Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Blockchain, le professioni richieste

20
giu
2020

Efficienza, innovazione e cybersecurity: sono le tre priorità sulle quali oggi si focalizzano molte delle attenzioni delle imprese che vogliono rimanere al passo con le tecnologie del Millennio. In questo ambito la Blockchain può davvero fare la differenza; tuttavia è una parola che non tutti conoscono e che, per questo, merita un’attenzione adeguata. Nel nostro articolo di oggi scopriremo allora cos’è la Blockchain, come funziona e quali sono le professioni richieste a essa correlate.

Cos'è e come funziona la Blockchain

Prima di addentrarci sul versante professionale, scopriamo oggi cos’è e come funziona la Blockchain. Per darne una definizione si può dire che la Blockchain è un database distribuito, cioè  un registro delle transazioni dove i dati non sono memorizzati su un solo computer, ma su più macchine collegate tra loro via Internet, attraverso un’applicazione dedicata che permette loro di interfacciarsi a catena (la parola chain in inglese significa infatti catena). Tale database è fatto di blocchi di dati (e qui ritroviamo la prima parte del termine inglese, block, appunto) che memorizzano transazioni. Per essere consolidato all’interno di un blocco, ogni dato prima e ogni blocco dopo, deve sottoposto a un processo di validazione.

Per capire come funziona la Blockchain bisogna tenere a mente questi 2 termini: nodi e miner.

  • I nodi della blockchain sono i computer della rete che hanno scaricato la Blockchain nella loro memoria; chiunque può diventare un nodo, tramite un apposito programma;
  • I miner sono coloro che effettuano il controllo delle transazioni, grazie a computer molto potenti e attraverso un protocollo di validazione piuttosto complesso.

Ritorna, quindi, il concetto di protocollo o processo di validazione che abbiamo già incontrato nella definizione della Blockchain: è infatti l’elemento vitale della Blockchain perché è proprio da questo che dipendono la velocità della catena e la sua sicurezza. È proprio nell’ambito dei protocolli di validazione che, nel tempo, si sono osservate le principali evoluzioni tecnologiche. Per essere esaustivi possiamo indicare i principali protocolli di validazione:

  • Proof of Work: è il protocollo di validazione primigenio sul quale si è basata la prima Blockchain, il Bitcoin, e a tutt’oggi ancora il più diffuso. Ogni 10 minuti un nuovo blocco, contenente migliaia di transazioni, viene immesso nella Blockchain;
  • Proof of Stake: nasce per far fronte al problema della scalabilità del precedente protocollo, semplificando il processo di mining. Il protocollo prevede inoltre che quando viene aggiunto un nuovo blocco venga automaticamente scelto il creatore del blocco successivo.

LEGGI ANCHE: Come si fa a diventare Sviluppatore web?

Dove viene usata la Blockchain

Visto il continuo progredire di questa tecnologia, nata in contesti non prettamente aziendali, oggi diversi settori sfruttano la Blockchain in molte delle loro applicazioni. Vediamone alcuni anche per avere più chiaro il contesto in cui questa tecnologia ha trovato spazio, offrendo alle aziende diversi vantaggi, come la digitalizzazione, la sicurezza, l’attendibilità, l’affidabilità e la velocità delle operazioni compiute.

  • Supply chain: grazie all’implementazione degli smart contract in una Blockchain può essere possibile avere visibilità in tempo reale di ogni passo compiuto dai prodotti all’interno di una catena di fornitura;
  • diritto d’autore, registrazione brevetti, sicurezza dei farmaci: i contenuti digitali vengono continuamente copiati con la facilità di un click e la pirateria di ebook, film e musica è una vera e propria piaga che rischia di portare al fallimento interi settori dell’economia mondiale. L’utilizzo della Blockchain permette di registrare tutti i trasferimenti di un contenuto digitale consentendo di esigere il diritto d’autore sulla base dell’utilizzo che se ne intende fare;
  • energia: questo è uno dei settori in cui la Blockchain può trovare una vasta gamma di impieghi; infatti consentirebbe invece di mettere direttamente in contatto il produttore con il consumatore, di gestire in un modo totalmente nuovo il flusso di distribuzione dell’energia. Con l’implementazione di smart contract (contratti digitali) consentirebbe di iniziare o interrompere l’erogazione di energia in base alle regole definite nel contratto digitale. L’energia prodotta in eccesso potrebbe essere resa facilmente e immediatamente disponibile quando necessario.

Professioni della Blockchain

Abbiamo quindi visto come la Blockchain sia una tecnologia che sempre più aziende sfruttano per controllare e far fiorire il loro business. Per questo ci sono molte professioni legate alla Blockchain, alcune più tecniche e settoriali e altre più ibride: ci vengono in mente la figura dell’Avvocato o dell’Economista che, come vedremo tra poco, si pongono a cavallo tra un ambito strettamente umanistico e uno più scientifico e tecnologico.

Se guardiamo al nostro Paese, poi, secondo i dati 2019 dell’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger della School of Management del Politecnico di Milano, il 59% delle aziende in Italia ha avviato progetti che utilizzano la Blockchain o è pronto a farlo, con un investimento pari a circa 30 milioni di euro in progetti e risorse. Pur essendo lontani dallo scenario tipico dei Paesi anglosassoni, dato che in Italia solo il 37% delle grandi realtà e il 20% delle PMI conoscono le possibili applicazioni della Blockchain, è plausibile pensare che nei prossimi anni anche questo settore osserverà una crescita di rilievo. Ecco perché è interessante osservare da vicini quali sono le professioni della Blockchain.

