rilevazione, viene soppesata da ANVUR tramite un totale di 88 indicatori.

All’interno di questa categoria, la Terza Missione di natura sociale, gli indicatori più interessanti riguardano principalmente:

  • Produzione e gestione dei beni culturali: comprende lo scavo e fruizione di beni archeologici, la conservazione e gestione di poli museali e la gestione e manutenzione di edifici storici
  • Sperimentazione clinica, infrastrutture di ricerca, formazione medica: comprende la presenza o meno di Trial clinici, di centri di ricerca clinici e di bio-banche
  • Formazione continua: viene valutato l’utilizzo del potenziale formativo, l’orientamento verso la formazione continua e l’impatto sulla popolazione in età lavorativa
  • Public engagement: vengono considerati gli eventi organizzati per coinvolgere i cittadini del territorio al di fuori della didattica, ad esempio iniziative divulgative per bambini, open day, giornate di sensibilizzazione

Tra i dati più interessanti, emerge sicuramente il numero di poli museali (515) gestiti da 36 Università, o il numero di scavi archeologici condotti da Università (414, dei quali 101 aperti al pubblico). Per queste attività le Università hanno speso circa 2 milioni di euro e ne hanno ricevuti più del triplo. La perfetta somma di ricerca, economia e tutela dei beni pubblici per il territorio.

La Terza missione e il trasferimento tecnologico

Per quanto riguarda il trasferimento tecnologico in senso stretto, sono stati studiati i risultati delle Università principalmente rispetto a tre categorie:

  • Brevetti: divisi in diverse sottocategorie come i “Brevetti accademici” (dove tra gli inventori è presente un docente o un ricercatore dell’Università) e i “Brevetti d’Ateneo” (i brevetti di titolarità diretta dell’Ateneo). I dati in questa categoria sono incoraggianti. I brevetti sono stati 3.013 nel quadriennio 2011-2014, in media 753 all’anno, e di questi circa un terzo sono Brevetti d’Ateneo, quindi direttamente emanati dall’Università nel suo insieme e non come attività del singolo ricercatore. Questo dato basterebbe da solo a far capire come sia proprio l’Università come istituzione a impegnarsi attivamente in quest'ambito
  • Attività per conto terzi: il valore generato con attività di ricerca, didattica e servizi offerti dalle Università a soggetti esterni. Per quanto riguarda questo tipo di attività, il valore generato è stato quasi di 2 miliardi di euro nel periodo 2011-2014, circa 500 milioni all’anno, che è più di quanto stanzia il MIUR ogni anno per gli Atenei. Le Università hanno quindi iniziato a cercare fondi anche altrove, dimostrando un notevole spirito di iniziativa
  • Spin-off: iniziative imprenditoriali aventi come finalità l’utilizzazione di brevetti, invenzioni, know-how o ritrovati derivanti dai risultati della ricerca scientifica universitaria. La tendenza risultante dall’analisi è decisamente positiva. Si è passati infatti dai 54 spin-off del 2004 ai 139 del 2014. Da questo punto di vista è importante segnalare come non sia solo il Nord a fare da traino alla creazione di impresa, anche il Sud sta infatti lentamente alzando la testa. Tra le migliori Università, oltre “ovviamente” al Politecnico di Milano, l’Università di Reggio Calabria riesce a tenere testa a realtà come la Sant’Anna di Pisa o l’Università di Bologna

La Valutazione del mondo dell’Università è comunque ancora un work in progress. Con il prossimo triennio si tenterà di “aggiustare il tiro” e fotografare la realtà in maniera più precisa. Ancora troppe sono le aree grigie che non permettono un’analisi completa, come ad esempio il fatto che non siano censite tutte le Università e solo una piccola parte dei centri di ricerca abbia aderito alla Valutazione.

Un altro elemento che si consoliderà con il tempo riguarda la quantità di dati confrontabili che solo dopo alcuni trienni analizzati permetterà di avere un quadro sempre più completo dello stato in cui si trova la ricerca in Italia.

Nonostante questo è chiaro che la Terza Missione sta diventando sempre di più un punto di riferimento fondamentale all’interno delle Università. Basti considerare che il 100% degli enti analizzati dall’ANVUR ha modificato il proprio assetto organizzativo per valorizzare queste attività, a volte anche istituendo delle dirigenze dedicate a questo scopo. Tale tendenza positiva può essere un’occasione per i ricercatori per riuscire a vedere messo in atto il loro lavoro e diventare così protagonisti della crescita sociale e economica dell’Italia.

 

La redazione di WeCanBlog

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it