Home wecanjob.it
Orientamento formazione e lavoro: il portale itali

Banca delle terre agricole: un'opportunità per giovani imprenditori

14
dic
2017

Orientare i giovani verso il mercato del lavoro significa offrire loro delle coordinate chiare per muoversi in un campo molto vasto, popolato da profili professionali decisamente eterogenei. Non è affatto facile riuscire a intrecciare le aspettative personali con il bagaglio di competenze possedute e le opportunità offerte dal mercato. Partire dalla conoscenza del territorio e di ciò che esso offre sul piano occupazionale è sicuramente un aspetto importante. Ma è altrettanto rilevante sapere che ci sono risorse e strade che permettono di guardare ad ambiti di lavoro che solo un decennio fa erano del tutto distanti dall’orbita professionale dei giovani. Uno su tutti: la Brown Economy.

Proprio di recente abbiamo dedicato un post alle professioni più richieste del 2018 e tra i diversi settori in espansione, continuano a destare molto interesse tutte le possibilità di impiego collegate all’agricoltura. Un ambito che negli ultimi anni è stato attraversato da intensi processi di innovazione tecnologica e che ha maturato un forte appeal tra giovani, soprattutto tra coloro che sono intenzionati a trasformare un’idea in un’attività di impresa.

Giovani imprenditori per il rilancio dell’agricoltura

In agricoltura sembrano aprirsi interessanti opportunità sia per chi cerca un’occupazione nelle diverse professionalità collegate alla filiera, che vanno ben oltre i servizi e prodotti tradizionali collegati all’attività di coltivazione e allevamento, sia per chi vuole seriamente intraprendere iniziative innovative, come dimostra l’aumento del numero di imprese individuali condotte da under 35. Su quest’ultimo aspetto, la Coldiretti conferma come l’Italia rappresenti il Paese leader in Europa per giovani che si avvicinano al settore dell’agricoltura. Un interesse crescente che si traduce in profonde innovazioni con multi-attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, etc.

In scia a questo trend di crescita del settore, lo scorso 27 novembre è stata presentata a Napoli un’interessante misura adottata dal Governo per sostenere iniziative volte a valorizzare e riqualificare i beni non utilizzati nelle regioni del Mezzogiorno: la “Banca delle terre agricole”.

Banca delle terre agricole

L’idea è affidare terreni abbandonati, incolti ed aree edificate ad uso industriale, artigianale, commerciale, turistico-ricettivo a giovani che vogliono avviare imprese agricole per produzioni di qualità. Uno stimolo a un settore, quello dell’agricoltura, che in Italia (come detto) sembra non conoscere crisi.

Le regioni coinvolte sono:

  • Abruzzo 
  • Basilicata 
  • Calabria 
  • Campania
  • Molise
  • Puglia 
  • Sardegna
  • Sicilia

Ad "aprire le danze" è stato l’ente pubblico Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), che il 5 dicembre scorso ha aperto uno sportello telematico per la vendita dei primi 8.000 ettari di sua proprietà, da destinare in via preferenziale ai giovani. Questo perché la disponibilità di terra è stata individuata come un elemento cardine nella crescita e nello sviluppo delle imprese agricole gestite da under 35 (in aumento del +9,3% nel terzo trimestre del 2017 rispetto allo scorso anno).

Stando agli ultimi dati forniti dalla Coldiretti, circa il 50% delle imprese agricole (già esistenti) e gestite da under 35 manifesta la necessità di affittare o acquistare nuovi terreni agricoli per sostenere la domanda di prodotti e, rispetto alle imprese agricole europee, le aziende gestite da giovani possiedono una superficie superiore di oltre il 54% rispetto alla media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più. Indici concreti che se da un lato testimoniano lo stato di benessere dell’intero settore, dall'altro richiedono ulteriori sforzi anche da parte delle istituzioni pubbliche per sostenere una crescita (evidente nei dati) che può incidere sulla competitività dell’Italia e stimolare ancor più l’ingresso di giovani nella Brown Economy.

 

La redazione di WeCanBlog

Utility WeCanJob
Profili professionali
» commenti inseriti : 0
Inserisci un commento:
Non sei autorizzato ad inserire commenti sul blog.

Ultimi 30 commenti
Non ci sono commenti
Tutti i contenuti editoriali contenuti e pubblicati sul sito wecanjob.it sono stati registrati e sono protetti dalle leggi in materia di proprietà industriale e/o intellettuale. Leggi ancora...
- Inizio della pagina -
NEWSLETTER
TROVACI SU
2015 WeCanJob S.r.L., Via Torelli n. 22, CAP 71100 – FG, Partita IVA 04016220719
Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato
0
Il progetto WeCanJob.it è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it