Home wecanjob.it
Logo WeCanJob

Green Economy: ecco le professioni più richieste

22
nov
2018

Sempre più Green! L’economia italiana trova nella sostenibilità ambientale e nel risparmio energetico una strada per proiettarsi verso il futuro. Può suonare forse “eccessivo” come incipit, ma in estrema sintesi è l’immagine che emerge dal rapporto GreenItaly 2018. Un appuntamento che da 8 anni mette in luce gli sforzi che le imprese italiane fanno per abbracciare nuove logiche di produzione, lasciandosi ispirare dai principi dell’economia verde e dell’economia circolare.

Dati importanti, che coinvolgono tanti settori e filiere produttive con innovazioni che lasciano ben sperare anche sul fronte occupazionale. Può essere, dunque, la Green Economy un fattore di competitività anche per il nostro Paese e uno spazio di inserimento professionale per i giovani?

Dal IX rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere – promosso in collaborazione con il Conai e Novamont, con il patrocinio del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare – trapela ottimismo. Con il supporto dei numeri, che riprendiamo brevemente.

Le imprese che scommettono nel Green

Dal 2014 al 2017 hanno investito in prodotti e tecnologie green oltre 345.000 le imprese italiane (il 24,9% delle imprese extra-agricole). Lo hanno fatto per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2.  In pratica 1 azienda italiana su 4, con un’attenzione che cresce particolarmente in 4 comparti:

  • elettronica
  • apparecchi elettrici
  • meccanica
  • mezzi di trasporto

Si tratta di ambiti di attività con una forte impronta di eco-efficienza: alto impatto ambientale associato ai processi produttivi che riducono emissioni, inquinamento, e facilitano il riuso dei materiali. Risultati raggiunti grazie alla leva dell’innovazione. Le imprese che hanno investito in prodotti e tecnologie green nel triennio 2015–2017 hanno introdotto innovazioni di processo, prodotto, organizzative, marketing; il 26% delle imprese che hanno investito nel green hanno adottato tecnologie 4.0 e ottenuto ritorni in termini di fatturato rilevanti.

LEGGI ANCHE: Industria 4.0: le competenze che servono per tenere il passo con la nuova rivoluzione industriale 

Un’onda green che sembra coinvolgere tutto il territorio nazionale. Volendo disegnare la geografia degli eco-investimenti, le Regioni con il più alto numero di imprese che stanno scommettendo sul green sono:

  • Lombardia (61.650 unità)
  • Veneto (34.797 unità)
  • Lazio (32.545 unità)
  • Emilia-Romagna (28.270 unità)
  • Campania (26.176 unità)
  • Piemonte (25.272 unità)
  • Toscana (23.163 unità)
  • Sicilia (21.954 unità)
  • Puglia (20.355 unità)    

Tante e in crescita, attente alla gestione virtuosa degli sprechi, all’impatto ambientale dei processi di produzione e allo sviluppo di modelli di business in cui sono richieste nuove competenze, anche in settori e profili professionali più tradizionali. Costruzioni, energia, rifiuti, idraulica sono ambiti di attività in cui “tradizione” e “innovazione” si incontrano e arricchiscono profili professionali di competenze al passo con le innovazioni tecnologiche e organizzative che la Green Economy richiede. Ecco, quindi, che la professione di elettricista si amplia e tende omologarsi al “tecnico in campo energetico”; la professione di idraulico si apre all’acquisizione di competenze più complesse e articolate, per gestire progetti di impianti capaci di ridurre gli sprechi. Solo per fare 2 semplici esempi.

LEGGI ANCHE: Le professioni Green: cosa richiede il mercato

Gli occupati nella Green Economy

Volendo quantificare gli occupati nella Green Economy, nel rapporto GreenItaly si fa riferimento a 2milioni 998mila green jobs che applicano competenze “verdi”. Il 13% dell’occupazione complessiva nazionale. Un dato che entro l’anno dovrebbe aumentare stando all’indagine Unioncamere sui fabbisogni professionali delle imprese, che prevede una domanda di green jobs pari a quasi 474.000 contratti attivati.

Quali i profili più richiesti? Nel rapporto sono individuate 10 figure professionali del tutto innovative o che hanno subito un processo di rinnovamento con l’introduzione di nuove competenze o il sostanziale aggiornamento di quelle esistenti, con alcune new entry rappresentate, ad esempio, dall’Educatore ambientale per l’infanzia, fino a professioni tecniche il cui posizionamento sul mercato del lavoro è andato già via via consolidandosi. Eccole in elenco:

  • Installatore di reti elettriche a migliore efficienza
  • Programmatore agricolo della filiera corta
  • Meccatronico green
  • Manovale esperto di calcestruzzi green
  • Installatore di impianti di condizionamento a basso impatto ambientale
  • Risk manager ambientale
  • Educatore ambientale per l’infanzia
  • Esperto in gestione dell’energia (ingegnere energetico)
  • Promotore edile di materiali sostenibili
  • Meccanico industriale green

Al di là delle competenze specifiche che caratterizzano ciascun profilo, l’attitudine al risparmio energetico e quella alla sostenibilità ambientale sono tra le competenze più richieste dalle imprese, subito dopo le cosiddette soft skills. Indicazioni da prendere in debita considerazione per tutti quei giovani che vogliono orientarsi verso il mondo green e costruire percorsi formativi e professionali coerenti con i fabbisogni espressi dalle imprese.

LEGGI ANCHE: L'economia del mare in Italia: numeri e tendenze

 

Lo staff di WeCanBlog

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it