Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Come si cambia il formato di un file di testo?

15
apr
2020

Come si cambia il formato di un file di testo?

Anche se non si è esperti del settore, ci sono alcune procedure informatiche che è utile imparare per sfruttare al meglio gli strumenti digitali e dimostrare una competenza più consapevole con uno sforzo minimo.E dunque: come si cambia il formato di un file di testo? Si tratta di un’operazione semplice che può tornare utile in molti contesti.

Il formato del file dipende dal tipo di software con cui è stato prodotto. Non sempre, però, questo è conforme alle nostre esigenze. Infatti, nel caso in cui il file deve essere condiviso con altri utenti oppure visualizzato con un pc diverso si potrebbero verificare problemi di lettura. Per questo è necessario prestare attenzione alla natura del file che stiamo inviando, in modo da garantire su ogni supporto una fruizione agevole e chiara.

In molte situazioni può fare comodo lavorare con un file in formato pdf: si tratta di un file di sola lettura di piccole dimensioni, facile da aprire e compatibile con tutti i pc. Ma non è l’unica soluzione: il formato di un file deve andare di pari passo con il suo uso.

Vediamo per esempio i formati più comuni per i file di testo:

  • TXT: è un formato di uso comune e si usa per documenti di testo standard. Non contiene la formattazione del testo e può essere aperto dalla maggior parte dei pc;
  • DOC e DOCX: di proprietà di Microsoft, questi formati vengono creati principalmente dal programma Microsoft Word. Un documento con questo formato può contenere grafici, tabelle, immagini e molto altro oltre al semplice testo;
  • PAGES: questo è un formato di proprietà di Apple e viene utilizzato solo per i documenti prodotti dall’editor installato sui sistemi operativi macOs;
  • ODT: è il formato standard per i documenti di testo dell’Unione Europea e viene prodotto da software liberi come Open Office. Può contenere tutti i tipi di formattazione oltre al testo (immagini, grafici etc.);
  • PDF: di proprietà di Adobe, è il formato più utilizzato in ambito lavorativo per inviare file di testo e documenti.

Controllare il formato di un file salvato sul nostro pc è facile: basta cliccare con il tasto destro sulla voce “Proprietà” e leggere accanto alla voce “Tipo di file”. 

LEGGI ANCHE: L'importanza delle competenze digitali per trovare lavoro

Come convertire un file di testo

Per cambiare il formato predefinito di un file di testo esistono due soluzioni possibili:

  • cambiare il formato del file in fase di salvataggio: nella schermata “Salva con nome” sotto al campo dedicato al nome del documento c’è una sezione adibita alla scelta del formato. Basterà selezionare il formato di nostro interesse tra quelli proposti e autorizzare il salvataggio. Nel caso in cui questo campo non venga modificato, il file verrà salvato con il formato predefinito previsto dal software su cui stiamo lavorando;
  • convertire il file una volta salvato: per svolgere questa operazione esistono vari modi. Uno dei più agevoli è sicuramente in rete. Ci sono, infatti, svariati siti che offrono la possibilità di convertire documenti, immagini, file audio e video gratuitamente.  

Leggi anche:

 

Chiara Calselli

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it