Blockchain consultant/attorney

Il Blockchain consultant/attorney, cioè un Avvocato o Consulente legale in ambito Blockchain, è proprio quella figura ibrida che abbiamo menzionato all’inizio del paragrafo dedicato alle professioni della Blockchain: evoluzione del Legale più tradizionale, un Blockchain consultant è dotato di conoscenze specialistiche e multidisciplinari in diritto della proprietà intellettuale, della cybersecurity e della protezione dei dati personali a livello nazionale e sovra-nazionale, cui spetta il compito di verificare l’adeguatezza dei sistemi alle rispettive leggi applicabili nonché di difendere la società nel corso di controversie giudiziali sul tema.

Blockchain information security analyst

Il Blockchain information security analyst è un soggetto cui si richiede elevata conoscenza dei sistemi informatici e delle potenziali minacce per la sicurezza degli stessi e a cui spetta il compito di aggiornare, proteggere e monitorare le struttura informatica del titolare e prevenire, fermare e reagire tempestivamente agli accessi da parte di soggetti non autorizzati, attraverso l’analisi sistematica e programmata delle vulnerabilità dei sistemi in uso. Il Security analyst, dunque, è una figura chiave che contribuisce alla crescita dell’azienda, dei propri standard di sicurezza e delle policies di utilizzo degli strumenti informatici.

Blockchain data scientist

Quando viene creato il sistema in grado di acquisire ed elaborare ingenti quantità di dati, il Blockchain data scientist è in grado di analizzarli e tradurli in qualcosa di concreto. L’analisi dei dati (in particolare dei big data), ove condotta correttamente e secondo criteri logici pertinenti con le finalità dell’azienda, può, infatti, consentire alla stessa di agire preventivamente, con vantaggio rispetto ai competitors o evitando l’insorgere di rischi per la continuità aziendale. Tra le competenze richieste al Blockchain data scientist si hanno: capacità di analisi e combinazione di insiemi di dati, individuazione all’interno delle blockchain delle informazioni rilevanti, costruzione di grafici a partire dai dati, analisi degli scambi in criptovalute, al fine di elaborare dei report che possano essere utili a migliorare e potenziare l’azienda.

Blockchain developer

Il Blockchain developer ha competenze molteplici e riguardanti lo sviluppo di software, la machine learning engineering, e la capacità di creare infrastrutture digitali complesse pensate per l’ottimizzazione del business del proprio cliente. È quindi un tecnico informatico altamente specializzato con conoscenze trasversali aziendalistiche, in quanto demandato alla creazione di sistemi personalizzati finalizzati all’ottimizzazione delle risorse.

LEGGI ANCHE: Chi è il Data protection officer?

Blockchain designer

Il Blockchain designer favorisce l’implementazione dei sistemi di blockchain all’interno dell’azienda, trovando delle soluzioni che consentano di rendere agevole ed efficace l’introduzione di nuovi strumenti informatici all’interno del complessivo quadro organizzativo e tecnologico già esistente.

Blockchain marketing specialist

Il Blockchain marketing specialist è un professionista i cui compiti sono di delineare una strategia di marketing, studiare l’implementazione di campagne social per promuovere i servizi offerti dall’azienda, nonché la capacità di produrre contenuti facilmente comprensibili per i possibili utenti; è quindi una figura a cavallo tra il reparto marketing e il reparto informatico dell’azienda.

Blockchain project manager

Al Blockchain project manager viene affidata la responsabilità del team di lavoro per lo sviluppo dei sistemi blockchain-based, assicurandone la funzionalità e la sicurezza, sulla base del budget reso disponibile dalla società. Per far fronte a questi compiti, vari e complessi, deve possedere capacità tecniche e manageriali, oltre che una comprovata esperienza in tema di software engineering.

Technical recruiter

Il Technical recruiter è il membro del dipartimento delle risorse umane di un’impresa in grado di valutare le competenze e le conoscenze in tema blockchain di un potenziale candidato che vuole entrare a far parte dell’organico dell’azienda stessa.

Blockchain quality engineer

Un Blockchain quality engineer è responsabile di tutte le aree di qualità nell’ambiente di sviluppo, inclusi framework e test di automazione, test manuali e dashboard. Questo professionista è generalmente responsabile della pianificazione e della consegna di complessi progetti di blockchain, nonché dello sviluppo, dell’applicazione e della manutenzione degli standard di QA.

Blockchain engineer

Il Blockchain engineer è responsabile della creazione e dell’implementazione di soluzioni digitali per le aziende che utilizzano la Blockchain. Gli Ingegneri che ricoprono questo profilo devono studiare le esigenze tecnologiche della Blockchain nella loro azienda e creare le applicazioni per soddisfare tali esigenze. Dovrebbero essere esperti in Java, Hyperledger Fabric, Ripple, Solidity, Python, Bitcoin, Oracle Identity e soluzioni di gestione degli accessi.

 

Federica Privitera

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it