Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale italiano
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Google, Apple, Coca-Cola, Amazon e Nike: 5 curiosità che forse non sapevi sul nome dei marchi

14
dic
2018

Nella grande era del consumismo, dalla cui logica siamo permeati fin dalla nascita, sono moltissimi i simboli e i marchi che affollano il nostro immaginario e la nostra memoria. Dalla Apple a Google, dalla Coca-Cola alla Nike: tutti nomi ormai familiari, onnipresenti su web, cartelloni pubblicitari, negozi e prodotti di uso diffusissimo. Ma sappiamo da dove derivano? Sappiamo che significa Google? Per quale motivo la Nike si chiama così? Da dove viene il nome Amazon?

Dietro al nome di questi marchi, che sono riusciti a superare il confine del semplice marketing per entrare nell’orizzonte culturale globale, si nascondono spesso motivazioni curiose e aneddoti interessanti. Oggi proveremo a saperne qualcosa di più, svelando i retroscena di 5 famosissimi marchi

LEGGI ANCHE: Sei bravo con la comunicazione visiva? Con Instagram potresti trovare lavoro

Che vuol dire Google? Un numero (quasi) infinito

Hai mai provato a cercare Google su Google? È la domanda che dà l’avvio alla celebre web-serie Lost in Google dei The Jackal, nella quale Simone Ruzzo, il protagonista, si perde nell’etere digitale digitando questo paradosso nella barra di ricerca del motore più utilizzato al mondo. Le potenzialità di Google sono, in effetti, difficili da immaginare e aprono scenari davvero suggestivi. Ma da dove viene il nome Google? Deriva da Googol, termine matematico utilizzato per indicare un numero pari a 10^100, ossia la cifra corrispondente a un 1 seguito da 100 zeri.

Il nome fu coniato nel 1938 dal matematico statunitense Edward Kasner, colpito dalla definizione che ne diede il proprio nipote di 9 anni e che sarebbe rimasta per sempre nella storia. Una misura della grandezza di questo numero si può avere considerando il fatto che alcune stime matematiche, per quanto approssimative, calcolano il numero totale di atomi nell’universo in una cifra compresa tra 10^79 e 10^81. Quando Sergey Brin e Larry Page fondarono il più famoso motore di ricerca, lo chiamarono così. La differenza di grafia (Google e non Googol), come descritto nel libro The Google Story di David Vise, fu dovuto a un errore di battitura in fase di registrazione.​

Il nome Amazon: direttamente dal Rio delle Amazzoni

Cosa vuol dire Amazon? Da dove deriva questo  nome? Perché è stato scelto dai fondatori del marchio? Vediamolo insieme. Anche in questo caso, la storia non è lineare. Il primo nome pensato da Jeff Bezos per la creatura destinata a diventare il leader dell’e-commerce mondiale era infatti Cadabra, abbreviazione della formula magica Abracadabra. Così fu registrato nel 1994, ma l’anno dopo il sito si presentava con il nome di Amazon. Come mai? Pare che l’avvocato di Bezos, a un primo ascolto del nome, capì male e credette di aver sentito “Cadaver”. Svista un poco funerea che fece subito cambiare idea al fondatore, il quale modificò il nome in Amazon, ispirandosi, si ipotizza, al Rio delle Amazzoni.

Ma la scelta fu motivata anche da una questione più strettamente pratica: un nome che iniziava con la “A” sarebbe stato meglio indicizzato sulle pagine di ricerca web, rendendo più facile la diffusione del marchio. Un altro nome candidato era Relentless, “implacabile”, che fu però considerato troppo cinico e ostile. Il dominio relentless.com è comunque tuttora attivo a rimanda alla pagina di Amazon. Provare per credere.

LEGGI ANCHE: Boom dell'e-commerce. Quante opportunità di lavoro!

Che significa di Coca-Cola? Proprio ciò che si immagina

Da dove viene il nome Coca-Cola? Ve lo siete mai chiesto? Sicuramente, dato che, quando si pensa a una bibita analcolica, la prima che viene in mente è proprio la celebre bevanda frizzante nera che ha invaso prima l’America e poi il mondo intero. È rinomata la scena del film Goodbye Lenin in cui, dopo la caduta del Muro di Berlino, viene appeso sopra a un palazzo un gigantesco poster della Coca-Cola.

Ma da cosa deriva il nome di questo diffusissimo prodotto alimentare? L’ironia sulla parola “coca” è ormai sprecata, ma è proprio così: inventata nel 1886 dal farmacista statunitense John Stith Pemberton col nome di Pemberton's French Wine Coca, la formula originale era composta da una miscela di vino e foglie di coca. La componente alcolica fu in seguito sostituita da un estratto di noci di cola, una pianta ancora largamente usata per aromatizzare diversi tipi di prodotti. Ecco fatto, allora, il nome: Coca-Cola. Che rimase anche dopo che le foglie di coca, da cui si poteva estrarre la cocaina, furono rese illegali. Ma si può comunque immaginare il motivo per cui, già dall’inizio, questa bevanda ebbe così tanto successo.

Il significato di Apple: molte teorie intorno all’intuizione di Steve Jobs

Altro marchio, altra domanda comune: che significa Apple? Attorno all’origine della mela morsicata più famosa del mondo sono circolate negli anni moltissime ipotesi. La più immediata, alimentata dalla mancanza di notizie certe, è quella di un rimando alla mela con cui Isaac Newton, secondo tradizione, ebbe l’intuizione sulla legge di gravitazione universale. Un’altra ipotesi, anche questa fantasiosa, lega l’origine del nome al suicidio del padre dell’informatica Alan Turing, trovato morto per avvelenamento da cianuro di potassio accanto a una mela.

Ma una parziale risoluzione dell’enigma, che possiamo considerare più attendibile, è stata data nel 2010 da un’intervista a Steve Wozniak, uno dei primi sviluppatori di Apple insieme a Steve Jobs. Wozniak racconta infatti che l’idea del nome Apple balenò nella mente di Jobs nell’estate del 1975, quando lavorava insieme al fratello in una piantagione di mele in Oregon. L’esperienza immersiva fra centinaia di mele gli fece considerare la melina come simbolo perfetto per un progetto destinato a compiere una delle più incisive rivoluzioni della storia.

LEGGI ANCHE: Aumentano le richieste di profili con digital skills. La tecnologia sarà il futuro del lavoro?

Perché la Nike si chiama così? Per volare veloci (lontano dall’Asia)

Proprio in Oregon è stata fondata, nel 1971, una delle più conosciute marche di scarpe, accessori e abbigliamento sportivo: la Nike. Ma cosa vuol dire Nike? Incorsa nel tempo in numerosi e gravi scandali per sfruttamento minorile in Cina, Vietnam e Corea del Sud, è rimasta comunque tra i marchi più diffusi nei negozi di abbigliamento sportivo e negli armadi di tutto il mondo. Chi ha fatto studi classici saprà perfettamente da cosa deriva il suo nome. Si tratta infatti della trascrizione in alfabeto latino del nome di un personaggio della mitologia greca, la dea della vittoria figlia della ninfa Stige e del titano Pallante: Nike, tradizionalmente rappresentata come una donna alata e nominata da Zeus come condottiera nella Guerra contro i Titani. Il suo epiteto è “Vittoria Alata” e la sua immagine positiva è purtroppo molto lontana dalle discutibili politiche del lavoro che in passato hanno coinvolto la marca che ne ha utilizzato il nome, simbolo dei danni provocati dalla delocalizzazione selvaggia allo scopo di abbassare i costi di produzione. 

 

La redazione di WeCanBlog

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
I nostri Partner
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it